La scelta di un rappresentante parlamentare in un'elezione fa parte del processo democratico. Ma questo formato, bollato come giovane in alcune nazioni, potrebbe essere aggiornato con lo svolgimento delle elezioni con tecnologia blockchain.

Elezioni 2019: vota Blockchain

Immagina di poter votare dal tuo salotto o da qualsiasi altro punto del pianeta oltre al tuo divano. Immagina di non dover partecipare alla chiamata come membro di un seggio elettorale. Nel Bit2me, immaginiamo questo e molto altro, perché? Bene, perché lavoriamo da molto tempo con la tecnologia Blockchain come Bitcoin e sappiamo che può ancora portare molta innovazione.

Abbiamo preparato questo articolo per proiettare i vantaggi che l'uso della blockchain avrebbe in un sistema di voto elettorale. Per farlo abbiamo analizzato superficialmente i dati offerti dalla Gazzetta Ufficiale di Stato e da alcuni media. Dopo questo abbiamo provato a rispondere alla domanda: cosa potrebbe migliorare la tecnologia blockchain in alcuni punti di un processo elettorale?

Un'elezione ha quattro fasi fondamentali: chiamata, campagna elettorale, voto e presa del potere. È durante la campagna elettorale e il voto che alcuni elezioni con tecnologia blockchain potrebbero avere una serie di vantaggi rispetto al sistema attuale.

Prima di proseguire, ci teniamo a precisarlo quando ci riferiamo a tecnologia blockchain, stiamo parlando dell'applicazione coordinata di varie tecnologie per creare reti di dati distribuite dove le informazioni possono essere pubbliche e senza capacità di alterazione. Ci riferiamo principalmente a tecnologie di trasmissione dati digitali, crittografia utilizzando sistemi di crittografia avanzata e protocolli di consenso per la convalida delle informazioni.

Vantaggi di un metodo di voto Blockchain

L'utilizzo di una blockchain per svolgere un'elezione o un processo di votazione comporta una serie di miglioramenti tecnici. Questi hanno un impatto sul sistema essendo:

  • Altro trasparente: Tutti possono verificare i risultati senza fare affidamento su terze parti.
  • ridurre al minimo dei errori umano: Il processo di conteggio richiede che più persone evitino di commetterli. Con la blockchain il processo sarebbe molto più efficiente.
  • Salvataggio en COSTE: Se qualcosa è chiaro, è che la mobilitazione dei giorni elettorali e tutto il materiale utilizzato richiedono un costo molto alto, cosa che potrebbe essere evitata con la tecnologia blockchain.
  • Verifica del voto: Grazie alla trasparenza della tecnologia blockchain, verificare che il tuo voto sia stato conteggiato correttamente sarebbe estremamente facile. E non solo, ma sarebbe anche molto veloce da controllare.
  • Evita i falsi: La tecnologia Blockchain è avanzata molto nel campo della firma digitale per una corretta autenticazione dell'identità. Forgiare una firma è molto più difficile che farlo con il sistema attuale.
  • Aumenta la sicurezza del processo: Tutti i vantaggi di cui sopra hanno un impatto sull'aumento della sicurezza di questo processo ben al di sopra degli standard attuali.

Spesa pubblica

Le elezioni del 28 aprile costerà circa 138 milioni di euro. Queste spese sono destinate a pagare:

  • votare per posta
  • inviare propaganda elettorale
  • le forze statali che garantiscono la sicurezza durante il giorno delle elezioni
  • l'azienda che comunica il conteggio.

A questa spesa va aggiunto il contributo pubblico ai partiti politici per lo svolgimento delle loro attività e il materiale utilizzato per lo svolgimento della giornata elettorale. Quasi 200 milioni di euro che non vengono utilizzati in modo più produttivo.

Rappresentanza parlamentare

Al termine delle elezioni, il BOE stabilisce che ogni formazione con rappresentanza parlamentare riceverà:

  • 21.167,64€ per ogni posto ottenuto al Congresso dei Deputati o al Senato.
  • Concedere euro 0,81 per ciascuno dei voti ottenuti per ogni candidatura al Congresso, almeno uno dei membri avrebbe ottenuto un seggio di Vice.
  • Concedere 0,32 euro per ciascuno dei voti ottenuto da ciascun candidato che aveva ottenuto un seggio di Senatore.

E inoltre anche il "Lo Stato sovvenzionerà ai partiti, federazioni, coalizioni o gruppi, le spese elettorali originate dall'invio diretto e personale agli elettori di buste e schede elettorali o propaganda elettorale e pubblicità":

  • Sara pagato 0,21 euro per votante in ciascuna delle Circoscrizioni in cui ha presentato una lista al Congresso dei Deputati e al Senato, purché la candidatura di riferimento abbia ottenuto il numero di Deputati o Senatori o di voti necessari per costituire un Gruppo parlamentare nell'una o nell'altra Camera.

