Le fattorie minerarie sono una delle parti fondamentali per il processo minerario di Bitcoin o qualsiasi altro tipo di criptovaluta.

LLe mining farm di Bitcoin e tutti i tipi di criptovalute consistono nel concentrare una grande quantità di hardware di mining nello stesso posto e mantenerlo operativo. Di seguito espandiamo le informazioni relative alle mining farm bitcoin e rivediamo cosa sono, a cosa servono, quali sono le aree con le mining farm più popolari al mondo, le principali controversie che le circondano e tutto ciò che devi sapere se vuoi rimani aggiornato sul processo di mining di bitcoin e sulle sue principali novità.

Cos'è una mining farm di bitcoin

Una mining farm di bitcoin è quindi fondamentalmente uno spazio in cui vengono generati bitcoin. criptovalute su larga scala, utilizzando apparecchiature specializzate come gli ASIC per il mining di Bitcoin, che eseguono molti calcoli computazionali di dati a livello di computer. È importante tenere presente che non esiste un concetto concreto per definire da quante attrezzature minerarie un progetto diventa una fattoria mineraria, ma come regola generale si parla di progetti di medie dimensioni.

Il mining di criptovalute (in questo caso bitcoin) è il processo mediante il quale i miner utilizzano hash o potenza di calcolo per elaborare transazioni e guadagnare ricompense, in questo caso sotto forma di bitcoin. In altre parole, è il processo mediante il quale nuovi record di transazione vengono aggiunti come blocchi alla blockchain.

Bitcoin ha bisogno di un meccanismo di consenso per garantire che le parti interessate siano d'accordo su transazioni legittime al fine di impedire alle persone di spendere gli stessi soldi due volte. In questo modo, per raggiungere questo obiettivo, bitcoin utilizza il proof of work. Pertanto, quando un blocco di transazioni viene completato, i minatori devono competere per essere i primi a risolvere complessi problemi matematici o equazioni. Dopo aver ottenuto ciò, generano un hash di 64 caratteri che convalida la transazione, consentendo ai minatori di generare bitcoin come ricompensa.

Mentre nelle fattorie tradizionali si coltivano piante e si allevano animali per generare prodotti per il consumo umano, nelle mining farm di bitcoin lavorano generando queste criptovalute, anche se in modo diverso.

Dobbiamo tenere a mente che esistono mining farm per molte diverse criptovalute. Allo stesso modo, Uno dei punti importanti quando si mantiene una fattoria di criptovalute è capire che avere una buona aria condizionata per le apparecchiature è fondamentale. È anche importante prendersi cura della potenza mineraria offerta. Inoltre, dobbiamo apprezzare che esistono alcuni programmi progettati per facilitare il monitoraggio remoto e simultaneo dell'hardware di mining.

D'altra parte, le fluttuazioni del mercado Influenzano anche la redditività dell'attività mineraria, nonché il costo elettrico e la difficoltà di estrazione della rete in cui opera.

Come funziona una fattoria bitcoin?

Continuiamo a rivedere il funzionamento di una mining farm di bitcoin. Mettere in funzione una mining farm di bitcoin è una procedura complessa che va ben oltre la connessione di alcuni computer e l'esecuzione di un programma di mining. Il mining di bitcoin richiede strutture condizionate, di software specializzati per monitorare le diverse apparecchiature e anche di un certo numero di persone che si occupano del monitoraggio dell'hardware e della manutenzione delle apparecchiature ogniqualvolta ciò sia necessario.

Naturalmente, le squadre minerarie non riposano mai. Una volta collegati non devono essere spenti e se sono spenti dovrebbe essere solo per manutenzione. Per ottenere il massimo dalle attrezzature minerarie, è essenziale che siano sempre attive. Inoltre, è fondamentale monitorare continuamente il funzionamento della mining farm: dall'hardware utilizzato alla dissipazione del calore e ai collegamenti elettrici.

Mantenimento di una farm di mining di criptovalute

In questo modo, quando si parla di bitcoin farm ci si riferisce a decine o centinaia di dispositivi di mining che funzionano contemporaneamente. Nelle fattorie minerarie, viene utilizzato anche un software speciale per monitorare le prestazioni di ciascuno dei minatori, che consente agli operatori di rilevare e correggere i guasti da remoto in modo più efficiente.

Allo stesso modo, quando si tratta di mantenere l'hardware delle mining farm, è fondamentale farlo in alcune parti. Ciò significa che è interessante effettuare la manutenzione di una parte specifica delle apparecchiature mentre le altre continuano ad essere attive. In questo modo, dopo la reinstallazione delle apparecchiature già revisionate, sarà possibile disconnettersi e lavorare con quelle non ancora revisionate. Questo è fondamentale perché ti consente di mantenere operativa la bitcoin farm.

Allo stesso modo, entrambe le schede video per il mining Ethereum come apparecchiature ASIC per il mio bitcoin Richiedono manutenzione su tutti i loro componenti elettrici e chip. 

