Incontra CoinJoin, un protocollo di miscelazione di valute decentralizzato e sicuro per Bitcoin e criptovalute compatibili, che consente agli utenti di migliorare i livelli di privacy e anonimato degli utenti, proteggendo le loro identità dagli strumenti di analisi blockchain e BigData.

El protocollo CoinJoin, è un protocollo implementato per migliorare la privacy e l'anonimato degli utenti di Bitcoin. Questo metodo consiste nel poter unificare nello stesso set tutte le transazioni che verranno eseguite dai diversi utenti del sistema. Pertanto, una volta unificate tutte queste transazioni, nessun utente potrebbe determinare da dove provengono i fondi; poiché gli input e gli output di queste transazioni non possono essere visti o associati. Pertanto, nemmeno il destinatario di una transazione potrebbe sapere da dove ha ricevuto i fondi trasferiti.

L'implementazione di questo metodo è particolarmente utile per evitare di tenere traccia dei fondi ricevuti o dei pagamenti effettuati nel sistema Bitcoin. Soprattutto se ci prendiamo cura della nostra privacy e lo ricordiamo sebbene Bitcoin sia privato, non è anonimo. Ciò significa che le transazioni Bitcoin possono essere tracciate fino al punto di trovare la tua identità. Non è certo un compito facile, ma l'analisi delle transazioni e i profili digitali consentono questo tipo di costruzione, per quanto difficile possa sembrare. Sta diventando più facile farlo e le transazioni Bitcoin non scompaiono mai, né scompariranno, con tutti i loro collegamenti creati.

Per questo motivo, e per aumentare la privacy, CoinJoin è stato progettato. Ora vediamo come funziona CoinJoin, quali opzioni ci offre e le sue capacità e limitazioni (che ha anche).

Origine di CoinJoin

Il concetto è stato introdotto dallo sviluppatore Gregory Maxwell, che nell'agosto 2013 ha realizzato un file pubblicazione nel tuo account BitcoinTalk, dove ha spiegato in dettaglio lo sviluppo e il funzionamento della sua idea, evidenziando anche che non implica una modifica nel protocollo Bitcoin.

La necessità di questo tipo di soluzione è partita dalla ricerca di una privacy più protetta all'interno di Bitcoin. Ricordiamoci che Bitcoin non è una criptovaluta realmente anonima, ma pseudo anonima. Ciò significa che ciascuna delle transazioni che effettuiamo appare in modo completamente trasparente sulla blockchain.

Ma non solo, è anche possibile creare un profilo completo degli indirizzi che utilizziamo. Compreso da quali indirizzi riceviamo denaro o quali indirizzi inviamo, specificando gli importi in ciascuno di essi. Ovviamente, in ciascuna di queste transazioni non ci sono mai dati come nomi o che ci identificano direttamente come utenti.

Ma se ad hacker e analisti piace qualcosa, sono sfide. La sfida della privacy di Bitcoin ha portato questi gruppi a creare strumenti specializzati per studiare questi dati e metterli in relazione con qualsiasi altra attività online che abbiamo. Di conseguenza, raccolgono i nostri dati sulla blockchain e su Internet, creano un profilo e se non stiamo abbastanza attenti possono trovare in modo molto sicuro le nostre identità reali.

È così che diverse società di analisi blockchain riescono a trovare l'identità di molti utenti di criptovaluta, ed è così che la privacy e lo pseudo anonimato di Bitcoin sono ridotti a nulla.

In questo contesto, la creazione di CoinJoin si è dimostrata una risposta soddisfacente. Questo perché se utilizzato bene questo strumento rende praticamente impossibile tracciare gli utenti Bitcoin. Inoltre, la creazione di CoinJoin era tecnicamente superiore a quella di moneta mixer, un'altra opzione che era già utilizzata in quel momento. Il motivo è che CoinJoin ha agito come un protocollo P2P mentre le monete del mixer erano centralizzate, date a truffe e altri saccheggi.

Come funziona CoinJoin?

Innanzitutto, per eseguire una transazione CoinJoin è necessario che diversi utenti della rete stabiliscano la decisione di utilizzare questo metodo. Cioè, tutti sono d'accordo unire le transazioni per effettuare un'unica transazione in pool e congiunta. Cioè, senza altre persone (o meglio, indirizzi con fondi) che vogliono mescolarsi con te, non puoi usare CoinJoin.

Tuttavia, ciò non significa che, raggruppando tutte le transazioni in una, il controllo sulle transazioni venga trasferito in qualche modo a un soggetto specifico. No, è piuttosto l'opposto. Sulle transazioni Bitcoin CoinJoin le firme di ogni transazione rimangono indipendenti l'una dall'altra. Ciò indipendentemente dal numero di transazioni raggruppate all'interno di una transazione CoinJoin.

