Il denaro è un potente strumento economico e finanziario che si è evoluto insieme alla nostra civiltà dal suo momento più primitivo ai nostri giorni, pertanto, vi invitiamo a conoscerlo e poter identificare come il denaro ha completamente cambiato la nostra storia.

LContrariamente a quanto molti potrebbero pensare, l'euro, il dollaro o lo yen, sono un tipo di denaro che ha pochissimi anni di vita. In realtà, sono tutti un tipo di denaro noto come "Fiat" o fiduciario, nato ufficialmente nel 1971, che non è supportato da oro o altro, è semplicemente carta o cifre su un computer.

In effetti, per questo, è normale vedere quante persone credono nel denaro in modo sbagliato, dal momento che non siamo educati a capire cosa sia il denaro, la sua origine ed evoluzione. E tutto questo ci porta a credere che siamo nati con un tipo di denaro che è sempre esistito, e allo stesso modo.

Le origini del denaro sono antiche quanto la storia dell'umanità stessa, ma i primi scambi economici umani sono lontani dalla realtà attuale. E in mezzo a tutto questo, l'evoluzione del denaro ha svolto un ruolo importante. Dal baratto, alla comparsa delle prime valute, all'arrivo dell'attuale moneta fiat a Bitcoin e valute digitali. Indubbiamente, un intero percorso pieno di progressi e grandi balzi evolutivi di denaro, la sua forma, utilità e portata.

In questo nuovo articolo di Bit2Me Academy, ti parleremo della storia del denaro. Un viaggio che ti porterà a conoscerne gli inizi, le sfaccettature e come l'evoluzione del denaro ci ha portato alla comparsa di Bitcoin, il denaro del futuro.

Vuoi iniziare a goderti il ​​mondo delle criptovalute? Quindi è il momento di aprire il tuo account utente Bit2Me. È molto facile da fare e, inoltre, seguendo questo link Riceverai € 5 totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto su Bit2Me.

Cosa sono i soldi

Inizieremo con questa definizione e poi continueremo con la sua storia. Il modo migliore per definire il denaro sarebbe il seguente:

Il denaro è un linguaggio, un modo di esprimere valore per effettuare scambi di beni e servizi tra esseri umani. È una convinzione, una tecnologia sviluppata per poter scambiare e immagazzinare valore nel tempo.

Forse qualche parola ti è sembrata controversa, ma continua a leggere. Adesso andremo a comprenderne l'origine e l'evoluzione.

L'inizio della storia del denaro

Come abbiamo già accennato, l'origine del denaro risale a migliaia di anni fa. Il fatto che l'essere umano abbia iniziato a vivere nella società ha portato con sé la divisione del lavoro, rendendo le persone non autosufficienti e generando il bisogno di volere cose che avevano gli altri. Questo lo ha portato a creare meccanismi di scambio che inizieremo a evidenziare di seguito:

Baratto, la prima forma di denaro

Sicuramente hai sentito parlare del baratto, quel sistema di scambio economico, in cui offri merci, prodotti e servizi, per acquisire altre merci, prodotti e servizi che desideri. Questa è la forma di denaro più elementare, ma anche la meno simile a ciò che conosciamo e usiamo regolarmente oggi, nonché la più complicata da applicare. Ma alla fine della giornata un modo per scambiare valore. Inoltre, ci sono indicazioni che il baratto risalga al Paleolitico, cioè intorno al 15.000 a.C., conformando l'aspetto della prima forma di scambio di valore o denaro.

L'idea di scambiare un prodotto come il sale con il rame, o le pelli con il grano, era teoricamente semplice quando il baratto è apparso nella storia umana. Ma la verità è che questo tipo di scambio è difficile da eseguire. Tanto più che le parti in un baratto hanno cercato di posizionare il miglior scambio possibile per i loro prodotti. Il noto "mercanteggiamento" è nato con il primo baratto e con esso la sua lunga storia.

Ma anche, una situazione un po 'giusta, è finita per diventare piena di scambi ingiusti. Soprattutto perché c'erano rapporti o differenze di potere tra le parti, o perché il bene scambiato era complesso da immagazzinare, trasportare e negoziare in altri spazi. Tutto ciò rende il baratto una forma di denaro molto inefficiente e ingiusta.