Quali tipi di fattorie minerarie esistono

Allo stesso modo, in seguito valuteremo anche i diversi tipi di fattorie minerarie esistenti. È possibile classificarli in diversi tipi a seconda dell'hardware utilizzato per il mining. Troviamo le mining farm che funzionano con hardware ASIC con circuiti integrati specifici dell'applicazione, con GPU o unità di elaborazione grafica e con CPU o unità di elaborazione centrale.

Innanzitutto, gli ASIC sono apparecchiature progettate per estrarre algoritmi specifici. In questo modo sono senza dubbio mining farm più efficienti e potenti rispetto ad altri tipi di hardware di mining. Gli ASIC sono l'attrezzatura più utilizzata nelle fattorie di bitcoin, sebbene siano ampiamente utilizzati anche nel mining di altre criptovalute come bitcoin cash, litecoin, decred o dash.

Allo stesso modo, le GPU sono progettate per elaborare la grafica, ma poiché sono potenti e versatili, sono apparecchiature che in alcuni casi vengono utilizzate anche per estrarre criptovalute. Infine, le CPU sono oggi meno utilizzate per creare mining farm, sebbene sia possibile monetizzare questi strumenti in questa parte del settore.

Le fattorie di criptovaluta possono estrarne più di una cripto, ma questo dipende sempre dall'hardware utilizzato. Le farm che utilizzano apparecchiature CPU o GPU consentono di lavorare con diversi tipi di criptovalute mentre le farm che funzionano con apparecchiature ASIC sono progettate per funzionare con algoritmi più specifici.

Pertanto, le mining farm di bitcoin di solito funzionano con gli ASIC. I minatori ASIC sono soggetti a un algoritmo di mining e non a una criptovaluta specifica. In questo modo gli ASIC lavorano con questo tipo di “linguaggio” e possono comunicare con tutte le criptovalute che lo “parlano”. Pertanto, una fattoria dedicata al mining di bitcoin sarà anche in grado di estrarre peercoin e bitcoin cash, perché tutte queste criptovalute funzionano con l'algoritmo di mining SHA-256.

Ci sono soldi da guadagnare da una fattoria mineraria?

Continuiamo con uno dei punti più interessanti per tutti coloro che stanno pensando di entrare nell'universo del mining di criptovalute: se il mining di criptovalute è redditizio.

In questo modo, come accade per tutto ciò che ha a che fare con il fare profitti nel settore delle criptovalute, la risposta è che questo è abbastanza relativo. Se generare o meno entrate dall'attività mineraria dipende da molti aspetti diversi. Il primo è tenere a mente che si tratta di un mercato volatile e quindi è importante conoscerlo bene e scegliere un buon momento per poter generare denaro con una mining farm.

Allo stesso modo, va tenuto conto anche del numero di minatori presenti nella rete. Questo è importante in relazione al meccanismo del consenso. Quasi tutte le criptovalute funzionano su base PoW o Proof of Work. Questo test include una regolazione automatica della difficoltà che cambia in base all'hashrate della rete globale per bilanciare la produzione di blocchi. 

D'altra parte, il prezzo di altri servizi come Internet e l'elettricità influenzerà anche il reddito delle fattorie minerarie. L'elettricità è il punto più importante da considerare perché l'attrezzatura utilizzata per estrarre le criptovalute consuma molta energia per elaborare rapidamente i dati. In questo modo, i luoghi più interessanti per estrarre bitcoin sono le aree del mondo con energia elettrica stabile ed economica. Ad esempio, ci sono alcuni posti nel mondo con energia o elettricità molto economici, ma invece hanno servizi scadenti e quindi non sono un buon posto per il mining di bitcoin.

Infine, va tenuto conto anche del ritorno sull'investimento che deve essere fatto in linea di principio per poter allestire una mining farm bitcoin: dall'acquisizione dell'hardware per il mining alle strutture interne ed esterne. Inoltre, bisogna valutare anche i costi di manutenzione delle apparecchiature e del luogo, i sistemi di raffreddamento e i costi dei sistemi operativi utilizzati, compresi quelli che normalmente funzionano con abbonamenti mensili o annuali come il monitoraggio.

Quali paesi estraggono più criptovalute?

Fino alla metà del 2021, la Cina è stata l'area con la più alta attività mineraria al mondo, poiché dispone di una rete elettrica economica e sicura. Nel giugno 2021, la Cina ha concentrato quasi il XNUMX% dell'hashrate o del potere minerario mondiale, ma a settembre Pechino ha vietato le transazioni crittografiche, il mining e la pubblicità.