Quindi, ogni utente avrà un controllo particolare sui propri input e output e firmerà un'operazione solo se è d'accordo con detta transazione e se è corretta. E fino a quando tutti gli utenti partecipanti all'interno di un segno di transazione CoinJoin, la transazione non verrà eseguita.

Ora, una volta che tutti gli utenti firmano ogni transazione particolare, verranno raggruppati nella stessa transazione CoinJoin, che verrà elaborata e convalidata dai minatori per includerla all'interno della blockchain. Dove si rifletterà come una transazione singola e congiunta, che non mostra chiaramente da dove provengono i fondi o dove sono stati inviati.

Capire come funziona CoinJoin

Ora per capire esattamente come funziona CoinJoin, è meglio vederlo attraverso un esempio. Quindi abbiamo il seguente caso:

Supponiamo che Maria voglia trasferire 1 BTC dall'indirizzo A all'indirizzo B. Mentre Juan vuole trasferire 1 BTC dall'indirizzo C all'indirizzo D. Per rendere privata questa transazione, entrambi decidono di utilizzare CoinJoin allo scopo di combinare il loro trasferimenti in un'unica transazione che ha due input (A e C) e due output (B e D).

Ciò che CoinJoin fa in tutto questo è prendere le voci di María e Juan, combinarle nella stessa transazione e, da esse, mescolare queste valute per generare le transazioni che andranno a destinazione. Se l'operazione richiede il rimborso di una modifica, la transazione CoinJoin creerà anche questa transazione e la invierà a un indirizzo di scambio sotto il controllo della persona che possiede quelle monete. L'operazione di pagamento CoinJoin avverrà solo quando María e Pedro firmano crittograficamente le rispettive transazioni.

Tuttavia, il trucco che CoinJoin fa mostra tutta la sua potenza sulla blockchain. Normalmente, le transazioni di Maria e Juan mostrerebbero un chiaro schema di consegna delle monete. Cioè, le monete vanno dal tuo indirizzo all'indirizzo di destinazione. Ma in CoinJoin possiamo vedere una singola transazione in cui vengono uniti più input e ci sono diversi output.

Ciò rende più difficile per una terza parte determinare quale destinatario ha ricevuto quale output. Anche il destinatario della transazione non sarebbe in grado di determinare da quale indirizzo provenissero i fondi ricevuti, perché gli UTXO non sono direttamente collegati ad un indirizzo in sé, ma ad una transazione con più voci, tutte indipendenti.

Da questo esempio possiamo dedurre quanto segue:

  1. CoinJoin utilizza lo schema delle monete Bitcoin UTXO o non spese, per generare con loro un enorme schema di voci per la stessa transazione. Naturalmente, questi UTXO provengono dal saldo disponibile per ciascuna delle persone che partecipano allo schema CoinJoin, quindi più persone partecipano, maggiore è il livello di anonimato raggiunto.
  2. Prendendo come input tutti gli UTXO delle persone in CoinJoin, viene generata una combinazione di valute da questi UTXO.
  3. Il pagamento del CoinJoin avverrà una volta che tutte le persone firmeranno la transazione congiunta e concorderanno i saldi che presenta.
  4. Infine CoinJoin effettuerà il pagamento. A seconda dell'implementazione, CoinJoin può effettuare vari pagamenti ad altri indirizzi intermedi che creeranno anche un CoinJoin aggiuntivo. Una misura che cerca di aumentare il livello di sicurezza della transazione. Ma alla fine, CoinJoin porterà il saldo dei pagamenti di Maria e Juan ai loro destinatari. Nella blockchain vedremo una singola transazione, più output e nulla che li colleghi tra loro. Abbiamo effettuato una transazione anonima.

Perché CoinJoin è importante in Bitcoin?

Bitcoin è un sistema decentralizzato e autonomo che offre un certo grado di privacy nelle transazioni. Poiché invece di richiedere dati personali come nei sistemi tradizionali, Bitcoin utilizza solo Indirizzi, che funziona come un tipo di conto bancario dove puoi ricevere denaro senza alcun rischio. Tuttavia, Bitcoin è anche un sistema trasparente e verificabile, il che significa che in a blockchain explorer È possibile osservare liberamente le transazioni effettuate in questo sistema dal suo inizio nel 2009 ad oggi.

Pertanto, anche se i dati personali non vengono divulgati, qualsiasi terza parte potrebbe tracciare determinati indirizzi per vedere come i fondi vengono trasferiti o gestiti lì. Determinazione dell'attività transazionale di un utente all'interno della rete. Ricorda che, sebbene Bitcoin non utilizzi i dati personali di un utente, è possibile associare un determinato indirizzo a una persona o azienda.

