Uno dei problemi che più preoccupa molti utenti, soprattutto aziende e aziende, è la legalità di Bitcoin. Bene, qui approfondiremo questo argomento in modo da sapere come viene legalmente visto Bitcoin in Spagna, nell'Unione europea e nel resto del mondo.

La regolamenti che molti paesi hanno adottato in tutto il mondo Bitcoin, ci hanno portato a porci una grande domanda: Bitcoin è legale? Ebbene, per rispondere a questa domanda e chiarire tutti i dubbi, è necessario studiare diversi aspetti. Dal momento che, sebbene possa non sembrare, questa non è una domanda così semplice a cui rispondere.

Bitcoin, in senso lato, è un sistema, un software e un protocollo. Questa criptovaluta è stata creata nel 2009 da una persona sconosciuta con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Un nome che, ad oggi, nessuno sa con certezza chi ci sia dietro. Tuttavia, Bitcoin si è evoluto nel tempo e la sua popolarità e adozione sono cresciute in modo esponenziale. In effetti, è riuscito a diventare il criptovaluta il più popolare e il più grande cap sul mercato finora.

Ma a questo punto sorge la domandaÈ legale scambiare Bitcoin? Quali regolamenti ci sono? Possiamo usare pagamenti in bitcoin ovunque nel mondo? Sebbene ci siano pochissimi paesi che vietano l'uso di Bitcoin, questo non significa che "Sii legale" nel resto.

Ovviamente Bitcoin è una valuta digitale P2P, che si prende cura della privacy dell'individuo in larga misura, quindi è logico pensare: "Che differenza fa se è legale o illegale, se lo uso e nessuno potrà vedere che l'ho usato". Tuttavia, dobbiamo dire una cosa su questo:

Bitcoin non è del tutto anonimo.

Bitcoin è una criptovaluta che nasce come sistema di pagamento alternativo al modello tradizionale. Una valuta completamente decentralizzata, che non è emessa o controllata da nessuna entità. Una moneta basata su una nuova tecnologia nota come blockchain, che elimina la necessità di terze parti e intermediari. Inoltre, consente a Bitcoin di operare in modo sicuro e stabile attraverso migliaia di nodi interconnessi e distribuiti in tutto il mondo. Tutto ciò rende Bitcoin una criptovaluta globale che non conosce confini.

Ma non essendo progettato, emesso o controllato da una banca centrale o un governo, Bitcoin non si adatta a standard economici ben noti. Pertanto, la sua legalità è complessa da definire e rientra in una zona grigia. Ricordiamoci che per paesi e governi, la legalità delle loro monete e banconote è che la loro creazione è autorizzata e supportata da loro. Per essere successivamente emesso e controllato da un'unica entità, una banca centrale. Quindi Bitcoin sfida questo modello o paradigma non essendo nelle mani di nessuno, la sua creazione o il suo controllo.

Ma torniamo alla grande domanda: Bitcoin è legale? Bene, sì e no, la verità è che dipende dal paese in cui ti trovi a causa delle leggi di quel paese. Ma anche in che periodo di tempo ti trovi. In tal caso, parliamone un po '.

Vuoi iniziare a goderti il ​​mondo delle criptovalute? Quindi è il momento di aprire il tuo account utente Bit2Me. È molto facile da fare e, inoltre, seguendo questo link Riceverai € 5 totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto su Bit2Me.

Cos'è una moneta a corso legale?

Quel Bitcoin non è chiamato come file "Corso legale" ciò non significa che non possa essere operato. Cioè, possiamo effettuare pagamenti e trasferimenti con questa criptovaluta senza problemi, ma fintanto che il paese da cui li facciamo, o dove li facciamo, lo consente.

Il concetto di "Corso legale" ciò che implica è che è il mezzo che il governo di un paese determina come valuta ufficiale per effettuare i pagamenti. Che si tratti di beni, prodotti, servizi o tasse. Quel denaro è l'euro, il dollaro, lo yen, ... e molte altre valute. Monete che sono davvero sostenute dalla promessa di valore sulla carta e dalla fiducia che i loro utenti hanno in quel paese.

