Uno dei nuovi progetti criptovalute nel settore dei pagamenti digitali è Coti, un progetto di criptovaluta focalizzata sull'offerta di un'infrastruttura di pagamento digitale veloce, sicura e conforme (KYC e AML) e orientato ai servizi, che funziona grazie alla tecnologia Directed Acyclic Graph (DAG) che le consente di offrire un elevato livello di scalabilità, rivaleggiando con reti di pagamento centralizzate come Mastercard e Visa.

Coti cerca di diventare una pietra miliare dei sistemi di pagamento, offrendo una rete ad alta velocità con tariffe basse e la capacità di supportare servizi e DApp unici all'interno della sua rete, senza timore di tariffe gonfiate, implementazioni complesse, elevati consumi energetici e conteggi. capacità di integrazione rapida con i servizi e le applicazioni esistenti.

Origine del Coti

Lo sviluppo di Coti è iniziato nel giugno 2017, momento in cui Greg Kidd e Nimrod Lehavi hanno iniziato a delineare lo sviluppo di questa criptovaluta. Inizialmente, Coti ha iniziato il suo sviluppo come parte della rete Ethereum, Essere un token ERC-20 all'interno di questa rete.

Tuttavia, i problemi di Ethereum, in particolare la sua scalabilità, hanno portato i suoi fondatori a considerare la necessità di creare una rete completamente diversa. Una rete su misura per le tue esigenze e con migliori capacità di evoluzione in futuro. È lì che i suoi creatori hanno deciso di intraprendere una strada diversa dalla tecnologia. blockchain. Questo per evitare queste ed altre limitazioni che potrebbero ostacolare la scalabilità e la capacità di sviluppo di Coti. Così comincerebbe lo sviluppo di Trust Chain. Questa è una tecnologia che ha cercato di utilizzare le capacità dei grafici aciclici diretti (come quello che vediamo in Nano), per creare la propria rete con capacità uniche che servissero a supportare Coti e la rete di servizi che intendeva creare.

Il primo passo in questa direzione è stato compiuto nel 2018, quando è stato presentato il white paper “The Trust Chain Consensus”. In tale documento tecnico è stato spiegato chiaramente il futuro di Coti e il suo nuovo protocollo di consenso, il PoT o Proof of Trust. Da quel momento, il team di sviluppo di Coti ha iniziato a lavorare per trasformare questa visione in realtà e solo a giugno 2019 è stato rilasciato Trust Chain 1.0.

Il continuo sviluppo da parte del team Coti ha permesso che, entro giugno 2021, lo sviluppo di Trust Chain potesse presentare Trust Chain 2.0, una versione più completa ed estensibile del protocollo che ha dato vita al progetto. Da allora Coti è un progetto in continua evoluzione e sviluppo che cerca di posizionarsi come un Fintech di primo livello, sia nel mondo CeFi che nel DeFi.

Come funziona COTI?

Come abbiamo accennato, il funzionamento di Coti inizialmente dipendeva interamente da Ethereum, trattandosi di un token ERC-20. Tuttavia, dalla creazione della rete Trust Chain, Coti è in grado di funzionare sulla propria rete. Questo ha permesso a Coti di passare dalla scalabilità di Ethereum (circa 15 TPS) ad avere una capacità teorica massima di circa 100.000 TPS. E, tutto questo, grazie all'utilizzo della Trust Chain. In questo modo, Coti cerca di posizionarsi come un'opzione di prim'ordine per la creazione di applicazioni CeFi e DeFi che richiedono grande scalabilità e gestiscono un volume elevato di utenti simultanei.

Naturalmente, tutto questo è possibile grazie a uno stack tecnologico unico, tra cui possiamo evidenziare:

Base Layer, le fondamenta di Coti

Il Base Layer o Coti Base Layer è costruito su una rete di nodi coreografati dal Node Manager. Questi nodi sono quelli che gestiscono il libro mastro distribuito Coti tramite un DAG. Il motivo per cui scegliere un DAG su blockchain è che non hanno tanti problemi di scalabilità e la loro capacità di parallelizzazione non ha eguali.

In questo modo, le reti basate su DAG offrono generalmente prestazioni e condizioni migliori per la generazione di applicazioni che necessitano di velocità e scalabilità per il loro funzionamento. Tutto questo senza sacrificare la sicurezza della rete. Grazie a DAG, Coti è in grado di funzionare su una rete che soddisfa tutti questi punti, essendo un ambiente ideale per lo sviluppo di un protocollo di pagamento e dei servizi ad esso collegati.

Naturalmente, il Base Layer è molto più di un DAG rappresentato nei nodi Coti. In questo termine ricadono anche una serie di protocolli e servizi base di Coti. Ad esempio, uno degli sviluppi ancora in corso sul Base Layer è lo strato KCY decentralizzato. L'idea è quella di integrare in Coti un sistema KYC decentralizzato che consenta la revisione e la verifica della documentazione necessaria per l'utilizzo dei servizi CeFi e DeFi che daranno vita a questa rete.

