Conosci Mark Karpelès, una delle più importanti figure nel mondo degli exchanges di criptovaluta, e anche una delle più note.

I l nome di Mark Karpelès è ampiamente conosciuto nel mondo della programmazione e delle criptovalute. Karpelès è un programmatore di origine francese, sviluppatore e imprenditore PHP, che è stato CEO del famoso e defunto exchange di criptovalute Mt Gox. È stato anche membro fondatore del consiglio di amministrazione della Bitcoin Foundation fino al XNUMX, anno in cui si è dimesso da questa carica. Quest'ultimo è anche legato al famoso hack della piattaforma Mt Gox.

Karpelès è nato nel 1985 a Chenove, in Francia, ed è figlio di Anne Karpelès, una riconosciuta geologa. Tra il 1995 e il 2000, Karpelès ha studiato al Collège Prieuré di Binson a Châtillon-sur-Marne e al Prieuré De Binson a Dormans. Ha poi trascorso un anno al Lycée Claude Bernard di Parigi, prima di completare gli studi nel 2003 al Lycée Louis Armand di Parigi.

Da quel momento in poi, Karpelès ha iniziato a costruire la sua rinomata carriera come sviluppatore e imprenditore.

Mark Karpeles

Inizio della sua carriera

La carriera di Karpelès è iniziata nel 2003, anno in cui ha lavorato come sviluppatore di software presso la società Linux Cyberjoueurs. A quel punto, il diciottenne Karpelès stava già mostrando un enorme potenziale come sviluppatore. Inoltre, in questa azienda ha svolto anche lavori come amministratore di rete. Il suo lavoro in questa azienda si è concluso nel 18.

Dopo aver lasciato Linux Cyberjoueurs, Karpelès ha dedicato gran parte del suo tempo allo sviluppo e all'espansione di PHP. Questo lo ha portato a contribuire allo sviluppo ufficiale di PHP, soprattutto nella creazione di proctitle, uno strumento che permette di rinominare un processo corrente su sistemi GNU / Linux utilizzando PHP.

Ma nel 2009, Karpelès, 24 anni, si è trasferito in Giappone. Una volta lì, ha creato la sua azienda, Tibanne Co. Ltd. Questa era una società dedicata alla fornitura di tecnologie relative alle reti e al web hosting. Successivamente, nel 2010, Karpeles ha acquisito il dominio del Monte Gox, con il quale ha costituito una delle più grandi piattaforme di scambio all'epoca al mondo. Ha avuto una partecipazione attiva in questo exchange, con il possesso di oltre l'80% delle azioni a nome suo.

La creazione della Bitcoin Foundation

Nel 2012, Karpelès segnerebbe un altro successo nella sua carriera. Insieme a Gavin Andresen, Charlie Shrem, Peter Vessenes, Roger Ver, Patrick Murck e Mehul Puri, si creava la Bitcoin Foundation. Questa organizzazione senza scopo di lucro cerca di creare uno spazio standardizzato che consenta al progetto di progredire e svilupparsi senza problemi.

Per diversi anni, il successo ha sorriso a Karpelès. Da un lato, la sua piattaforma Mt Gox stava crescendo rapidamente e la sua ricchezza con essa. Ma dall'altra, successi come la creazione della Bitcoin Foundation di cui faceva parte, gli hanno dato una presenza enorme nella comunità crypto.

Tuttavia, tutto inizierebbe a cambiare drasticamente. Prima di tutto, Mt Gox ha avuto diversi problemi di sicurezza che hanno portato alla perdita di grandi quantità di bitcoin ai suoi utenti. D'altra parte, la Bitcoin Foundation è stata coinvolta in diversi scandali e ha avuto un fiume di critiche. Fatti in cui lo stesso Karpelès ha avuto molto a che fare.

La già delicata situazione ha raggiunto il suo apice nel febbraio 2014. In quel momento un hack sul monte Gox ha portato Karpelès in disgrazia.

Raggiungere la vetta del successo

Karpelès ha raggiunto l'apice della sua carriera con la creazione del Monte Gox. La sua visione del futuro delle criptovalute lo ha portato a sviluppare una piattaforma di scambio che è diventata la più importante al mondo. In effetti, Mt Gox ha gestito oltre il 70% delle transazioni Bitcoin.