Il baratto agli albori della storia umana

Tuttavia, questa prima forma di denaro è stata ciò che inizialmente ci ha permesso come specie umana di costruire ponti commerciali con altre regioni.

Infatti, una delle prime testimonianze di baratto proviene dalle regioni del Medio Oriente, dove intorno al 12.500 a.C. Ossidiana anatolica come sistema di scambio. L'ossidiana era usata come materia prima per la fabbricazione di strumenti nell'età della pietra e all'epoca era anche usata come forma di denaro. Più tardi, nell'anno 9.000 aC, il grano, gli animali e persino il sale iniziarono ad essere utilizzati da alcune regioni, come altre forme di denaro. In effetti, il fatto curioso sull'uso del sale come forma di denaro è che la parola Stipendio, deriva proprio dall'uso di questo come denaro.

  • Sale, un'antica forma di pagamento, da cui la parola SALARY
  • Ossidiana dell'Anatolia, ampiamente utilizzata come valore di scambio negli antichi permute

Lo sappiamo grazie alle prime storie scritte di baratto fornite dalla civiltà sumera. I Sumeri, che iniziarono a scrivere la loro storia intorno al 6.000 a.C., ci hanno lasciato una lunga eredità, compreso l'uso del baratto come mezzo di scambio di valore.

In effetti, i Sumeri erano la più grande potenza economica e di sviluppo nel mondo conosciuto. Dai suoi abitanti vennero invenzioni come la ruota, l'inizio del lavoro con il rame, il bronzo, l'oro e l'argento, la scrittura e il commercio con altre nazioni. Ciò portò alla creazione dei primi documenti commerciali, dei primi contratti di acquisto e delle prime testimonianze della storia scritta dell'uomo.

Successivamente, i Fenici, un'altra grande civiltà antica, avrebbero creato il muto baratto. Questo era solo un miglioramento del concetto sumero, che mette da parte anche la solita ingiustizia che potrebbe esistere in uno scambio. Per fare questo, i Fenici semplicemente lasciavano le loro merci sulle rive e tornavano alle loro navi. Con questo, le persone nelle vicinanze potrebbero avvicinarsi e offrire uno scambio. Se i Fenici erano d'accordo, lasciavano che la merce fosse portata via, altrimenti la ritiravano e aspettavano un'altra offerta.

Tuttavia questo non era sufficiente, a volte il bestiame, i semi o le merci scambiate non erano di qualità sufficiente. Ad esempio, il bestiame moriva o si ammalava, oppure i semi erano di scarsa qualità e diventavano cattivi. È qui che iniziano a definirsi alcuni dei pilastri "Di buoni soldi", come la durata. Per correggere questi problemi, ancora una volta, l'umanità fa un ulteriore salto selezionando alcuni metalli come oro, argento e rame come beni ottimali per funzionare come denaro. È così che in Mesopotamia, intorno al 2500 a.C. C. inizia ad avere prove dei metalli preziosi usati come denaro.

Il prossimo importante balzo che il denaro compie è con l'arrivo delle monete coniate, un concetto che potrebbe sembrare simile a quello che usiamo oggi, ma no, perché queste monete erano fatte di metalli preziosi.

Le prime monete coniate risalgono al 600 a.C. circa, in tre luoghi del pianeta indipendentemente: in Lidia (Asia Minore), in Cina e in India. Il metallo è stato tagliato in piccole porzioni e contrassegnato con un segno identificativo, creando la moneta che ha la specifica funzione di fungere da moneta.

In effetti, questa forma di denaro si diffuse in tutto il mondo, anche in luoghi remoti e chiusi come il Giappone, dove in epoca feudale c'erano monete, eppure la forma più comune per i grandi scambi erano le balle di riso. In Europa, ad esempio, l'oro, l'argento e il pepe erano ampiamente utilizzati. Le spezie sono state a lungo parte delle forme di scambio desiderate dei popoli europei con altri popoli.

Baratto oggi

Nonostante la sua origine molto antica, il baratto è stato ampiamente utilizzato nei tempi moderni. Il famoso economista Adam Smith ha dedicato molti studi a questo tipo di scambio. In questo ha chiarito che il baratto è una forma di scambio pieno di disuguaglianza, sebbene necessario nei primi momenti dello sviluppo umano, creando così concetti come ricchezza, surplus, scambio economico e proprietà privata.