Quindi, poiché Bitcoin non ha corso legale nei paesi del mondo, l'unica cosa che implica è che i suoi utenti non sono protetti da un governo. E sebbene possa essere utilizzato in molti luoghi, il suo utilizzo è ancora totalmente minoritario. Attualmente è soggetto alla prudenza e ai criteri individuali di ogni persona.

Bitcoin è legale in Spagna?

La risposta breve è: Non è illegale acquistare, vendere, scambiare, pagare o ricevere pagamenti in Bitcoin. Né in Spagna, né nell'Unione Europea, poiché il regolamento è omogeneo.

Tuttavia, la risposta lunga va un po 'più in profondità e ci dà delle sfumature. Ad oggi, non esiste ancora un quadro normativo formale sull'uso di Bitcoin e altre criptovalute. Quindi non si può dire che siano legali, ma nemmeno che il loro uso sia illegale. Tuttavia, sono state stabilite norme in materia di tasse. Pertanto, gli utenti di Bitcoin devono dichiarare tutti i loro guadagni o guadagni in questa risorsa digitale o in un'altra che utilizzano.

Da parte sua, l'Unione europea ha assunto una posizione cauta e prudente sulla regolamentazione. Mentre altre entità, come la Banca centrale europea, sollecitano un controllo molto più rigoroso.

Paesi in cui Bitcoin è illegale

America Latina

Per proteggere il loro sistema finanziario, Bolivia ed Ecuador hanno dichiarato illegale Bitcoin. Poiché stimano che non essendo in grado di controllarli, influenzeranno negativamente la loro stabilità economica. Inoltre, con questo regolamento, potranno ridurre al minimo l'utilizzo di questi beni per finanziare attività illegali.

Africa

Ironia della sorte, in uno dei continenti che potrebbero beneficiare maggiormente di questa criptovaluta, ne hanno anche vietato l'uso. In Africa, una grande percentuale della popolazione non ha accesso al sistema bancario tradizionale. Tuttavia, paesi come l'Algeria, il Marocco e l'Egitto hanno vietato l'uso e la commercializzazione di questa risorsa digitale.

Asia

In Vietnam l'uso di bitcoin all'interno del paese è esplicitamente vietato. Pertanto, chiunque venga scoperto a scambiare la criptovaluta dovrà affrontare multe elevate.

Paesi in cui Bitcoin è legale

Asia

Il Giappone è stato uno dei primi paesi a pronunciarsi a favore delle criptovalute. Tanto che nel 2017 ha riconosciuto la valuta come metodo di pagamento legale all'interno del paese. La Cina, che fin dall'inizio è stata piuttosto radicale contro Bitcoin, approva l'uso della tecnologia blockchain. Sebbene l'uso di Bitcoin e di altre criptovalute sia ancora in qualche modo limitato, la verità è che non sono stati in grado di porre il veto completamente.

In Corea del Sud, anche Bitcoin è il benvenuto. Gran parte del volume di scambio con questa criptovaluta proviene da questo paese.

Africa

Sebbene alcuni paesi in Africa abbiano vietato l'uso delle criptovalute, molti altri ne consentono l'uso legalmente. È il caso della Nigeria, dove l'uso di Bitcoin è legale, ma c'è un divieto a livello bancario. Anche altri paesi come il Sudafrica, la Namibia, lo Zimbabwe o l'Angola consentono legalmente l'uso di Bitcoin.

America

Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico hanno approvato Bitcoin come mezzo di pagamento. Stabilire una legislazione per regolamentare l'uso di queste criptovalute per evitare il finanziamento di attività illecite.

Da parte loro, in America Latina, Panama, Argentina e Venezuela, hanno anche una posizione permissiva nei confronti di Bitcoin. Anche se non esiste ancora una legislazione legale attuale. In questi paesi possiamo già trovare dispositivi mobili e bancomat per operare con questa e altre criptovalute.

Europa

Paesi come Estonia, Malta, Slovenia, Svizzera, Finlandia, Francia, Germania, Svezia, Bielorussia, hanno adottato una posizione favorevole nei confronti di Bitcoin. Sebbene la maggior parte abbia stabilito degli standard per gli utenti. Come la necessità di identificare e pagare le tasse.

In Europa si concentra un gran numero di bancomat e aziende che operano con Bitcoin.

