Prezzo attuale di 1 bitcoin

Bitcoin

Bitcoin (BTC)

EUR
52.975,35
USD
$ 62,976.00
GBP
46,014.74

Puoi comprare bitcoin o porzioni di bitcoin, facilmente, rapidamente e in maniera sicura, a partire da 20 euro fino a 1 milione di euro, su Bit2Me. Ci vorranno solo pochi minuti.

In questo modo avrai accesso al bitcoin, la moneta digitale che sta rivoluzionando il mondo intero e che ti consente di fare cose che nessun'altra valuta è in grado di fare. Investire in Bitcoin è così semplice come acquistare bitcoin. Fare soldi con Bitcoin significa comprare la criptovaluta ad un determinato prezzo e rivenderla quando il suo prezzo sarà maggiore. Con Bit2Me, dunque, potrai acquistare e vendere non solo bitcoin, ma anche molte altre criptomonete famose.

Ti spieghiamo meglio, nel dettaglio, come funziona Bitcoin.

ACQUISTA BITCOIN SU BIT2ME
Apri il tuo account utente Bit2Me. Seguendo questo link riceverai 5 € totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto: https://bit2me.com/?r=EM9-7SU-JUG

Come si stabilisce il prezzo di un BTC?

Se a gennaio 2010 avessi acquistato 100 € di bitcoin e li avessi venduti a novembre del 2013, il loro valore sarebbe stato di 120.000.000 €. Niente male, vero? Passare da 100 a 120 milioni di euro, in soli 3 anni, e con un semplice investimento, sembra un sogno. La realtà è che con il bitcoin e i suoi aumenti di prezzo è possibile: infatti, nel 2017, ha raggiunto il suo massimo storico di quasi 20.000 $ (USD).

Ora sicuramente ti chiederai: come si determina il prezzo del BTC, in modo che si possano verificare situazioni come questa? Non solo quanto appena raccontato è successo realmente e ha pure una spiegazione, ma addirittura molti pensano che una situazione simile si ripeterà presto.

Benvenuto in un nuovo articolo di Bit2Me Academy. Qui di seguito ti aiuteremo a capire tutto ciò che riguarda il prezzo del BTC e i fattori che lo determinano.

Come abbiamo già accennato, Bitcoin è un sistema finanziario distribuito, rilasciato nel 2009 da un programmatore, sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Non è emesso da alcun governo o società (sebbene sia sempre più appoggiato da questi ultimi) e, fino ad oggi, non viene considerato moneta a corso legale in nessun paese (anche se sta già iniziando ad adattarsi ai quadri giuridici esistenti, come la recente sentenza che dichiara che il bitcoin è esente dal pagamento dell'IVA in tutta Europa).

Bitcoin è potente ed è un capolavoro dell'ingegneria (o come Bill Gates lo definisce: "una prodezza tecnologica"). Ma quanto vale un bitcoin? Perché il suo prezzo sale e scende continuamente in un giorno? Chi ne determina il prezzo? Quant'è sicuro quel prezzo? È una truffa, un'operazione fraudolenta o uno strano meccanismo per rubare soldi?

Bitcoin come denaro

Come tutti sappiamo, il denaro è ciò che viene accettato come mezzo di pagamento per un bene o un servizio. E dovrebbe servire, tra le altre cose, come unità di conto e riserva di valore.

Un momento! Se il denaro non viene accettato come mezzo di pagamento, anche se è fantastico come unità di conto o altro... vale qualcosa? Ecco perché il valore del denaro non è strettamente associato alla sua accettazione, anche se ne è direttamente collegato.

La moneta fiat (che è una valuta ufficiale come, ad esempio, l'euro o il dollaro), così come la conosciamo oggi, non è altro che una valuta senza valore proprio, approvata e certificata solo dalle istituzioni emittenti.

Attualmente sono i governi che, attraverso delle leggi, determinano il tipo di moneta avente corso legale, ma altre istituzioni, come le banche centrali e le zecche, sono quelle che si occupano di tutto. In primo luogo, si occupano di regolamentare e controllare la politica monetaria di un'economia. In secondo luogo, di creare monete e banconote, in base alla domanda e alla necessità di denaro fisico ed elettronico. E ne possono creare quanto ne vogliono e quando vogliono.