In questo modo, molte fattorie minerarie si sono trasferite in Kazakistan, un'area vicina alla Cina, poiché la provincia di confine chiamata Xinjiang rappresentava quasi il 60 per cento di tutte le attività minerarie cinesi. In quest'area le reti minerarie erano potenti a causa delle grandi riserve di idrocarburi presenti in questo luogo. Inoltre, il Kazakistan era una buona alternativa perché inizialmente escludeva le attività di tassazione relative al mining di criptovalute.

Durante quest'ultimo anno, Stati Uniti, Kazakistan, Russia, Canada, Irlanda, Malesia e Germania hanno quindi dominato il mining di bitcoin in tutto il mondo, ma finalmente è scoppiata una crisi in Kazakistan con il settore delle criptovalute. Questo paese ha iniziato ad avere problemi di sovraccarico nella sua rete a causa, secondo i suoi detrattori, del bitcoin mining e del resto delle criptovalute, che hanno aumentato la tensione nel paese con questo settore, una tensione che è finita per esplodere quando nel 2022 è entrata in vigore la nuova tassa che obbliga le miniere a pagare l'energia.

Così, le fattorie minerarie che si erano trasferite dalla Cina al Kazakistan, paese che sembrava diventare il nuovo centro del mondo del mining di bitcoin, Hanno finito per trovare problemi anche in questo posto. All'inizio l'energia era molto a buon mercato e il regolamento non esisteva, ma alla fine l'energia non era così a buon mercato, iniziarono a verificarsi interruzioni di corrente e il Ministero dell'Energia iniziò a incolpare le fattorie minerarie e ad annunciare tagli a questo tipo di attività. Inoltre, l'attività mineraria è stata tassata e l'energia ha iniziato a essere molto più costosa per le fattorie minerarie. In pochi mesi, i minatori passarono dall'essere rispettati e stimati lavoratori Kazakistan perseguitato.

Ora, secondo diversi analisti, la causa dei blackout e delle interruzioni di corrente in Kazakistan non ha nulla a che fare con il mining di bitcoin, ma con le scarse infrastrutture del Paese. Inoltre, è evidente che esiste un mercato nero che fa riservare alle centrali una parte della capacità per il proprio fabbisogno a un prezzo ridotto e alcune aziende beneficiano di queste riserve attraverso accordi privati, il che riduce indubbiamente l'energia disponibile per la distribuzione.

Il governo kazako, dal canto suo, distingue tra i minatori bianchi, coloro che registrano la propria attività, con una somma di consumi leggeri molto inferiore a quella di altri settori dell'industria e della società, e i minatori grigi, che secondo questo governo operano in modo irregolare. il doppio dell'energia. Infatti, è stata creata addirittura una linea su WhatsApp per denunciare i minatori grigi, ricevendo in cambio una ricompensa.

Per tutti questi motivi i miner si stanno lasciando alle spalle di nuovo il Kazakistan e tra le mete più gettonate per la creazione di bitcoin farm oggi troviamo gli Stati Uniti, Paese che sta solo rafforzando la propria posizione dominante sul mercato per quanto riguarda i mining farm . Altri minatori apprezzano opzioni come la Russia o altre alternative come il Cile o l'Argentina.

Ora, sebbene dopo il ban della Cina lo scorso anno, Stati Uniti, Russia e Kazakistan siano stati in prima linea in termini di mining farm nell'ultimo anno, dopo gli eventi più recenti i dati mostrano che la Cina è ancora una volta un'altra delle principali aree del mondo in termini di bitcoin mining, solo dietro gli Stati Uniti.

Efficienza economica ed energetica

Allo stesso modo, c'è un'idea generale che le mining farm di Bitcoin inquinino pesantemente le comunità e contribuiscano ai gas serra, ma molti esperti concordano sul fatto che i centri di elaborazione dati e le centrali elettriche siano davvero confusi.

I data center di mining di bitcoin non sono così diversi da quelli occupati da altre grandi aziende come Google, Apple o Amazon. Le fattorie minerarie funzionano acquistando energia da un impianto di generazione come altre aziende. Inoltre, le fattorie minerarie non emettono anidride carbonica o altri tipi di inquinanti: solo il calore generato dalle macchine, che può essere controllato con sistemi di ventilazione.

È inoltre essenziale tenere conto del fatto che sempre più fattorie minerarie funzionano con energia rinnovabile quando svolgono tutte le loro operazioni. Infatti, secondo vari studi, questa industria nel suo insieme utilizza circa il 58,4 per cento di energia sostenibile, il che la rende un'industria molto sostenibile e lontana da fonti di generazione di elettricità create con combustibili fossili.

Per risparmiare, oltre a scegliere il miglior hardware possibile, le aziende del settore decidono di localizzare le proprie mining farm nelle zone con l'energia più economica ed efficiente del pianeta. Molte aziende del settore stanno collocando i loro impianti in luoghi con l'elettricità più economica, come abbiamo presentato sopra, ma altri stanno decidendo di scommettere su luoghi in cui il raffreddamento è completamente naturale, come il Circolo Polare Artico nel nord della Svezia.