Oggi sono molte le persone che usano ancora il baratto come valida forma di scambio. I noti mercatini delle pulci sono spazi in cui il baratto è una valida opzione di pagamento, se le parti lo acconsentono. Anche su Internet, siti come MercadoLibre o eBay, è abbastanza comune vedere offerte di baratto per acquistare beni che non si hanno.

Ciò è particolarmente vero nei paesi in cui sono presenti spirali deflazionistiche o iperinflazioni incontrollate. Casi come Venezuela, Argentina o Zimbabwe sono esempi di questi casi, ma in paesi come Stati Uniti, Regno Unito e Spagna viene utilizzato anche questo tipo di scambio. Quello che ci dice, che nonostante sia la più antica forma di denaro, il suo utilizzo è ancora valido.

L'arrivo delle monete, la prima rivoluzione monetaria

Tuttavia, la difficoltà di barattare per scambi di piccolo valore ha iniziato a coinvolgere l'inventiva umana. Di conseguenza, intorno al 700 a.C., iniziarono ad essere coniate le prime monete. Un piccolo paese di nome Lidia, è quello che, fino ad ora, possiede le più antiche testimonianze archeologiche delle prime monete al mondo.

Successivamente, con la conquista della Lidia da parte dei Persiani, iniziarono a coniare monete e da lì iniziò a crescere l'espansione delle monete nel mondo. Popoli come Greci, Romani e Cinesi servivano da epicentro per i loro vicini e le popolazioni sotto il loro dominio usavano le monete come sistema di scambio.

Queste prime monete erano generalmente fatte di metalli preziosi. I Lidi coniavano le loro monete in oro e argento, con un peso compreso tra circa 4 grammi e 60 grammi. Tutto questo a seconda della qualità del materiale, della lega e delle dimensioni della moneta coniata.

Monete, un'altra forma di denaro piuttosto vecchia

L'espansione delle valute nel mondo

Le valute sono diventate rapidamente un mezzo di scambio altamente desiderato. Questi hanno notevolmente semplificato il processo di acquisto e messo da parte alcune ingiustizie che il baratto aveva. Ciò è dovuto al fatto che il valore della moneta era nella sua coniazione e il valore di un materiale il cui lavoro era di difficile esecuzione.

D'altra parte, l'apparizione delle monete ha permesso anche di creare i primi modelli di ancoraggio. Una moneta d'oro poteva essere usata da un re per ordinare il conio di una certa quantità di monete di rame o anche di legno. Così è nato il concetto che potremmo proteggere il valore e utilizzare altre rappresentazioni del denaro per mobilitare il valore.

In Europa, ad esempio, le monete romane hanno segnato il punto evolutivo delle monete che sarebbero poi state utilizzate dai popoli di queste regioni fino ad oggi. Mentre in Cina, le sue valute farebbero lo stesso con i popoli di quella che oggi è l'India, il Giappone e il resto del continente asiatico.

Ma nonostante tutta l'antichità che c'è dietro, le valute oggi sono ancora un mezzo di scambio ampiamente utilizzato. La sua praticità lo rende perfetto per quei piccoli scambi dove l'oro, l'argento o altri metalli non sono pratici. E sebbene queste monete fossero originariamente fatte di metalli preziosi, il concetto di ancoraggio si è evoluto per trasformare le monete in leghe con poco valore o costo di produzione, rispetto al loro valore di scambio.

L'origine del denaro di oggi

Sebbene il concetto di banca risalga ai principi stessi della moneta in quanto tale, in epoca mesopotamica, effettuando prestiti con interessi, è soprattutto nel Medioevo dove hanno un ruolo fondamentale nell'evoluzione della moneta con la nascita della carta moneta in Europa.
Sebbene sia vero che la carta moneta fosse attribuita alla Cina nel VII secolo, con il viaggio del veneziano Marco Polo nel XIII secolo questo strumento iniziò ad essere conosciuto al di fuori della Cina.

