Enjin (ENJ) è a token Creato dall'omonima azienda e che è la spina dorsale di uno dei più grandi mercati NFT del mondo, sa come funziona e i suoi vantaggi. 

Simbolo
ENJ
Logo
Algoritmo
ProgPow (ETH)
Consenso
PoW

PÈ possibile che il nome di Enjin ti sia noto in questo momento, e non per questo, perché è il nome di un'azienda che si dedica a conquistare il mondo blockchain e NFT ai videogiochi.

Questa società con sede a Singapore si è dedicata sin dal suo inizio alla creazione di comunità, servizi e strumenti per sviluppatori di giochi attraverso la tecnologia blockchain.

Per raggiungere questo obiettivo, Enjin ha sviluppato strumenti basati su Ethereum (ETH). Enjin ha persino creato progressi così importanti in questa comunità come la creazione dello standard ERC-1155, un tipo di token che riunisce il meglio dei token ERC-20 y ERC-721, dentro se stessi smart contract. Di conseguenza, Enjin ha creato un tipo di token altamente flessibile su cui si basa la costruzione di piattaforme di sviluppo blockchain nel regno dei videogiochi.

Rete stellare
ACQUISTA ENJIN SU BIT2ME

Storia e origine di Enjin

La storia di Enjin inizia nel 2009, quando Maxim Blagov (CEO) e Witek Radomski (CTO) decidono di lanciare Enjin Network, una piattaforma di gioco comunitaria che è riuscita a riunire oltre 20 milioni di utenti in tutto il mondo. Tuttavia, con il boom delle criptovalute e delle ICO nel 2017, Enjin ha deciso di fare una svolta nell'universo blockchain. Una decisione guidata soprattutto da un obiettivo: unire il mondo dei videogiochi e della blockchain per creare ecosistemi unici.

L'idea di Enjin non era nuova, poiché cercava di rendere i mondi virtuali più realistici nella rappresentazione economica. Tutto questo mentre gli oggetti in detti giochi potrebbero essere trasportati o condivisi tra diversi universi virtuali. In questo modo, tali oggetti potrebbero essere scambiati o conservati come oggetti di valore unico. Una chiara evoluzione del collezionismo di Bitcoin come Pepe rari o Incantesimo della Genesi.

Perseguire questo obiettivo è stato ciò che ha spinto Enjin ad avviare un ICO (offerta iniziale di monete) il 21 agosto 2018, in cui è riuscito a raccogliere 18,9 milioni di dollari. Detto ICO ha quindi portato al lancio iniziale del suo token ERC-20, Enjin Coin (ENJ), il 28 agosto 2018. Tuttavia, questo è stato solo il primo passo nella lunga lista di innovazioni avviate da Enjin, che le avrebbero consentito di creare strumenti e servizi blockchain unici per il mondo del gioco.

È stato questo sviluppo di progetti che si è poi concluso con il lancio della Enjin Platform, una piattaforma progettata in modo che i videogiochi potessero creare token fungibili e non fungibili nei rispettivi mondi con una rappresentazione sulla blockchain di Ethereum. La base di questa piattaforma era il token ERC-1155, di cui Enjin ha presentato un EIP (proposte di miglioramento di Ethereum) che è stato accettato dalla comunità e dagli sviluppatori di Ethereum.

Da allora, Enjin ha lavorato duramente per essere un punto di riferimento tecnologico nel mondo blockchain nel campo dei videogiochi. Non solo creando una piattaforma per unire entrambi i mondi, ma dimostrando il vero funzionamento di tale tecnologia con giochi come Minecraft. E ha anche compiuto un ulteriore passo avanti nello sviluppo di opzioni di scalabilità e tecnologia blockchain progettate per rendere questa unione qualcosa di semplice e particolarmente utile per gli sviluppatori di giochi.

Rete stellare

Come funziona Enjin?

Per capire come funziona Enjin deve prima capire il suo obiettivo: unire il mondo virtuale dei videogiochi con la blockchain per poter trasferire gli oggetti di quei mondi virtuali su mercati reali o altri mondi virtuali. Immagina per un momento il seguente scenario:

Sei un giocatore di Lineage e in tutti gli anni in cui hai giocato, hai un personaggio e oggetti unici all'interno del tuo mondo virtuale. Risorse di cui fai tesoro profondamente, perché hai dedicato centinaia e persino migliaia di ore per raggiungere quel punto. Ma, a un certo punto, gli sviluppatori del gioco decidono che è ora di chiudere tutto e far scomparire il mondo virtuale di Lineage. Quella decisione significa solo una cosa per te: perderai tutto. Tutto il tempo speso scomparirà il giorno in cui il server verrà disconnesso e tutto il tempo speso per il tuo personaggio e per ottenere quegli oggetti svanirà come se non fosse mai successo. Una situazione triste e molto sconvolgente.