Impatto materiale

Sebbene dalle più alte sfere insistano sul fatto che il cambiamento climatico è una decisione politica, non lo è. Il cambiamento climatico non viene votato, né votando per l'uno o per l'altro scomparirà durante una legislatura. Ad oggi, votare per rappresentanti che non esitano a impattare il pianeta per inviare spam alla tua casella di posta non sembra la soluzione più responsabile. Ed è che la sopravvivenza non comprende le ideologie.

scrutini

Supponiamo che il numero totale di elettori sia di 40 milioni. In uno stato tradizionalmente bipartisan, significherebbe avere almeno 80 milioni di schede elettorali e 40 milioni di buste per poter svolgere il processo di voto della Camera Bassa. Come ci si può aspettare, ci sono altri partiti che aspirano a prendere il potere del parlamento per diffondere le loro idee sotto forma di leggi. Diciamo che sono 4, questo significa stampare 160 milioni di schede, ma sappiamo che in realtà sono più di quattro.

A questo vanno aggiunti i voti della Camera alta o del Senato. Uno per persona, 40 milioni in più, almeno. E, naturalmente, per mantenere il "voto segreto", 40 milioni di buste in più per esso.

Spam elettorale

Le formazioni politiche sono consapevoli che nei seggi elettorali c'è abbondanza di materiale per tappezzare i panini dell'intera galassia. Nonostante ciò, svolgono un'attività che chiamano "cassetta postale ", ma preferiamo chiamarlo SPAM. Con questo, ti inviano un'altra copia della scheda elettorale del Senato già compilata e un'altra dai tribunali.

Allora si dovrebbero aggiungere 80 milioni di schede in più per partito alle case degli elettori. Ma nell'esempio abbiamo contato quattro formazioni politiche, quindi sarebbero 320 milioni in più.

Dobbiamo ringraziare le formazioni che durante questo processo danno priorità alla salute del pianeta. Ad esempio, quelli che si ricordano di imballare il loro SPAM in "plastica buona", in modo che sappiamo chi sono quelli che invitano all'avvelenamento del mare.

Area di voto: misura la diffusione della carta

Le misure di una votazione della camera bassa sono di circa 10,4 x 22,2 centimetri. La superficie coperta da questo scrutinio è di 230,88 cm². D'altra parte, le schede della camera alta sono di dimensioni maggiori. Questi raggiungono il formato DIN A4, cioè 21 x 29,7 cm e la loro superficie è di 623,7 cm².

Carta stesa

Conoscendo l'area che occupa ogni scrutinio, possiamo avere un'idea di quanto coprirebbe ogni partito per milione di abitanti se è vero che c'è:

  • 1 milione di schede elettorali della Camera bassa nei seggi elettorali
  • 1 milione di schede elettorali della Camera bassa inviate tramite posta spam
  • 1 milione di schede elettorali della camera alta inviate tramite posta indesiderata
  • 1 milione di schede elettorali al seggio elettorale, diviso per il numero di formazioni politiche.

La superficie compensata dai voti delle camere inferiori risulterebbe moltiplicando 2 milioni per 230,88 cm². Cosa risulterebbe in 461,76 milioni di cm², che se convertiti in m² sarebbero circa 46176 m². Per darvi un'idea, il campo di gioco del FC. Barcellona misura 7140 m², quasi sette volte meno.
L'area compensata dalle votazioni alla Camera alta sarebbe variabile, ma se ci fosse una sola formazione politica bisognerebbe moltiplicare 2 milioni per 623,7 cm². Ciò si tradurrebbe in 1247,4 milioni di cm², che se convertiti in m2 sarebbero 124740 m². Ops! circa 17 campi da calcio.

Quindi una formazione politica e un milione di elettori darebbero alla carta 24 campi da calcio. Se ci fossero 40 milioni di elettori, ne parleremmo 960 campi da calcio per formazione politica. Cinque formazioni coprirebbero l'intera area dell'aeroporto di Madrid Barajas Adolfo Suárez.

Anonimato / voto anonimo

Attualmente i sistemi di voto non possono garantire il completo anonimato del voto. Esistono vulnerabilità note nei sistemi per raggiungere questo obiettivo. I governi lo sanno, ma hanno preferito prendere solo misure per mitigare questo, o hanno taciuto per usarli a loro favore.

In ogni caso, un altro punto a favore del voto su blockchain è la capacità di rispettare il principio del segreto del voto. Con la tecnologia blockchain, possiamo fare a meno dei taccuini elettorali e attaccare le vulnerabilità che violano questo principio.

Un altro punto a favore della blockchain in questo senso è che il nostro voto può essere espresso senza dover mettere in relazione i nostri dati. Non è necessario fornire nomi, ID o informazioni personali. L'autenticazione è protetta da una crittografia avanzata e da un'infrastruttura a chiave pubblica. Il tutto mentre i nostri dati sono protetti e garantiti da una crittografia avanzata e da una catena di dati immutabile.

Questo schema di anonimato cerca di evitare situazioni di acquisto di voti e altre situazioni di coercizione. Tuttavia, questa è la sfida più grande dietro la tecnologia di voto che utilizza la blockchain. Ebbene, il suo corretto funzionamento dipende dalla separazione e dall'anonimizzazione dei dati di voto, dal sistema di autenticazione. Una sfida da superare e su cui lavoriamo molto, come nel caso dei sistemi di autenticazione sovrani.