Ad esempio, se quella persona o azienda ha pubblicato apertamente di essere il proprietario di un particolare indirizzo o se gli indirizzi IP da cui sono state effettuate diverse transazioni vengono monitorati e tracciati. Questo è il motivo per cui Bitcoin è noto come sistema pseudo anonimo, cioè offre un anonimato parziale ai suoi utenti.

Questa caratteristica rende possibile in Bitcoin contrassegnare / etichettare alcune valute come "corrotte o contaminate". Se un follow-up rivela che sono stati coinvolti in scambi fraudolenti di riciclaggio di denaro o finanziamento di attività illegali. Ciò che toglie anche alla qualità di fungibilità alla criptovaluta; cioè, la sua capacità di essere consumabile e sacrificabile. Dal momento che molti utenti della rete non vorranno fare uso di quelle criptovalute che sono state etichettate come "contaminate" perché legate ad attività illegali. Quindi un bitcoin non è più uguale a un altro bitcoin.

Ecco perché l'implementazione del metodo CoinJoin offre una valida soluzione alternativa a questi problemi di privacy del sistema Bitcoin. Impedendo che le transazioni effettuate in rete siano tracciate da terzi o collegate a determinate attività.

CoinJoin implementazioni

Come accennato all'inizio, CoinJoin è stato inizialmente implementato sulla blockchain di Bitcoin per migliorare la tua privacy e anonimato. Tuttavia, ad oggi ci sono diverse implementazioni di questo metodo, essendo il più comune e ampiamente utilizzato Samourai Wallet, Portafoglio Wasabi y JoinMarket.

La Samourai Wallet È orientato alla tutela e alla garanzia della privacy degli utenti. Quindi implementa il metodo CoinJoin tramite l'interfaccia di Mulinello per mescolare e unificare gli input e gli output delle transazioni dello stesso utente, per farli sembrare provenire da una transazione CoinJoin. Questo portafoglio è disponibile sia per computer che per smartphone che funzionano con il sistema Android. Inoltre, abbiamo un file guida completa su come utilizzare Samurai Wallet e il suo Whirlpool così puoi ottenere il massimo da CoinJoin.

D'altro canto, Portafoglio Wasabi utilizzare il servizio di Moneta ChaumianJoin e il protocollo di rete Tor per mescolare le transazioni e garantire la massima privacy ai propri utenti. Rendere le transazioni praticamente impossibili da rintracciare, così come gli IP pubblici che vengono utilizzati. I tassi di commissione sono gestiti in entrambi i portafogli per l'utilizzo di questi servizi di privacy e anonimato.

Allo stesso modo, l'implementazione del software JoinMarket di CoinJoin cerca, allo stesso modo, di migliorare la privacy e l'anonimato nelle transazioni Bitcoin. Consentire agli utenti di acquistare, a un prezzo molto basso, un posto all'interno di una transazione CoinJoin, come se fosse un mercato. Infatti, JoinMarket opera come un mercato per le transazioni Bitcoin.

In sintesi, l'implementazione di CoinJoin ha dimostrato di essere un metodo molto efficace ed efficiente per garantire privacy e anonimato sulla rete Bitcoin. Ma come ogni metodo, richiede un uso massiccio per garantire l'anonimato in tutti i bitcoin esistenti fino ad oggi. Maggiore è il numero di utenti che implementano CoinJoin, maggiore è il numero di bitcoin privati.

Curiosità su CoinJoin

A questo punto è importante evidenziare alcune curiosità su CoinJoin nate da domande e preoccupazioni da parte degli utenti Bitcoin. Tra questi possiamo citare:

CoinJoin e il mito dell'anonimato assoluto

CoinJoin non garantisce l'anonimato al 100%. Questo perché l'analisi dei dati, il comportamento della blockchain, persino l'intercettazione dei dati di rete possono ancora essere eseguiti per l'analisi di un obiettivo sotto inchiesta utilizzando Bitcoin. Quindi il mito secondo cui CoinJoin garantisce il 100% della privacy è falso. Certamente lo migliora ad un livello non visto in Bitcoin senza questo protocollo, ma il completo anonimato non è garantito in alcun modo.

Costi di una transazione

Il costo di una transazione CoinJoin è molto più alto di quello di una comune transazione Bitcoin. Questo perché CoinJoin esegue "salti di mix" che non sono altro che transazioni aggiuntive di criptovaluta tra i partecipanti a CoinJoin. Ciascuno di questi salti genera una nuova transazione che a sua volta ha una commissione di mining associata. In totale, più salti minerari maggiore è l'anonimato raggiunto ma maggiore è il costo della transazione CoinJoin finale.

Quanto sai, Cryptonuta?

È possibile monitorare una transazione Coin Join?

FALSO!