Indipendentemente dal periodo di tempo storico selezionato, questo modello ha dimostrato di fallire miseramente. Per esempio solo nel XNUMX ° secolo (e si noti che sono passati pochi anni dall'inizio del secolo) ci sono molteplici fallimenti: crisi, corralitos, inflazioni fuori controllo, ecc.

Le valute emesse dalle banche centrali sono necessarie, affinché queste possano applicare, in maniera poco trasparente, specifiche politiche economiche, lasciando il destino di milioni di persone nelle mani di pochi. In un colpo solo, letteralmente, con un clic, si possono generare nuovi milioni di euro con un computer, così da far perdere potere d'acquisto alle persone.

Paradossalmente, la maggior parte di noi vede il denaro attuale (euro, dollari, ecc.) come una soluzione, ma in realtà si tratta di una sorta di dominio a cui siamo sottomessi per soddisfare il desiderio di pochi. Nel contempo, ci fanno partecipare a guerre e barbarie eccessive più e più volte.

Pertanto, come abbiamo già accennato, Bitcoin possiede proprietà migliori delle valute FIAT (o fiduciarie, emesse dai governi), perché insieme ad altre monete virtuali o criptovalute rappresenta un sistema decentralizzato e nessuno controlla le sue emissioni.

tabella riassuntiva con un confronto di Bitcoin con due tipi di moneta tradizionale

Offerta e domanda

Ma chi ne determina il prezzo? Il prezzo di un bitcoin (BTC) è determinato da chiunque voglia partecipare al suo processo di compravendita, essenzialmente dai suoi utenti. Sebbene influiscano molteplici fattori, alla fine, il suo valore è sempre determinante. Il trading di bitcoin consente di distribuirlo e di trarne profitto. Come in altri scenari, i produttori (nel caso di Bitcoin: i miner) possono proporre un prezzo, quando vendono i loro bitcoin agli interessati, e raggiungere così degli accordi. Immagina le tipiche trattative tra due persone: una propone un prezzo e se l'altra è disposta ad accettarlo, dopo negoziati vari, allora si realizza la transazione.

Ciò può avvenire anche per strada ma, in un mondo informatizzato come il nostro, è più comune vedere questi tipi di accordi su piattaforme online, specializzate e ottimizzate: le note "Piattaforme di trading di Bitcoin".

A differenza di un sito web di compravendita, che ha i suoi prezzi già stipulati come in Bit2Me, su una piattaforma di trading, chiunque può pubblicare una proposta di acquisto, al prezzo desiderato.

Nei mercati di trading, inoltre, non hai l'obbligo di acquistare un intero bitcoin, puoi acquistarne dei frammenti. Ricorda che 1 bitcoin è composto da 100 milioni di "centesimi" (satoshi). Se un Bitcoin vale per esempio 1000 €, puoi acquistare, se vuoi, anche solo 1 euro.

Quando un'offerta di vendita corrisponde alla tua proposta d'acquisto, la transazione viene eseguita automaticamente. Questa operazione di compravendita fa sì che, solo su quella piattaforma, il prezzo del bitcoin sia fissato al prezzo dello scambio effettuato.

Ciò che abbiamo appena descritto è lo stesso processo con cui vengono scambiate tutte le merci esistenti. E succede decine, centinaia o migliaia di volte al giorno, spesso anche con grandi variazioni.

Questo tipo di operazione richiede un minimo di studio e attività preventive che, sebbene non abbiano costi, non tutti gli utenti sono disposti a fare.

Per molti utenti, questo aspetto di Bitcoin non risulta affatto interessante, anzi addirittura lo rifiutano, proprio perché sembra che non garantisca alcun risultato e, il più delle volte, appare come una semplice speculazione. Vale a dire, comprare a buon mercato e vendere ad alto costo. Ma la verità è che questo modello sta facendo in modo che Bitcoin si diffonda e raggiunga sempre più luoghi.

Il valore del bitcoin è cambiato nel tempo e si basa, grosso modo, sulla fiducia dei suoi utenti, sulla sua utilità e sulla sua popolarità.