Ma cosa accadrebbe se potessi spostare quel personaggio e oggetti simili NFT alla blockchain di Ethereum? In tal caso, saresti in grado di memorizzare quei personaggi, le loro proprietà e gli oggetti. Anche se il server di gioco non sarà mai più online, ne sarai il proprietario. E non solo, ma avrai un collezionabile, il ricordo di un gioco conosciuto nel mondo dei videogiocatori.

Lì hai tre opzioni: la prima è mantenere quegli oggetti sapendo che vivranno per sempre sulla blockchain. Il secondo è partecipare a un mercato NFT, offrire le proprie partecipazioni e guadagnare un po' di soldi per questo. E il terzo, sfrutta la tecnologia Enjin per trasferire le proprietà dei tuoi NFT ad altri giochi con proprietà simili a quelle di Lineage. Quest'ultima opzione ti permette di recuperare parte di quel tempo che hai dedicato e di integrarlo in un nuovo personaggio in un altro mondo virtuale.

Se comprendi questo scenario, capirai lo spirito di Enjin, il potenziale di questa tecnologia e come funziona in un modo molto semplice. Detto questo, siamo sicuri che l'idea vi abbia sorpreso, ed è sicuramente un cambiamento totale nelle regole di sviluppo del gioco. La cosa migliore è che è l'inizio di una tecnologia che potrebbe avere molto più utilizzo e sviluppo.

GraphQL e Trusted Cloud, l'infrastruttura di base di Enjin

Ora, la realtà tecnica di Enjin è molto più complessa. In primo luogo, Enjin non cerca di creare una blockchain per ogni gioco, ma di consentire loro di utilizzare un SDK e un'API che consentano loro di accedere a tali funzionalità secondo necessità. In questo modo, se crei un personaggio, il gioco genererà la corrispondente transazione blockchain per generare detto NFT e aggiornarlo man mano che si evolve. Lo stesso accadrà con gli oggetti che raccogli e desideri raccogliere.

Per fare ciò, Enjin ha creato una soluzione che utilizza GraphQL, un linguaggio di query e manipolazione dei dati basato su API creato da Facebook. Il vantaggio dell'utilizzo di GraphQL è che questo linguaggio è veloce, poiché consente a una semplice query di fornire informazioni allo sviluppatore da più tag e proprietà. Inoltre, GraphQL facilita l'interazione tra il mondo virtuale e il smart contract blockchain, semplificando il modo in cui si accede a queste risorse.

Sebbene GraphQL sia la base di Enjin, per interconnettere il gioco con la blockchain è necessario un bridge e tale funzione è svolta dal Trusted Cloud di Enjin. Trusted Cloud è un servizio di backend che consente l'interconnessione di giochi che utilizzano l'SDK e l'API di Enjin Network con la blockchain di Ethereum. Per fare ciò, Trusted Cloud riceve tutte le chiamate e le richieste fatte da tutti i giocatori nel gioco (server e client) e le trasforma nelle risposte previste (identificazione dell'utente, accesso ai dati blockchain, informazioni sulla detenzione di token, tra le altre). . A questo punto, Trusted Cloud è la spina dorsale della rete Enjin, il nesso dei mondi virtuali, la blockchain e il suo portafoglio Enjin.

Tuttavia, Trusted Cloud di Enjin ha uno svantaggio nella comunità: è una soluzione centralizzata e closed-source. Ciò significa che tutto il codice del server che permette a Enjin di funzionare (assistere alle richieste e interconnettere i giochi con la blockchain) è codice proprietario e, quindi, non può essere sviluppato apertamente. La decisione di farlo è comprensibile, ma è ancora un punto contro la piattaforma. Ma, a suo favore, l'SDK e l'API sono totalmente aperti, così come gli smart contract per il controllo della piattaforma.

Enjin Wallet, un portafoglio per la piattaforma

L'Enjin Wallet diventa il secondo elemento più importante della proposta Enjin. Questo portafoglio consente a tutte le interazioni tra il gioco e la blockchain di aver luogo. Ciò è possibile perché ogni Enjin Wallet collega direttamente un indirizzo Ethereum a un'identità utente sulla piattaforma Enjin. In questo modo, ogni elemento memorizzato in un gioco utilizzando Enjin Network, viene rapidamente trasformato in un token ERC-1155 (fungibile o non fungibile). E, a quel punto, l'utente può verificare nel suo wallet che i suoi token siano effettivamente lì sotto il suo controllo, dal momento che la piattaforma non li custodisce.

Inoltre, ogni interazione con la blockchain richiede il pagamento di una piccola commissione in cui è necessario spendere i token Enjin Coin (ENJ). In questo modo ogni interazione, oggetto o personaggio ha un certo valore, che genera una reale economia all'interno del gioco. Ciò aggiunge valore non solo agli utenti, che possono raccogliere molto valore con le loro proprietà (personaggi, oggetti, monete e altro), ma gli sviluppatori di giochi possono monetizzarli in un modo completamente nuovo e positivo per le loro piattaforme.

