Ccome abbiamo già discusso in "Cos'è il mining di Bitcoin?“, I minatori sono un elemento essenziale di Bitcoin. Dipende da loro che le transazioni siano convalidate e, in larga misura, dalla sicurezza Bitcoin. Ma non sono gli unici ad avere l'incredibile compito di occuparsi della sicurezza della rete. Di quale sicurezza stiamo parlando? Chi sono i guardiani di Bitcoin? fareChe cos'è cosa può succedere?

Per spiegare questo e molto altro, parleremo di cos'è un file di attacco 51% e quale pericolo rappresenta per Bitcoin.

Un piccolo contesto

Prima di tutto, Bitcoin e il resto di criptovalute (quelli veri) si basano su un principio fondamentale: i decentramento. Per questo principio, tutti i partecipanti alla rete hanno una copia del libro dei conti, del blockchain. I partecipanti sono comunemente chiamati "nodi".

Ogni copia riflette la stessa cronologia completa di tutte le transazioni avvenute dall'inizio del tempo. In Bitcoin questo significa che ogni transazione dal 3 gennaio 2009 è all'interno del blockchain di questa rete. Ma poiché non esiste un nodo centrale in Bitcoin, tutti i nodi devono avere la loro copia. In questo modo, convalidano matematicamente le transazioni e i nuovi blocchi per verificare che tutto sia corretto.

Queste convalide sono molto semplici. Ma devi tenere a mente una cosa, la convalida di transazioni / blocchi non è mining. Piuttosto, questo compito significa convalidare che il lavoro di mining sia stato corretto ed è un'operazione matematica molto semplice. Se l'operazione di convalida ha esito positivo, i nodi aggiungono la nuova transazione alla loro copia della cartella di lavoro e, in caso contrario, la scartano. Dopo questa azione la rete è programmata per seguire la catena di blocchi più lunga (sì, ci sono costantemente tentativi di ramificazione che senza supporto rimangono orfani).

Tutto questo è gestito in autonomia grazie al protocolli di consenso. Ed è che se più del 51% dei nodi prende qualcosa per certo, essendo la maggioranza, si decide che questa è "la verità", democraticamente. In questo modo, la catena che riceve il supporto del 51% della rete diventa la catena più lunga.

Dov'è il problema?

Ma sicuramente ti chiederai: dov'è il problema in questo schema di lavoro? Cosa succede se più del 51% dei nodi decide di mentire perché sono associati e beneficiano di quella bugia?

Ciò, che è teoricamente possibile, è diventato impossibile da implementare, a causa della sua complessità tecnica e del suo costo. Inoltre, non sono tanti i vantaggi che si possono ottenere da quello che vediamo come il Teoria dei giochi (Vedere equilibrio di Nash).

Come avrai capito, ogni nodo rende la rete una rete più sicura, il che consente di evitare di falsificare gli account del Blockchain. Quando si parla di "nodi" è importante capire che i nodi non sono necessariamente minatori, i nodi sono tutti quei computer che sono collegati al rete P2P Bitcoin. Anche i minatori sono nodi, ma con una funzionalità attivata per risolvere i problemi di mining, quindi per essere un nodo non è necessario spendere elettricità oltre a ciò che significa avere un computer acceso con una connessione Internet. Internet.

La sicurezza di Bitcoin (e di qualsiasi sistema distribuito) è direttamente proporzionale alla decentralizzazione dei suoi nodi.

Origine

Un attacco del 51% si verifica quando una persona o un gruppo controlla il 51% della potenza di calcolo della rete. In altre parole, avrebbe più potenza di calcolo di tutti gli altri minatori e più partecipanti per il "voto" rispetto al resto insieme. Una situazione che potrebbe influire negativamente su questo sistema elettronico distribuito, alterando temporaneamente il funzionamento della rete. Questa è la teoria. Anche il suo White Paper di Bitcoin menziona direttamente la scena di un attacco del 51%. In effetti, è stato un male necessario con cui convivere in questo tipo di infrastrutture.