Significa che, nel 2010 ad esempio, il valore di un bitcoin era inferiore a un centesimo di euro, proprio perché molti dubitavano ancora della sua sicurezza, efficacia e, in pratica, della sua accettazione.

L'operazione che permette di determinare il prezzo, attraverso la compravendita, non è così diversa da quanto avviene in altri settori: valute a corso legale (Forex), materie prime, obbligazioni, ecc. Anche se in Bitcoin, questa operazione ha un duplice obiettivo, in quanto il suo essere digitale è stato di fondamentale importanza per la sua diffusione e, allo stesso tempo, ha fatto sì che i bitcoin raggiungessero più persone.

Il valore di un bitcoin, come qualsiasi altra cosa, oscilla continuamente. E ripeto, come qualsiasi altra cosa. Pensi che il valore dell'euro o di qualsiasi altra valuta sia stabile? Entra in un mercato Forex e osserva personalmente: in ogni momento il suo prezzo cambia, e lo stesso accade con azioni, metalli, ecc. Accade perfino con il prezzo dei pomodori! Viviamo in un mondo dinamico dove in ogni istante tutto aumenta e diminuisce, anche se non te ne accorgi e non è così immediato.

C'è ancora molto da fare. Cosa succederebbe al prezzo di Bitcoin se domani Amazon decidesse di usarlo come mezzo di pagamento? Nessuno sa cosa succederà e nemmeno se accadrà, ma è possibile che ciò si verifichi così come in altre migliaia di grandi aziende, paesi, ecc.

Non esiste un prezzo ufficiale o unico per bitcoin

Dopo aver detto questo avrai capito che, dato che nel mondo non esiste un'unica piattaforma dove fare trading (ma ce ne sono molte e ognuna può avere le sue proprie operazioni), non esiste neanche un unico prezzo mondiale per il bitcoin.

Eppure i prezzi tendono a equipararsi. Quando, per esempio, ci sono grandi differenze nei prezzi di due agenzie di cambio, alcune persone approfittano di questa differenza di prezzo per acquistare nell'agenzia più economica e vendere poi in quella più costosa. Questo, che accade quotidianamente, è noto come arbitraggio e si traduce, in pochi minuti, in un'omogeneità dei prezzi nelle diverse piattaforme di scambio.

Anche se questo fenomeno non si verifica dappertutto, soprattutto quando si tratta di luoghi con grande difficoltà di accesso. Ad esempio in Africa, dove è più difficile accedere ai bitcoin, gli utenti locali possono scambiarli a un prezzo molto diverso rispetto a quello dell'Europa ed essere, però, ugualmente allettanti perché, a quel costo, risultano essere utili alla comunità locale.

Bitcoin come mezzo di pagamento

La cosa curiosa di Bitcoin, nonostante non abbia cambiato molto il suo codice sorgente sin dal suo inizio, è che, di fatto, è passato inosservato per molto tempo. Inoltre, i pochi che vi si sono interessati, non l'hanno preso abbastanza sul serio, come un'alternativa solida al sistema finanziario tradizionale.

Per più di un anno, un bitcoin non valeva assolutamente nulla. Era una moneta che pochissimi utenti, curiosi o visionari nel loro insieme, si scambiavano come ricompensa per risposte utili o divertenti nei forum.

Il primo prezzo dato a un bitcoin nella storia, risale al 22 maggio 2010. Ciò è accaduto nel forum BitcoinTalk, in cui l'utente jerks ha deciso di acquistare, con la sua carta di credito, due pizze dall'utente Laszlo, in cambio di 10,000 bitcoin, con un tasso di cambio di 1BTC = $ 0.003.

Questo avvenimento ha rappresentato la scintilla che ha innescato un accelerato processo di rivalutazione. Gli allora possessori di bitcoin si resero conto che potevano accedere a beni o servizi con le loro criptovalute, fino a quel momento prive di valore economico. Dimostrando che Bitcoin aveva, senza dubbio, la capacità di convertirsi in quello che il suo ideologo e creatore, Satoshi Nakamoto, aveva proposto: un sistema finanziario mondiale alternativo e migliorato.