Una transazione CoinJoin efficace non è tracciabile. Non c'è modo che un'azienda possa trovare l'origine e la destinazione dei fondi, se l'origine utilizza una transazione CoinJoin e ha avuto abbastanza entropia per essere eseguita. Cioè, se molte persone partecipano a una transazione CoinJoin, più è sicura. Quindi, i difensori di questa tecnologia sostengono sempre che la compagnia di circa 50 persone in un CoinJoin è l'ideale, anche se più di questo, è molto meglio.

Pro e contro di CoinJoin

Ora che sappiamo qualcosa in più su CoinJoin e su cosa fa, è il momento di scoprire quali sono i pro ei contro. In questo senso possiamo citare:

Vantaggi

  1. Migliora notevolmente la privacy delle nostre operazioni di criptovaluta.
  2. Aiuta a evitare l'etichettatura delle monete all'interno di ambienti centralizzati. Ad esempio, una moneta che è stata utilizzata in ambienti criminali può essere lavata e fatta circolare senza problemi. Qualcosa di particolarmente utile se la valuta è tornata in mani legali e di più se teniamo conto che Bitcoin è limitato a soli 21 milioni di monete.
  3. CoinJoin non necessita di modifiche al protocollo per funzionare. Qualcosa di positivo che mantiene la compatibilità di Bitcoin con altri client senza causare grossi problemi.

Svantaggi

  1. CoinJoin può contaminare il nostro Bitcoin con altri Bitcoin derivanti da attività illecite. Ecco un giudizio di valore, libertà e morale da parte di ogni utente, in cui bisogna tenere presente che se ti iscrivi a CoinJoin, gli utenti che hanno acquisito quel bitcoin illegalmente possono partecipare con te.
  2. Potrebbe esserci esposizione dei dati dell'utente. Questo è possibile se unisci i tuoi saldi gestiti con CoinJoin insieme ad altri saldi gestiti con la tua identità. A questo punto è possibile fare un'analisi dei dati che può rivelare la tua identità anche se utilizzi CoinJoin.

Il futuro della privacy e dell'anonimato in Bitcoin

Ora, sicuramente il fatto che Bitcoin non sia completamente anonimo ha causato reazioni diverse nella comunità. Da un lato, molti utenti credono che Bitcoin debba essere anonimo nella sua interezza, e questo è condiviso da molti sviluppatori. Quindi la domanda rimane: cosa possiamo aspettarci per il futuro di Bitcoin? La verità è che molto. La creazione di CoinJoin è una risposta alle esigenze di privacy di molte persone. Certamente non è una build predefinita che funziona per tutti, ma l'opzione c'è e funziona alla grande.

Ma dobbiamo essere consapevoli che la privacy, l'anonimato e la completa sicurezza non possono essere garantiti in un mondo digitale al 100%. Detto questo, gli sviluppatori di Bitcoin sono stati più cauti e hanno concentrato gli sforzi su una migliore protezione della privacy e sulla creazione di vari meccanismi che aiutano a proteggere meglio la privacy e lo pseudo-anonimato già disponibili in Bitcoin. Creazioni come CoinJoin, JoinMarket o sidechain come Lightning Network e Liquid Network aiutano molto a costruire una migliore privacy e anonimato per coloro che lo richiedono.

Un altro esempio dello sviluppo delle opzioni di privacy e anonimato in Bitcoin sono le Transazioni riservate. Possiamo vedere questo tipo di opzioni progettate nel progetto Elements di BlockStream e si applicano a Bitcoin, dove possono essere attivati ​​tramite un soft fork. Quindi, in poche parole, in Bitcoin scommettono sull'anonimato di scelta e non sull'anonimato per impostazione predefinita, comprendendo che l'anonimato per impostazione predefinita e la sicurezza per oscurità, non offrono davvero la certezza del 100% che detto anonimato sia completo.

In effetti, ciò che questo tipo di approccio può fare è introdurre modifiche incompatibili con l'attuale rete che richiede hard fork. Può anche portare a gravi falle di sicurezza dovute alla difficoltà di trasferire tecniche di crittografia più avanzate e al fine di ottenere l'anonimato sulla rete. Un buon esempio di questo può essere visto negli eventi di Zcash e GRIN.

Nel primo caso, Zcash aveva un file insetto per diversi mesi che ha permesso a chiunque lo conoscesse di creare monete da zero. Ciò include le transazioni coinbase che generano quelle monete. Un grave errore che potrebbe portare la suddetta criptovaluta alla catastrofe totale. Nella seconda, il protocollo MimbleWimble ha un design che può essere sfruttato distruggere tutta la privacy e l'anonimato che afferma di avere.

Di fronte a fatti come questi, l'approccio Bitcoin non è solo più cauto, ma anche meno rischioso sia per l'ecosistema che per il protocollo stesso. E allo stesso tempo ti permette di creare strumenti per la privacy che migliorano sempre di più nel tempo.