Ci vorrebbero secoli per essere effettivamente utilizzato in Europa. Nel senso moderno del termine, l'attività bancaria ha avuto i suoi inizi nelle ricche città del nord Italia, come Firenze, Venezia e Genova, nel tardo medioevo e nel primo Rinascimento. Le famiglie Bardi e Peruzzi dominarono l'attività bancaria nella Firenze del XIV secolo e stabilirono filiali in molte altre parti d'Europa.Forse la banca italiana più famosa era la Medici, fondata da Juan de Medici.

Le prime banconote di cui si ha evidenza compaiono in Svezia nell'anno 1661 (XVII secolo), per mano del cambiavalute Johan palmstruch, che li ha dati come "ricevuta" per coloro che hanno depositato oro o altro metallo prezioso nella Banca di Stoccolma, da lui fondata.

È qui che nasce la cartamoneta con supporto in oro. Vale a dire, le monete d'oro delle persone, che erano pesanti e difficili da dividere, sono conservate in casseforti altamente protette, in cambio di documenti che indicavano qualcosa come "Questo documento è equivalente a tanto oro nella banca X".
A poco a poco i banchieri si resero conto che poche persone venivano a reclamare l'oro, le persone si sentivano a proprio agio nel fidarsi dei banchieri e nell'usare le carte. Data questa situazione, i banchieri iniziarono a prestare l'oro ad altre persone, ricevendone un interesse.

Tutto filava liscio fino al 1660 Re Carlos X Gustavo, morì e il governo decise di coniare nuovi lingotti di rame di minore purezza. I depositanti accorrevano per ritirare i loro lingotti di rame della massima purezza (che si chiama legge di Gresham, quando ci sono due monete in circolazione, la gente tiene il buono e usa il cattivo), ma poiché Palmstruch li aveva prestati, non ce n'erano abbastanza. Per questo motivo, nel 1661 il geniale Palmstruch decise di disaccoppiare l'emissione delle "banconote" con i depositi in modo tale che l'unico garante delle banconote fosse la banca stessa. Queste banconote erano le Kreditivsedlar e rappresentano segretamente la nascita del denaro fiat (che è sostenuto solo dalla fede o dalla fiducia).

Sembra che Palmstruch ci fosse riuscito, ma non contava sul fatto che questi soldi generassero un nuovo fenomeno in Svezia: l'inflazione. Dopo un periodo turbolento di crisi economica, ci fu un periodo nel 1667 in cui la banca, non riuscendo a onorare gli impegni derivati ​​dal Kreditivsedlar, andò in bancarotta. Palmstruch è stato inizialmente condannato a morte, anche se in seguito è stato graziato e finito in prigione.

Ma il parlamento svedese aveva intuito il potere della banca e aveva deciso di fondare la prima banca centrale della storia: la Banca di Stato svedese nel 1668, con l'esclusiva dell'emissione di banconote. Questa istituzione cambierà nome anni dopo per essere ribattezzata Banca Centrale di Svezia, che nel 2018 ha celebrato i suoi 350 anni di storia come la più antica del mondo. Fu solo 26 anni dopo, nel 1694, che fu creata la Banca d'Inghilterra, la banca centrale che ha servito da modello per la maggior parte delle banche centrali del mondo.

Cioè, la creazione di moneta cartacea è stata privatizzata e istituzionalizzata nei governi, togliendo la possibilità di emettere denaro a chiunque. Solo la banca centrale di un paese avrebbe la capacità di emettere denaro valido, preoccupandosi veramente che esistesse l'oro che sostiene le banconote.
Ma nemmeno le banche centrali hanno potuto sopportare a lungo quella promessa.

Fino a non molto tempo fa, le banconote erano ancora garantite dall'oro, che era noto come il gold standard, ovvero ogni emissione di denaro fatta dalle autorità di un paese doveva essere sostenuta da una certa quantità di oro. Ciò è continuato fino agli anni '1970 circa, quando gli Stati Uniti hanno ufficialmente concluso quella promessa, cessando di utilizzare l'oro come supporto per la valuta nel 1971.

Anche se c'è chi pensa che euro o dollari siano garantiti dall'oro, non è così. Il denaro come lo conosciamo oggi non è supportato da nulla, essendo emesso dalla banca centrale del luogo, che dalla sua posizione di potere determina che questo è il denaro che le persone dovrebbero usare.

