Un token ERC-20 non è altro che un contratto intelligente che ha una struttura dati prestabilita. Questa struttura è progettata per facilitare l'implementazione di varie funzionalità sulla blockchain di Ethereum, facilitando il lavoro di creazione per gli sviluppatori. 

La blockchain di Ethereum,a differenza di Bitcoin, è stato creata per essere un intero ecosistema integrato. Per questo motivo, i suoi sviluppatori hanno creato nuovi meccanismi per facilitare determinate funzioni. Un esempio di ciò è stato il miglioramento della capacità di creare nuove monete "sopra" una blockchain esistente. Una cosa possibile con Bitcoin e ciò che osserviamo nelle cosiddette colored coins. Per realizzare questo, gli sviluppatori di Ethereum hanno creato token ERC-20.

La sua creazione è stata proposta da Fabian Vogelsteller y Vitalik Buterine approvato il 19 di novembre 2015. Fa parte del EIP di de Ethereum, sotto la designazione EIP-20 (EIP è l'acronimo di Proposta di Miglioramento di Ethereum).

La sigla ERC significa Richieste di Commenti di Ethereum o Richiesta di Commenti per Ethereum, mentre il numero 20 proviene dall'EIP in cui è descritto. ERC-20 descrive uno standard sulle funzioni e gli eventi che lo smart contract de Ethereum può implementare.

Attualmente, i token ERC-20 sono uno dei token più utilizzati nel mondo delle criptovalute. La quantità di token ERC-20 creati è enorme, puoi fare il check-in Etherscan esistano oggi.

Come funzionano i token ERC-20?

I token ERC-20 sono, in linea di principio, smart contract che vengono eseguiti nella blockchain di Ethereum. Funzionano all'interno di uno schema programmatico stabilito dal team di Ethereum. Questo schema è abbastanza ampio da consentire usi diversi senza interrompere il funzionamento della blockchain di Ethereum. Ad esempio, sono in grado di portare una sottocontabilità parallela al libro principale di Ethereum, avendo una propria unità di conto. Tutto questo senza che si mescolino i saldi Ether degli indirizzi garantendo però, la trasparenza, la tracciabilità e la sicurezza che la rete Ethereum fornisce.

È proprio questa enorme flessibilità che ha portato i token ERC-20 a diventare uno standard. L'utilità principale di questi token è standardizzare l'interfaccia per la creazione e l'emissione di nuovi token sulla rete. Ciò si ottiene applicando determinate regole e parametri per la sua accettazione. Ad esempio, per modificare o spostare un token ERC-20, devi avere Ether. Questa situazione supporta sia la parte economica che quella utilitaristica del token.

L'obiettivo e la necessità dei token ERC-20 è progettare uno standard per creare interoperabilità e compatibilità tra i token e promuovere miglioramenti nell'ecosistema Ethereum. Questo avviene perché i token ERC-20 facilitano notevolmente il lavoro di creazione di nuovi token. Dal momento che l'infrastruttura è stata progettata per questo. Oltretutto è stato anche accompagnato da strumenti con questa finalità, come il linguaggio di programmazione Solidity, o la macchina virtuale EVM.

Ethereum ERC 20 token

Perché sono stati creati i token ERC-20?

La motivazione principale degli sviluppatori durante la creazione di qualcosa di così vasto, è stata principalmente di voler crear un sistema de capacità multipla. Tutto questo sotto un'interfaccia standard riutilizzabile per altre applicazioni: dai portafogli agli scambi decentralizzati. Tutto questo sotto a un API che garantisce agli sviluppatori i seguenti vantaggi:

  1. uniformità in programmazione. L'API è standard e stabile, il che facilita il compito di programmare utilizzandolo. Ciò rende facile per i programmatori creare un nuovo software basato sulle capacità di Ethereum.
  2. Riduce la complessità della programmazione. Dato l'API è semplice, il suo utilizzo riduce la complessità del software creato per utilizzarla. Questo si traduce in una migliore lettura, sicurezza e verificabilità del codice scritto.
  3. Supporto per più linguaggi di programmazione e miglioramenti nella portabilità. Poiché l'API dei token è gratuita, è possibile programmarla in diversi linguaggi di programmazione. Ciò facilita notevolmente la capacità di creare un software specifico. Alcuni dei linguaggi supportati per questa attività sono Solidity, JavaScript, C, C ++, Python, Java e Go.
  4. Meno complessità nella comprensione di ogni tipo di token implementato. Ciò è dovuto al fatto che saranno tutti basati sugli stessi principi di funzionalità.
  5. Maggiore sicurezza, soprattutto grazie a funzionalità come token allowance.
  6. Minor rischio di rottura dei contratti, non essendoci impedimenti o incompatibilità. Questo grazie al fatto che l'API sia stabile, il che comporta che le modifiche introdotte lo migliorino , ma senza interrompere mai la compatibilità.

Quanto sai, Cryptonuta?

I token ERC-20 sono uno smart contract o no?

VERO!

I token ERC-20 sono uno smart contract con una struttura di base e standard su cui i programmatori possono implementare funzionalità utilizzando la blockchain di Ethereum. Tra queste funzionalità ci sono, ad esempio, le DApp di Ethereum.

Caratteristiche principali dei token ERC-20

Come abbiamo già accennato, i token ERC-20 sono principalmente caratterizzati dalle loro ampie capacità di adattabilità. Ma per riuscirci, un token ERC-20 utilizza una certa struttura di base che consente di sfruttare tutto il suo potenziale. In questo senso, queste caratteristiche sono:

  1. Hanno un nome o un identificatore e un simbolo associato. Attraverso questi due valori è possibile identificare e differenziare i token l'uno dall'altro all'interno della blockchain di Ethereum.
  2. È in grado di gestire gli aspetti economici di base della sua emissione. Dati come il sistema di precisione decimale e l'emissione totale sono una parte fondamentale del token nella sua struttura dati.
  3. Gestisce un'interfaccia per controllare e rivedere i bilanci degli indirizzi dei suoi proprietari. In questo modo il token è in grado di riportare il saldo totale dei fondi contenuti in uno specifico indirizzo.
  4. Può gestire il sistema di trasferimento in modo originario. Questo grazie al fatto che il token possiede funzioni per gestire i trasferimenti di fondi.
  5. Inoltre, il token è in grado di gestire autonomamente prelievi parziali di fondi da un indirizzo. Ad esempio, se a Juan viene dato il permesso di prelevare 1000 ETH dal conto di Maria, Juan può ritirare 250 ETH al primo prelievo. Nei prelievi successivi, Juan può terminare il prelievo del resto dei fondi, ma può salire solo fino a 1000 ETH. Una caratteristica che si chiama "Approvato" e che dipende da un'altra chiamata "Fornitura".

Questo articolo fa parte di tokenizzazione del corso gratuito, NFT e ICO.

Accedi al corso, acquisisci una conoscenza approfondita dei token e ottieni il tuo Diploma certificato di Bit2Me.