Questi dibattiti non sono solo una questione di presente, in passato ci sono stati anche momenti di molti dubbi legati al "fantasma" dell'attacco del 51% a Bitcoin. Dall'inizio del 2014, la società di cloud mining Ghash.IO era pericolosamente vicino al 50% della percentuale di hash (o potenza) di mining totale della rete Bitcoin. Questa situazione ha generato insicurezze in tutti quegli utenti che avevano appena scoperto Bitcoin. Tuttavia, la società attualmente non è più operativa e il potere hash di BItcoin è più distribuito.

Ma avrei potuto fare qualcosa? Vediamolo con un esempio più semplice.

Sono il cattivo male e voglio distruggere Bitcoin

Odiate l'umanità che cammina verso la libertà? La tua felicità dipende dal controllo del pianeta? Sicuramente sei una persona vicina a una banca centrale, amante del fiat e, quindi, odi Bitcoin.

Bene, da Bit2Me spiegheremo come distruggere Bitcoin: ti incoraggiamo a fare un attacco del 51%.

La ricetta è molto semplice, devi solo:

  1. Ottieni il 51% della rete, ovvero circa 6000 nodi.
  2. Devi anche avere una rete di minatori abbastanza potente in modo da essere sempre tu a estrarre il blocco.

In questo modo, ogni volta che estrai un blocco, i tuoi 6000 nodi convalideranno ciò che fai e non ciò che fanno gli altri.

Certo, devi fare tutto molto velocemente, in pochi secondi!

Questo significa la fine del Bitcoin e il mantenimento del regime fiat?

Purtroppo per Malo Maligno, e per la tranquillità di tutte quelle brave persone: la risposta è no. In pratica è attualmente impossibile eseguirlo.

I nodi possono essere "economici", ma i miner non lo sono e nemmeno la loro elettricità.

"Ma una banca stampa denaro gratuitamente, può comprare quello che vuole" penserai.

È vero. Bene, vi diciamo anche che a causa dello scenario basato sulla competizione, Bad Malignant è obbligato che il suo attacco debba avvenire costantemente e in pochi secondi, cosa impossibile, poiché ogni blocco viene estratto in 10 minuti, e in pochi secondi verreste rilevati.

Tuttavia, immaginiamo di ottenerlo in un altro momento o contesto.

Il risultato finale sarebbe che Malo Maligno controllerebbe la rete, al colpo di un libretto degli assegni molto grande. Per cosa? Ad esempio, per raddoppiare le spese che alla fine potrebbero andare bene e che sarebbero rilevate dalla rete (che ti eliminerebbe biforcandoti e lasciandoti fuori).

Ci sono molte istituzioni finanziarie che hanno osato dire che Bitcoin era facilmente attaccabile e mesi dopo hanno dovuto rettificare.

La stessa Bank of Canada, tra le altre, ha dovuto rettificare una prima "presa in giro" che ha fatto alla sicurezza di Bitcoin. Dopo aver appreso in profondità come funziona Bitcoin ha preso uno studio dove assicura che sia praticamente impossibile, attualmente, violare la rete bitcoin attraverso un attacco riuscito del 51%.

Situazione attuale della rete

Attualmente ci sono più di 10.000 nodi: Vedi la mappa dei nodi.

Tuttavia l'ambientazione non è perfetta. Perché?

Bitcoin ha milioni di utenti. Ma ci sono solo circa 10.000 nodi. Ciò significa che quasi tutte le persone che utilizzano Bitcoin non hanno un proprio nodo, utilizzano nodi di terze parti: ad esempio, utenti di portafogli online, portafogli leggeri, case di scambio, ...

D'altra parte, come abbiamo spiegato, i minatori sono una parte molto importante. Sono loro che creano blocchi, gli unici che possono, ei blocchi sono necessari per convalidare le transazioni, senza blocchi non ci sono transazioni sicure.

I nodi possono convalidare solo il lavoro, cioè in questo caso quello dei minatori.