Denaro fiat, emissione incontrollata e perdita di potere d'acquisto

L'arrivo degli accordi di Bretton Woods ha cambiato tutto. Da quel momento in poi, il denaro fiat è diventato il nuovo standard di denaro. Denaro senza valore proprio, ma che ha valore legale. Queste azioni, che avrebbero dovuto portare a un maggior livello di ricchezza per tutti, alla fine hanno portato all'insorgere di gravi squilibri economici in tutto il mondo.

Le banche centrali di molte nazioni hanno iniziato a emettere moneta senza controllo e ci sono stati i primi problemi di svalutazione aggravata del potere d'acquisto. Anche il dollaro stesso, la valuta standard, affronta questa realtà. Al punto in cui $ 100 nel 1956 sarebbero l'equivalente di $ 956 oggi.

Questo problema insieme ad altre pratiche malsane in economia sono ciò che ci ha portato a crisi economiche come quelle del 2008. Di fronte a questa realtà, la necessità di un nuovo tipo di denaro, non controllato da governi e banche centrali, per renderci di più povero, era necessario. Nessuno penserebbe che ciò si avvererà, nel 2009 con il lancio della nuova evoluzione del denaro.

Quanto sai, Cryptonuta?

La creazione di moneta corrente è una delle principali cause dei disastri economici subiti oggi?

Certo!

La generazione di moneta fiat, il cui valore non è legato a nulla di tangibile, ma solo a una promessa politica infranta più volte, è la causa principale di alcuni dei più grandi disastri economici e finanziari della storia. La possibilità per i paesi di stampare tutto il denaro che vogliono, porta a spese irrealistiche, che spesso sono diluite in corruzione, spese insensate e che alla fine i cittadini pagano con le nostre tasse. Alla fine, quella macchina da stampa di denaro genera in modo sicuro solo una cosa: il caos economico.

La nascita di Bitcoin, una moneta decentralizzata, privata e sicura

La nascita di Bitcoin Il 3 gennaio 2009 rappresenta la più grande evoluzione del denaro fino ad oggi. Abbiamo sempre visto il denaro come qualcosa di fisico, tangibile, ma Bitcoin ha cambiato tutto questo. E, anche se abbiamo denaro digitale da molto tempo (nei nostri conti bancari o sistemi come PayPal) la verità è che questi sistemi erano solo una rappresentazione in più dello stesso modello, del denaro fiat che eravamo già abituati a vedere.

Bitcoin d'altra parte è qualcosa di totalmente nuovo. Un sistema il cui valore è dato dal lavoro svolto per generare e far funzionare il sistema, oltre alla fiducia e alle dinamiche di domanda e offerta che i suoi utenti impongono. In altre parole, non ci sono banche centrali qui, non c'è nessun governo che le controlli. Bitcoin è autonomo in ogni modo.

Da allora, stiamo affrontando una nuova rivoluzione monetaria e abbiamo il privilegio di viverla. Per diversi millenni, il denaro è stato qualcosa di tangibile e ora lo abbiamo trasformato in un'entità digitale in cui non ci sono confini o limiti a ciò che possiamo farne. Chiunque penserebbe che sia una questione di moda passeggera, ma ora anche le stesse banche centrali hanno capito il loro errore rifiutando la tecnologia e rimanendo bloccate in sistemi ottusi. Il valute digitali della banca centrale (CBDC) Sono un mezzo per digitalizzare il denaro supportato da una tecnologia come la blockchain. Ma nonostante questo, è ancora denaro fiat, controllato alla mercé delle élite globali. D'altra parte, Bitcoin è libertà assoluta, lo spirito dell'anarco-capitalismo che si avvera, è lo spirito del cypherpunk, quello che ti incoraggia a rispettare la tua privacy in ogni momento e fare soldi equi, trasparenti e democratici.

A questo punto chiediti seriamente: quale scegli?

Vuoi iniziare a goderti il ​​mondo delle criptovalute? Quindi è il momento di aprire il tuo account utente Bit2Me. È molto facile da fare e, inoltre, seguendo questo link Riceverai € 5 totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto su Bit2Me.