Ciò ha indotto molte persone a vendere bitcoin, che prima erano privi di valore, per pochi euro. Immagina! Hai 10.000 bitcoin che hai ottenuto gratuitamente o per un euro e, all'improvviso, puoi ottenere per tutti questi 100 €. Tu, senza essere un veggente, cosa faresti?

Solo alcuni visionari (o, sicuramente, perlopiù ignari) si sono ritrovati in situazioni come quella del 2013, con milioni di euro in mano, alla ricerca di un computer con migliaia di bitcoin gettati via per errore. Possiamo dire che, grazie a Bitcoin, il 2013 è stato un anno con molti nuovi milionari.

Cronologia dei prezzi di Bitcoin

Dopo 10 anni dalla sua creazione, Bitcoin si caratterizza anche per la sua elevata volatilità. Nel corso della sua breve ma intensa esistenza, un singolo bitcoin è passato dal valere praticamente nulla a quasi 20.000 dollari americani. Gli exchange o mercati delle criptovalute possono mostrarci una cronologia, molto dettagliata, di come si è evoluto il binomio BTC/USD, durante tutto questo tempo. Tutte queste informazioni possono aiutarci a scegliere il momento migliore per investire in bitcoin.

Non perdere l'evoluzione del prezzo del bitcoin, ordinata per tappe nella
Cronologia dei prezzi di Bitcoin.

Halving

Come abbiamo già spiegato nell'articolo Cos'è il mining di bitcoin?, i bitcoin rappresentano la ricompensa dei miner che, secondo quanto stabilito nel protocollo open source di Bitcoin, si dimezza ogni 210.000 blocchi, ogni 4 anni circa, contando che ogni blocco viene minato in media ogni 10 minuti.

Questo dimezzamento della ricompensa, ogni 4 anni circa, è noto come Halving. Tutti i bitcoin esistenti erano, prima di tutto, proprietà di un miner, e l'halving è la maniera in cui vengono rilasciati i 21 milioni di bitcoin, che verranno poi messi in circolazione.

C'è chi pensa che dopo un dimezzamento (halving), il prezzo del bitcoin, nei mercati, aumenti per via della causa - effetto che questo stesso dimezzamento genera nell'ecosistema.

Vuoi saperne di più sull'"halving"?
È uno dei successi più importanti all'interno di Bitcoin e puoi informarti meglio leggendo il seguente articolo:
Halving Bitcoin.

Emissione di bitcoin

Eventi esterni

In un sistema di domanda e offerta, ogni evento, sia interno che esterno, ha un effetto sul prezzo. Sono molti, infatti, gli avvenimenti positivi e negativi che si sono verificati in Bitcoin. Ad esempio, uno dei più drammatici è stato il caso di MT. Gox, che fino ad oggi risulta ancora irrisolto: la più grande e famosa agenzia di cambio Bitcoin, MT. Gox, a partire dal 24 febbraio 2014, mostra una pagina bianca sul suo sito web, e lascia i suoi utenti con un debito di oltre 850.000 bitcoin, valutato, allora, sui 450 milioni di dollari americani.

Questi avvenimenti di frodi e furti di criptovalute, in mercati specializzati, lasciano un segno sui trader, e di conseguenza sul prezzo del bitcoin che, solitamente, è proporzionale alla risonanza data dai media riguardo all'evento.

Episodi del genere, che poco hanno a che fare con Bitcoin e la sua tecnologia, influenzano, però, la sua reputazione, soprattutto quando i media li mettono in relazione, consciamente o inconsciamente, ai suoi fallimenti, senza spiegare in dettaglio cosa sia realmente accaduto.

I miner

Cosa hanno da dire i miner sul prezzo del bitcoin? Ovviamente sono una parte essenziale dell'ecosistema e anche il loro atteggiamento può far salire o scendere il prezzo, in misura maggiore o minore. Più che fissare i prezzi, normalmente, con essi si vedono le conseguenze: basta semplicemente osservare la mappa dei nodi attivi e come spariscano nodi, quando il prezzo del bitcoin è basso. Molti di loro semplicemente scompaiono, perché la ricompensa non è abbastanza alta, da poter coprire le spese e trarne profitti.

