Cyberspazio, quella proiezione digitale della coscienza collettiva che tanti desiderano proteggere dalle assurdità del mondo fisico, dalle tirannie e dalle interferenze politiche, religiose, razziali o di qualsiasi altro tipo. Il desiderio di una persona e di una comunità che sostiene la sua idea, ha dato origine a un documento che ha segnato una pietra miliare nella sua storia, questo documento è la Dichiarazione di Indipendenza del Cyberspazio.

Unumero dei documenti più importanti emessi da cypherpunk e la sua feroce comunità è il Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio. Il brief è stato presentato in Svizzera il 8 di febbraio 1996 tramite John Perry Barlow, uno dei membri fondatori di Electronic Frontier Foundation (EFF).

Questo testo è stato presentato in risposta al Legge sulle telecomunicazioni degli Stati Uniti. Tale legge è stata presentata nello stesso anno ai fini di “aggiornare"La vecchia legge sulle comunicazioni risalente al 1934. Tuttavia, la nuova legge sulle telecomunicazioni ha favorito la privatizzazione e stavo cercando regolamentare la creazione di nuovi spazi e canali di comunicazione. Con queste azioni si è aggredita la neutralità della rete e la sua evoluzione.

In risposta a queste minacce non solo dagli Stati Uniti ma anche da un gruppo in continua crescita di nazioni che cercano di controllare il cyberspazio, Barlow ha creato questo documento. Nello stesso, Barlow esalta la natura libera e aperta di Internet e della sua comunità. Inoltre, Barlow ha chiarito una cosa, il cyberspazio ha la propria sovranità e nessun governo ne ha il controllo.

john perry barlow autore della dichiarazione di indipendenza del cyberspazio

Fatti che hanno portato alla dichiarazione

La nascita di Internet è diventata la più grande rivoluzione tecnologica e comunicativa dell'umanità. Anche prima della sua nascita, pensatori e futurologi hanno visto come Internet avrebbe trasformato la società umana. Non avevano torto in queste dichiarazioni e previsioni. Ma nonostante, Le strutture di potere, come i governi delle potenze mondiali, temono tutto ciò che non possono controllare, e un mezzo di comunicazione globale incontrollato, è la peggiore paura di qualsiasi governo. Di fronte a questa situazione, anche prima che Internet esistesse, i potenti stavano preparando il terreno per controllare quello che sarebbe stato il cyberspazio.

Gli Stati Uniti, alla guida della tecnologia, sono stati quelli che hanno avuto il percorso più avanzato in questo senso. L'evoluzione tecnologica lo ha portato a trasformare la NSA nel suo braccio di controllo dentro e fuori la legge per il cyberspazio. Inoltre, nel mezzo della Guerra Fredda, diverso leggi e ordini esecutivi che cercano di controllare la crittografia e la tecnologia delle comunicazioni sono stati i primi tentativi di controllare il cyberspazio.

Gli alleati americani hanno seguito l'esempio con misure uguali e ancora più restrittive. Da parte loro, nazioni come la Cina o l'Unione Sovietica a quel tempo hanno creato misure dello stesso tipo. L'obiettivo era controllare tutto in termini di tecnologia dell'informazione e cyberspazio. Tutto questo indipendentemente dal fatto che violasse i principi e i diritti fondamentali dei suoi cittadini.

Alla fine di questo Con l'apparizione di Internet e la massificazione del suo utilizzo, le misure adottate sono state insufficienti. Controllare intere reti e milioni di utenti in tutto il mondo non è stato un compito facile. Con il fattore aggiuntivo dell'emergere di gruppi di persone e attivisti in tutto il pianeta, preoccupati di mantenere la libertà e la neutralità sulla rete.

Quanto sai, Cryptonuta?

La Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio è un documento importante per le libertà sul web?

Certo!

Sebbene all'epoca fosse precocemente e poco compreso, il documento è fondamentale per comprendere che il cyberspazio deve rimanere neutrale. Trasformarlo in uno spazio controllato dove le nazioni fanno quello che vogliono a volontà, promuoverà il desiderio di controllo totale, la nascita di tirannie e la riduzione delle libertà e dei diritti.

Impatto della dichiarazione

Il documento creato da Barlow lo ha chiarito Il cyberspazio è un luogo neutrale e, a causa della sua natura intangibile e collettiva, non dovrebbe essere soggetto al controllo di alcun governo. Barlow ha espresso in questo modo la necessità di rimuovere il cyberspazio dai sistemi di controllo governativi di tutte le nazioni. Ma allo stesso tempo, ha proposto di spostare il cyberspazio lontano dai problemi geopolitici ed economici del mondo fisico.

Poco dopo che la dichiarazione è stata rilasciata, si è diffusa in tutta la rete. Per questo motivo, Barlow è diventato una celebrità, qualcosa che ha influenzato il rapido riconoscimento del suo lavoro e della Electronic Frontier Foundation. Grazie a ciò, la comunità favorevole alla neutralità ha accresciuto la propria massa sociale, rafforzando così la propria immagine. Pochi anni dopo, dopo il 11-S Negli Stati Uniti, la ricerca del controllo della rete cambierebbe radicalmente.

Di fronte ai fatti sempre più aperti e chiari delle lobby per controllare e limitare il cyberspazio, e con esso i diritti dei cittadini, la dichiarazione si pone come una voce forte contro questi attacchi. Ma è anche un invito alla comunità a impegnarsi a vigilare e regolamentarsi per costruire qualcosa di positivo per tutti.