Il problema è che all'interno della potenza di mining non sappiamo quanti nodi ci sono e oltre il 60% della potenza di mining è attualmente composta da soli 5 pool di grandi dimensioni: Vedi distribuzione mineraria.

Hash power pool BTC

Tuttavia, si stima che ci siano pochissimi nodi dietro i miner rispetto alla rete totale e, sebbene fossero molti, non dovremmo essere allertati più del necessario.

Costo e conseguenze

Nel suddetto caso, tale entità potrebbe utilizzare tale vantaggio per effettuare operazioni:

  • Inverti le transazioni e raddoppia la spesa con i tuoi bitcoin
  • Evita le conferme delle transazioni che dovrebbero essere convalidate normalmente
  • Impedisci ad altri minatori di estrarre blocchi validi

Nonostante ciò, sia il tempo che l'investimento che sarebbe necessario per effettuare un attacco di queste caratteristiche è talmente elevato e complesso da non essere ottimale per la persona o ente interessato. Vediamo alcune azioni che l'attaccante non è stato in grado di eseguire:

Invertire le transazioni di altre persone ma impedire che transazioni o nuovi blocchi vengano effettuati da qualcuno diverso da lui. (visualizzato come "non confermato").

  • Cambia il numero di monete generate da ogni blocco
  • Crea monete da zero
  • Invia monete che non ti sono mai appartenute

Inserisci il seguente link se ancora non lo sai come funzionano le transazioni Bitcoin.

Tuttavia, da anni si dibattono scenari ipotetici nell'attacco del 51% a Bitcoin e sono state proposte molte soluzioni. Prendi quello di Gavin Andresen per esempio.

Gavin Andresen (sviluppatore del progetto Bitcoin), ha aggiunto alcuni dettagli e chiarimenti su questo attacco sul proprio sito web Gavin Tech:

Qualcosa come "ignora una catena più lunga che rende orfana la catena migliore corrente se la somma (priorità delle transazioni incluse nella nuova catena) è molto inferiore alla somma (priorità delle transazioni nella parte della catena migliore corrente che sarebbe orfana)" significherebbe un Il 51% dell'attaccante dovrebbe avere sia molta potenza di hashing che molti vecchi bitcoin ad alta priorità per mantenere un attacco di negazione del servizio. E finirebbero abbastanza rapidamente i vecchi bitcoin ad alta priorità e sarebbero costretti a includere le transazioni di altre persone o a far rifiutare la loro catena.

Secondo Gavin, difendere la rete da un attacco del 51% sarebbe relativamente facile costringendo l'attaccante ad avere un vecchio BTC ad altissima priorità e un potere hash.
Il tempo in cui l'attacco sarebbe durato sarebbe relativamente breve e l'attaccante esaurirebbe rapidamente i BTC ad alta priorità, essendo costretto a includere transazioni di altri o subire il rifiuto dalla loro catena.

Come evitare l'attacco del 51%?

Se una cosa è chiara, è che ci sono sempre più nodi, ma dobbiamo continuare a promuovere il decentramento da Bit2Me e da ognuno di voi.

Cosa può fare una persona semplice come me? Ti starai chiedendo.

Non sei solo una persona. In Bitcoin hai il potere.

Come abbiamo detto, la salute di Bitcoin è legata ai nodi che lo compongono, non al suo prezzo. Il suo prezzo ne è una diretta conseguenza.

Se credi in Bitcoin puoi fare due cose:

  • Partecipa alla rete. Devi solo installare un programma e diventerai un nodo: Come montare un nodo Bitcoin.
  • Condividi questo post con tutti quelli che puoi in modo che capiscano l'importanza del decentramento per Bitcoin.

Bitcoin è un'incredibile rivoluzione tecnologica, finanziaria, politica e sociale, ma spetta a ciascuno di noi diventare sempre più forte.

Pensa che l'attuale rete mineraria tenda alla centralizzazione o al decentramento? Riesci a pensare ad altre idee per migliorare questa situazione?