Paesi in cui Bitcoin non ha regolamenti

America Latina

Cile, Brasile, Uruguay, Colombia, Costa Rica, Cuba ed El Salvador non hanno una posizione chiara o definita. Nessuno dei governi ha annunciato misure di divieto o di accettazione contro le criptovalute. Tuttavia, avvisano la loro società dei rischi legati all'uso delle criptovalute.

Europa

Nel Regno Unito, Ucraina, Paesi Bassi, Lituania, Grecia e Danimarca non esistono normative specifiche su Bitcoin. È considerato, per la maggior parte, denaro privato. Quindi non è soggetto alle normative di questi paesi. Tuttavia, avvertono gli utenti e gli investitori dei rischi legati a questa moneta.

Asia

Altri paesi che mantengono una posizione quasi neutrale su Bitcoin sono Singapore, Thailandia, Malesia, Libano e India. La maggior parte di questi non ha una posizione chiara, ma mantiene una mente aperta alle possibilità.

Oceania

Anche la Nuova Zelanda e l'Indonesia non hanno regolamenti o regole in vigore per il controllo di Bitcoin.

Cosa dicono i regolatori?

A seconda di dove si trovano, i regolatori variano di opinione e di dibattito su Bitcoin. Alcuni ritengono che le criptovalute in generale dovrebbero essere trattate come prodotti ad alto rischio. Mentre altri sostengono che si tratta di una tecnologia che vale la pena conoscere in profondità. Quindi hanno dedicato i loro sforzi per conoscerlo, studiarlo e analizzarlo.

Negli Stati Uniti, la Federal Reserve ha mostrato un interesse significativo per Bitcoin, criptovalute e blockchain. Da parte sua, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha imposto sanzioni e multe a diverse ICO. A causa di alcune irregolarità e frodi intorno al lancio delle nuove criptovalute. Ma in riferimento a Bitcoin, la SEC ha mantenuto un certo silenzio. Sebbene affermi che qualsiasi azienda che utilizza blockchain deve registrarsi come exchange.

Allo stesso modo, la Commissione Europea continua con la sua analisi di un quadro normativo sulle criptovalute. Poiché ritiene che, per la loro qualità quasi anonima, possano essere prestati per riciclaggio di denaro. Pertanto, sottolinea che non dovrebbero essere legalmente consentiti fino a quando tutti i rischi che implicano non siano stati dimostrati.

Le aziende e le aziende accettano pagamenti in Bitcoin?

Sì. Grazie alla popolarità e all'adozione di Bitcoin oggi ci sono molte aziende in tutto il mondo che accettano pagamenti in questa criptovaluta. Certamente, purché le normative dei paesi lo consentano.

Ma in generale, è già possibile effettuare acquisti di quasi tutti i tipi di prodotti o servizi e pagare in Bitcoin. Il bitcoin è stato per lo più riconosciuto come una valuta digitale liquida e facile da convertire, con migliaia di case di cambio in cui è possibile scambiare bitcoin con denaro fiat a corso legale.

Allo stesso modo, nella maggior parte dei paesi in cui sono accettati pagamenti con criptovalute, le aziende sono soggette a dichiarare il proprio reddito, dovendo pagare le tasse corrispondenti.

Ci auguriamo che questo capitolo della Bit2Me Academy ti abbia aiutato ad avere una visione completa della legalità attorno a Bitcoin attraverso i diversi paesi del pianeta terra. Vediamo che Bitcoin è ovunque in un modo o nell'altro. E ti incoraggiamo che se vuoi operare con esso, considera di affiancarti nella consulenza di un manager finanziario specializzato in criptovalute e nel paese in questione che ti interessa.

Bitcoin è in una fase iniziale e la regolamentazione che lo circonda cambia ogni anno, essendo un argomento principale nei tavoli di discussione di tutti i governi del mondo. Lo consigliamo Articolo di Wikipedia che è molto aggiornato con il regolamento.

Vuoi iniziare a goderti il ​​mondo delle criptovalute? Quindi è il momento di aprire il tuo account utente Bit2Me. È molto facile da fare e, inoltre, seguendo questo link Riceverai € 5 totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto su Bit2Me.