In questo modo, insieme al Manifesto criptoanarchico, la Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio è diventata uno dei documenti di riferimento per le ideologie impegnate per la neutralità della rete e la privacy al suo interno.

Dichiarazione di indipendenza del cyberspazio

GGoverni del mondo industriale, stanchi giganti di carne e acciaio, vengo dal Cyberspazio, la nuova casa della mente. In nome del futuro, vi chiedo in passato di lasciarci soli. Non sei il benvenuto tra noi. Né esercitate alcuna sovranità sul luogo in cui ci incontriamo. Non abbiamo eletto alcun governo, né pretendiamo di averne uno, quindi mi rivolgo a voi senza altra autorità che quella con cui parla sempre la libertà.

Dichiaro lo spazio sociale globale che stiamo costruendo indipendente per natura dalle tirannie che stai cercando di imporci. Non hai alcun diritto morale di governarci, né possiedi metodi per far rispettare la tua legge che dobbiamo veramente temere.

I governi derivano i loro giusti poteri dal consenso di coloro che sono governati. Non hai chiesto né ricevuto il nostro. Non abbiamo invitato neanche te.

Non ci conosci, né conosci il nostro mondo. Il cyberspazio non è entro i tuoi confini. Non pensare di poterlo costruire, come se fosse un progetto di edilizia pubblica. Non puoi. È un atto naturale che nasce dalle nostre azioni collettive.

Non ti sei unito alla nostra grande conversazione collettiva, né hai creato la ricchezza dei nostri mercati. Non conosci la nostra cultura, la nostra etica o i codici non scritti che già forniscono alla nostra società più ordine di quello che potrebbe essere ottenuto da una qualsiasi delle tue imposizioni.

Dichiari che ci sono problemi tra di noi che devi risolvere. Lo usi come scusa per invadere i nostri limiti. Molti di questi problemi non esistono. Dove ci sono conflitti reali, dove ci sono errori, li identificheremo e li risolveremo da soli. Stiamo creando il nostro contratto sociale. Questa autorità sarà creata in base alle condizioni del nostro mondo, non alle tue. Il nostro mondo è diverso. Il cyberspazio è fatto di transazioni, relazioni e pensiero in sé, che si diffonde come un'onda tranquilla nella rete delle nostre comunicazioni. Il nostro mondo è ovunque e in nessun luogo, ma non è dove vivono i corpi.

Stiamo creando un mondo in cui tutti possono entrare, senza privilegi o pregiudizi dovuti a razza, potere economico, forza militare o luogo di nascita. Stiamo creando un mondo in cui chiunque, ovunque, possa esprimere le proprie convinzioni, non importa quanto unico, senza paura di essere costretto al silenzio o al conformismo.

I tuoi concetti legali di proprietà, espressione, identità, movimento e contesto non si applicano a noi. Sono basati sulla materia.

Non c'è niente qui. Le nostre identità non hanno corpo, quindi, diversamente da te, non possiamo ottenere l'ordine con la costrizione fisica.

Crediamo che la nostra autorità deriverà dalla moralità, dall'interesse personale progressivo e dal bene comune. Le nostre identità possono essere distribuite in molte giurisdizioni. L'unica legge che tutte le nostre culture riconoscerebbero è la regola aurea. Non vediamo l'ora di costruire le nostre soluzioni particolari su queste basi. Ma non possiamo accettare le soluzioni che stai cercando di imporre. Negli Stati Uniti oggi avete creato una legge, il Telecommunications Reform Act, che ripudia la vostra stessa Costituzione e insulta i sogni di Jefferson, Washington, Mill, Madison, DeToqueville e Brandeis. Questi sogni devono ora rinascere in noi.

Hai paura dei tuoi stessi figli, poiché sono nativi in ​​un mondo in cui sarai sempre immigrato. Perché li temi, affidi alla tua burocrazia le responsabilità genitoriali che non puoi affrontare da codardi. Nel nostro mondo, tutti i sentimenti e le espressioni dell'umanità, dal più vile al più angelico, fanno parte di un unico insieme, la conversazione globale dei bit. Non si può separare l'aria che soffoca da quella su cui battono le ali.

In Cina, Germania, Francia, Russia, Singapore, Italia e Stati Uniti, stai cercando di scongiurare il virus della libertà erigendo posti di guardia ai confini del Cyberspazio. Possono prevenire il contagio per un breve periodo, ma non funzioneranno in un mondo che sarà presto coperto dai media bitstream.

Le vostre industrie dell'informazione sempre più obsolete si perpetuerebbero proponendo leggi, in America e altrove, rivendicando il loro possesso della parola in tutto il mondo. Queste leggi dichiarerebbero che le idee sono un altro prodotto industriale, meno nobile del ferro arrugginito. Nel nostro mondo, tutto ciò che la mente umana può creare può essere riprodotto e distribuito all'infinito a costo zero. Il trasferimento globale del pensiero non deve più essere fatto dalle vostre fabbriche. Queste misure sempre più ostili e colonialiste ci pongono nella stessa situazione di coloro che erano amanti della libertà e dell'autodeterminazione che hanno dovuto lottare contro l'autorità di un potere lontano e ignorante.

Dobbiamo dichiarare i nostri "sé" virtuali immuni alla tua sovranità, anche se continuiamo ad acconsentire al tuo potere sui nostri corpi. Ci spargeremo in tutto il pianeta in modo che nessuno possa imprigionare i nostri pensieri.

Creeremo una civiltà della mente nel cyberspazio. Possa essere più umano e bello del mondo che i vostri governi hanno creato prima.

Davos, in Svizzera, l'8 febbraio 1996

John Perry Barlow