In questo modo, Enjin cerca di risolvere uno dei grandi problemi dei giochi attuali: la loro monetizzazione. Questo ti permette di attaccare problemi come i micropagamenti e le modalità di gioco (come il fastidioso Pay2Win) in un modo diverso. Allo stesso tempo, il valore redditizio è generato non solo dagli sviluppatori, ma anche dalla comunità stessa.

Rete stellare

Efinity e JumpNet, i prossimi passi evolutivi di Enjin

Enjin tuttavia affronta un serio problema con il suo approccio: la scalabilità di Ethereum. La scalabilità di Ethereum è così bassa che è impensabile affrontare una massificazione della tecnologia Enjin nei giochi. E tutto questo per un motivo potente: le commissioni in rete sarebbero troppo alte.

Il modello di Enjin dipende dal basso pagamento delle commissioni per l'interazione con la blockchain. In questo modo, gli utenti non devono spendere fortune per poter giocare. Per risolvere questo problema, Enjin ha iniziato con lo sviluppo di una soluzione di ridimensionamento Ethereum chiamata Efinity. Questa tecnologia verrà utilizzata all'interno della piattaforma Enjin per rendere le transazioni all'interno della rete Enjin molto più economiche. Tutto questo senza dover lasciare l'ecosistema Ethereum. E, allo stesso tempo, Enjin ha creato JumpNet, una soluzione di pagamenti cross-chain, attraendo così valore da altre catene.

Al momento, JumpNet è una soluzione attiva all'interno dell'ecosistema Enjin Network, ma Efinity è ancora un progetto di sviluppo in cui è stato stanziato un fondo di 100 milioni di dollari per costruire un metaverso decentralizzato. Come spiegato nel suo whitepaper, sarà basato su Polkadot, come una paracatena all'interno di quella rete. Con Efinity, Enjin mira a diventare un ecosistema per token non fungibili all'interno di Polkadot, il che significa che Efinity sarà una sidechain ad altissima velocità e ad alte prestazioni, con costi per transazione che possono essere inferiori a $ 0,000001 per transazione, e il promettono di elaborare tra 700 e 1.000 transazioni al secondo (TPS).

ACQUISTA ENJIN SU BIT2ME

Caratteristiche del token Enjin Coin (ENJ)

Il token Enjin Coin è la quarta pietra angolare del funzionamento della rete Enjin. Questo token ha una fornitura totale di 1.000.000.000 di token ENJ, con emissione controllata. Per conservare questi token, il portafoglio principale è il portafoglio Enjin ufficiale. Tuttavia, su Bit2Me hai anche la possibilità di acquistare, vendere e conservare i token Enjin Coin (ENJ) senza grossi problemi.

Inoltre, ricorda che il token ENJ è un token ERC-20, quindi tutte le operazioni vengono eseguite sulla blockchain di Ethereum. Pertanto, è legato alla tua tecnologia e alle tue commissioni. D'altra parte, essendo un token ERC-20 non è possibile minare o creare Staking di detti token direttamente. Quindi, per questo, dipende dalle piattaforme DeFi come Uniswap, AAVE o Bancor.

Casi d'uso di Enjin

Il progetto ha collaborato con diverse rinomate aziende multinazionali, quali:

  1. Atari: Enjin ha collaborato con Atari per integrare l'iconico marchio nei giochi blockchain attraverso l'ecosistema ENJ.
  2. BMW: Enjin ha collaborato con BMW per consentire agli utenti dell'app BMW Vantage di convertire i punti premio BMW Coin in Enjin Coin.
  3. Microsoft: Microsoft utilizza la tecnologia Enjin per eseguire un programma di ricompense social chiamato Azure Heroes.
  4. Samsung: Enjin ha collaborato con Samsung per integrare il Samsung Blockchain Keystore sull'S10 nel portafoglio Enjin.
  5. Unity: Enjin ha collaborato con Unity per lanciare un SDK, che renderà più semplice per i 4,5 milioni di sviluppatori nell'ecosistema Unity l'integrazione della blockchain nelle loro app e giochi.
  6. Protocollo Aave: il primo passo di Enjin nello spazio DeFi ha permesso ai suoi utenti di depositare token ENJ nel protocollo Aave e guadagnare interessi consentendo ad altri di prenderli in prestito.

Da dicembre 2020, Enjin ha reclutato più di 35 sviluppatori di app e giochi come parte del programma Enjin Adopter ufficiale. Questo programma cerca di aiutarli a costruire, finanziare, monetizzare e commercializzare i loro giochi tramite blockchain.

Link di interesse

Web Ufficiale

Enjin - ENJ

Web Ufficiale

Vai al sito ufficiale

White Paper

Enjin - ENJ

White Paper

Vai al white paper

Twitter ufficiale

Enjin - ENJ

GitHub ufficiale

Enjin - ENJ

GitHub ufficiale

Vai su GitHub

Discussione Reddit

Enjin - ENJ

Block Explorer

Enjin - ENJ

Block Explorer

Vai a Block Explorer