Risparmio e decentralizzazione

Gli attuali sistemi elettorali sono basati su tecnologie proprietarie che hanno un costo enorme sia nelle licenze che nella manutenzione dei sistemi e degli aggiornamenti. A questo punto ci chiediamo perché un atto pubblico come un voto sia gestito da società private transnazionali? Perché non creare un framework aperto, pubblico e verificabile per hardware e software?

Sebbene possa sembrare il contrario, un sistema aperto non solo porta a un enorme miglioramento dei sistemi elettorali, della loro fiducia e sicurezza. Piuttosto, consente un enorme risparmio di denaro pubblico e un miglioramento nella progettazione di questi sistemi.

Affidabilità

L'affidabilità del processo elettorale, nella sua fase di votazione, è stata oggetto di accuse incrociate di manipolazione in numerose occasioni. Questo è accaduto in paesi con una democrazia emergente e in paesi come Stati Uniti. È in quel momento che è possibile colpa bizantina nel sistema. L'elettore non è in grado di distinguere se c'è stato o meno un errore, quindi non è possibile raggiungere un consenso su di esso e sorgono dubbi sul sistema di voto. Solo la simpatia per l'una o l'altra forza politica può portare a distorsioni nell'individuazione di questi fallimenti.

In uno post di opinione de Ars Technica, è garantito che le elezioni basate sulla blockchain finirebbero in un disastro per il sistema democratico. Il post elabora una critica su un altro articolo del New York Times qualificato È ora di votare online. Timothy B. Lee lo suggerisce "Un sistema di voto con blockchain metterebbe in pericolo l'integrità del sistema elettorale e la fede dell'elettorato nei risultati del votazione". L'autore sostiene che questo sistema non migliorerebbe nemmeno l'interferenza delle formazioni nel processo sotto accuse di manipolazione. Anche se questo può essere vero, sta distogliendo l'attenzione dai problemi risolvibili con la tecnologia. Dopo tutto, un voto non è una questione di fede, è una questione di fiducia e trasparenza.

Altrimenti, se c'è qualcosa che mette a rischio una democrazia, è questo tipo di allusione. O per averli sostenuti e preferire non dare una soluzione o per indurre paura con l'intenzione di bloccare qualsiasi miglioramento. La sperimentazione è la chiave per bandire le fobie del progresso.

Elezioni e Blockchain: una lunga strada da percorrere

L'implementazione di un meccanismo come la blockchain non viene eseguita in un momento se non è presente un'infrastruttura. Questa circostanza ha un peso maggiore quando questo sistema deve sostituire un meccanismo di uso pubblico attivo. Le principali barriere all'ingresso sarebbero quindi la mancanza di infrastrutture iniziali e di educazione dei cittadini per il loro corretto utilizzo.

I meccanismi di attuazione di un sistema come questo devono operare progressivamente per non fallire. Inoltre, va tenuto presente che un sistema innovativo può tendere solo a migliorare parti di un problema. E quindi non è una garanzia di essere la soluzione definitiva a tutto il caso. Nessuno dovrebbe aspettarsi miracoli, ma se ciò che già esiste è in qualche modo migliorato alla fine, vale la pena provare.

Sarebbe ingiusto e irresponsabile affermare che un formato elettorale basato su blockchain non comporterebbe alcun rischio. Il sistema continuerebbe a presentare vulnerabilità. Y né poteva garantire l'onestà e l'efficienza dei candidati scelti. L'esperienza è necessaria per poter osservare i punti deboli di una struttura basata sull'innovazione. Per questo motivo, il vantaggio non sarebbe osservabile a breve termine. Anche se negli anni chi lo sa? E se invece di votare per i candidati, potessi votare periodicamente sulle proposte con smart contract? Immagina per un attimo che il destino di un paese sia deciso ogni giorno dai suoi abitanti, come accade nel BIP di Bitcoin.

È chiaro che niente è perfetto. Ma una democrazia gestita con blockchain potrebbe migliorare la capacità decisionale su ciò che è più importante per la popolazione.

La città di Zugo in Svizzera

Non tutto sta usando la tua immaginazione. Ci sono aziende che da tempo esplorano questo terreno. Inoltre, ci sono città che hanno già provato questa esperienza. Zug è una piccola città alpina in Svizzera. È famoso per ospitare la più grande concentrazione di attività di sviluppo Ethereum. Nel luglio 2018 è stato effettuato un primo esperimento in un file voto comunale di questa località. Va detto così Svizzera È un paese che è abbastanza aperto all'uso di un referendum pubblico, cioè a sottoporre alcune decisioni al controllo dei cittadini.

Forse è per questo che l'esperimento condotto a Zugo è stato un totale successo. Ed è quello la scena politica non dovrebbe mai aver paura di mettere in votazione tutto ciò che la cittadinanza richiede. Alla fine come le costituzioni di solito promulgano, il potere emana dal popolo.