Proof of Trust (PoT), un test di convalida affidabile

Ora, il fatto che Coti utilizzi la tecnologia DAG non la esenta dall'utilizzo di un meccanismo di sicurezza. Uno che aiuta i nodi della rete a mantenere un meccanismo di verifica e convalida delle operazioni all'interno della rete. Questo per garantire la tua sicurezza in ogni momento. Questo ruolo normalmente ricade su protocolli come Proof of Work o Proof of Stake. Ma, in Coti, questo processo viene eseguito da un protocollo noto come Proof of Trust (PoT).

La prova di fiducia garantisce che tutti i nodi nel DAG Coti dispongano di una copia esatta e verificabile del DAG e del suo stato in ogni momento. Per fare ciò, i nodi che compongono la rete prendono le operazioni e le organizzano in sequenza una dopo l'altra. Pertanto ogni nuova transazione può essere riconosciuta solo una volta verificate le precedenti. Naturalmente, questa verifica è ciò che stabilisce il collegamento tra di loro e solo allora la nuova operazione può essere convalidata. Questo processo di convalida utilizza la cronologia delle operazioni più o meno allo stesso modo degli UTXO. Bitcoin, essendo in grado di stabilire collegamenti diretti tra operazioni precedenti e future (relativi input e output).

Ora, i responsabili del collegamento di queste operazioni sono gli stessi nodi della rete Coti, e questo è possibile attraverso il Trust Score. Questa è una misura dell'affidabilità che un nodo può avere all'interno della rete. Pertanto, poiché maggiore è il Trust Score, più affidabile è il suo lavoro di verifica, questo offre maggiori probabilità di essere scelto come nodo per verificare un insieme di determinate operazioni. Ciò è possibile perché ogni utente e nodo nel cluster sono classificati in base ai loro punteggi di affidabilità, calcolati dal loro comportamento storico e dalle statistiche di pagamento.

In questo senso, il Trust Score funziona come un sistema di Staking che sarà utilizzato dall'algoritmo di selezione della rete. Pertanto, quando un utente avvia una transazione in COTI, l'algoritmo di selezione della sorgente assegnerà casualmente due nodi di convalida con punteggi di fiducia simili. In questo modo le transazioni vengono confermate rapidamente e il loro stato viene replicato nel resto della rete. Ciò è dovuto al funzionamento parallelo e asincrono delle reti DAG. Insomma, una verifica nella Coti Trust Chain è velocissima: in circa 5 secondi l'operazione può raggiungere il suo obiettivo ed essere verificata con successo.

Il sistema, ovviamente, dispone anche di protezioni per prevenire diversi attacchi come la doppia spesa o l'attacco Sybil. Quindi Coti è una rete debitamente protetta contro questo tipo di azioni dannose.

MultiDAG, il più grande punto di sviluppo di Coti

Coti è destinato a funzionare come un ecosistema multistrato, in quello che è noto come COTI MultiDAG. Ciò è possibile perché Coti configura la rete per consentire la creazione di diversi DAG. Ciascuno di questi DAG ha la sua storia e il suo stato. In questo modo, ad esempio, se viene generato uno smart contract, i suoi dati esisteranno nel proprio DAG. Naturalmente, la rete mantiene in modo univoco tutti questi DAG all'interno dei nodi, ma la loro elaborazione avviene separatamente. In questo modo, Coti mira a mantenere storie e stati che possono essere separati per generare strumenti su di essi. Questa situazione semplifica la logica nella progettazione di DApp su questa rete.

Ad esempio, è possibile creare un DAG per il token USDT e fargli conservare tutta la cronologia delle sue operazioni. In tal senso, le API e gli SDK di Coti possono essere utilizzati per accedere e generare applicazioni che riguardano solo il DAG USDT. In questo modo, le operazioni con questo token possono essere eseguite in modo molto semplice.

Tuttavia, c'è ancora molta strada da fare in questo senso, poiché MultiDAG dipende dalle capacità di smart contract di Coti, e questa è una funzione non ancora implementata sulla rete, che limita la portata della rete.

Cos'è il token COTI?

Il token COTI è il token nativo dell'ecosistema COTI ed è anche il nome del token ERC-20, disponibile sulla rete Ethereum. Il token COTI su Trust Chain è una criptovaluta nativa. Pertanto, la tua cronologia può essere visualizzata solo da block explorer su questa rete. Mentre il token ERC-20 può essere visto su Etherscan. Al momento, l'emissione di Coti è limitata sia in Trust Chain che in ERC-20, a 2 miliardi di token.

Nella rete Trust Chain, il token COTI è il token per il pagamento delle operazioni. In futuro sarà anche la base fondamentale per la governance on-chain, la generazione di nuovi token e l'interazione con Smart Contract <span style="font-size: 12pt"><b>Portafoglio leggero.</b></span>