Nel 2010, Karpelès ha riaperto il progetto Bitcoin Wiki utilizzando la suite MediaWiki. Il successo fu tale che la comunità iniziò a raccogliere in esso tutta la conoscenza precedente della rete in questo spazio. Qualcosa che è stato particolarmente utile nel mezzo della censura che uno spazio come Wikipedia imponeva in quel momento sui progetti di criptovaluta. Una situazione che ha addirittura infastidito fortemente lo stesso Satoshi Nakamoto. Nonostante ciò, il progetto ha continuato il suo sviluppo e continua a funzionare ancora oggi.

Un altro dei contributi di Karpelès è stata la creazione di CryptoPayment. Questa è un'estensione MediaWiki ampiamente utilizzata da Bitcoin Wiki per diversi anni. L'estensione concedeva diritti di modifica agli utenti che pagavano una piccola tariffa per evitare spam e modifiche dannose. Inoltre, ha anche creato la Bitcoin Map. Una mappa dove il file nodi di Bitcoin geograficamente.

Il crollo del Monte Gox

All'inizio di febbraio 2014, gli utenti della piattaforma Mt Gox hanno iniziato a presentare reclami sui continui fallimenti dell'exchange durante i prelievi. Entro il 24 febbraio, Karpeles ha preso la decisione di chiudere la piattaforma, cancellare il suo account Twitter e dimettersi dalla sua posizione nel consiglio di amministrazione della Bitcoin Foundation. Parallelamente, ha dichiarato il fallimento della società davanti alle autorità del Giappone e degli Stati Uniti.

L'hack di Mt Gox ha portato alla scomparsa di 850mila bitcoin; 750 dei quali appartenevano agli utenti del Monte Gox.

Dato questo fatto, Mark Karpeles è stato arrestato e incarcerato nel 2015 dalle autorità giapponesi, con l'accusa di appropriazione indebita e manipolazione di dati e informazioni nel sistema di contabilità centrale della piattaforma. Inoltre, prima del suo arresto, Karpeles aveva dichiarato che 200 bitcoin degli 850 scomparsi erano in una wallet fredda di suo possesso. Atto che lo ha fatto sembrare ancora più colpevole agli occhi della comunità; sebbene Karpeles affermasse di averlo fatto come misura protettiva, per mettere i bitcoin in un posto sicuro.

Altre accuse

Anche se nel luglio 2016 Karpeles è stato rilasciato su cauzione e portato a un processo in cui è stato ritenuto non colpevole di molte delle accuse contro di lui. Altre accuse erano ancora attive e senza una forte risoluzione su di esse. Tra queste accuse c'erano accuse di appropriazione indebita di denaro dagli utenti di Mt Gox per il proprio piacere e beneficio. Poiché la stampa giapponese aveva segnalato in più occasioni che Karpeles investiva in prostitute buona parte dei fondi rubati.

Allo stesso modo, anche Karpeles è stato accusato di negligenza. Poiché si stima che la piattaforma di scambio Mt Gox non aveva adeguate misure di sicurezza per prevenire il furto dei bitcoin custoditi dal exchange. Anche se Karpeles insiste nel sottolineare che non ci sono prove a sostegno di tale accusa.

Un'altra accusa mossa contro di lui è stata data da Ross Ulbricht, creatore del mercato SilkRoad. Ulbricht lo ha accusato di essere la persona dietro lo pseudonimo di "Dread Pirate Roberts". Tuttavia, Karpeles ha respinto pubblicamente questo su Twitter. Inoltre, non ci sono prove conclusive che lo colleghino a detta accusa.

D'altra parte, l'insieme delle indagini svolte per il suo processo ha portato gli esperti a scoprire dove si trovavano altri attori coinvolti nell'hacking della piattaforma Mt Gox. Nel 2017, l'uomo d'affari russo Alexander Vinnik è stato arrestato dalle autorità statunitensi per essere coinvolto in attività di riciclaggio di denaro hackerato al exchange. Così l'FBI ha intervenuto la piattaforma BTC-e, scoprendo che molti dei bitcoin rubati erano stati venduti lì.

D'altro canto, le indagini condotte dalle autorità hanno stabilito che anche la società britannica Shell era coinvolta nel riciclaggio di fondi sottratti a Mt Gox.

Tuttavia, nel marzo 2019, Mark Karpeles è stato finalmente dichiarato colpevole delle accuse di manomissione dei record elettronici a Mt Gox. Per questo motivo, Karpeles sta scontando una condanna a 2 anni e mezzo in Giappone. Inoltre, se lasciasse il Giappone potrebbe affrontare altre azioni legali negli Stati Uniti, dove molti utenti del exchange Mt Gox lo accusano di furto e appropriazione indebita dei loro fondi.