I miner sono legati al prezzo per pura logica. Il prezzo di ogni bitcoin è rappresentato dal suo valore di mining, ma il suo valore non è sempre lo stesso. A causa della complessità dinamica del mining di bitcoin, quest'ultimo può avere maggiore o minore costo, a seconda della concorrenza. Minare ha consumi elettrici elevati e tali consumi hanno un costo. In questo modo, se la domanda improvvisamente sale alle stelle, il mining sarà così redditizio che molti altri miner vorranno fare soldi. Aumentando il numero di miner, aumenta di conseguenza la complessità di "estrazione", facendo sì che il costo venga stabilito in base a quanto denaro la gente sia disposta a dare per ogni bitcoin, giacché, in caso contrario, non sarebbe redditizio.

Questo modello genera un tira e molla che fa sì che il prezzo del bitcoin sia sempre avallato dal costo del mining, per cui il bitcoin ha un valore intrinseco, e non è denaro FIAT.

Bitcoin si caratterizza per avere a disposizione la rete di computer più potente del pianeta. E questa è una delle sue migliori risorse. Cosa succederebbe se gran parte dei nodi scomparisse dall'oggi al domani? Questo influirebbe sul suo prezzo?

Tecnicamente, la rete si regolerebbe istantaneamente e continuerebbe il suo corso normale, ma forse un evento simile inciderebbe sul prezzo, a causa della copertura mediatica.

Gli halving sono eventi curiosi, perché in teoria eliminano molti miner in un colpo solo, proprio perché il costo del mining non compensa, a meno che il prezzo del bitcoin non raddoppi.

Tuttavia, la realtà non è così semplice. Ovviamente i miner vogliono prezzi alti e ricevono le loro ricompense e commissioni in bitcoin. D'altro canto, però, senza i miner, la rete Bitcoin perde forza; il che a sua volta, e dopo un "effetto farfalla", fa sì che il prezzo del bitcoin venga svalutato.

Dobbiamo anche ricordare che una transazione Bitcoin ha una commissione. I miner possono sempre decidere, infatti, quali transazioni accettare in base alla loro commissione. In definitiva, in termini di decisioni e di politiche, i miner possono determinare il prezzo del bitcoin.

La volatilità

Probabilmente ti starai chiedendo come possa funzionare una valuta così volatile. Se c'è una cosa che caratterizza e, allo stesso tempo, spaventa di Bitcoin è proprio questa: la sua volatilità, che è ciò che aumenta o abbassa il prezzo del bitcoin. Ciò significa che oggi posso avere 100 € e domani 80 € o 120 €. Sicuramente starai pensando: Come può un tale sistema essere affidabile?

È molto importante capire che Bitcoin è nato nel 2009 e che, durante i primi anni, ogni nuovo cambio di valore era soggetto a volatilità, e lo stesso valeva anche per Bitcoin. La volatilità nasce dalla speculazione. Ogni giorno migliaia di persone, infatti, cercano di comprare a basso costo e vendere a un prezzo più alto. Quando una persona compra e poi vende, fa sì che si aggiungano sempre più nuove persone il che, ripetuto milioni di volte e combinato col processo mediatico, porta milioni di nuovi utenti a raggiungere Bitcoin. Questo è proprio quello che sta succedendo.

Qualcosa che a prima vista sembra assurdo e pura speculazione, ne genera, al contrario, la diffusione sulle piattaforme di scambio, con le gioie e le pene delle decisioni speculative. Bitcoin sarebbe diventato così famoso, se le persone non lo avessero visto come un mezzo di investimento? Ha molti vantaggi ma, perché abbia davvero senso, dev'essere un sistema globale. Per raggiungere questo obiettivo e affinché si espanda, devono passare, però, alcuni anni. L'espansione permetterà ai suoi utenti di approfittare del suo pieno potenziale. Ricordiamo che non c'è nessuna multinazionale o governo che ci obblighino a usarlo o a pubblicizzarlo costantemente per generare utenti dai quali trarre poi profitto. Ecco perché questo costante aumento e riduzione del valore di Bitcoin, per il momento, sembra funzionare per la sua crescita.

Futuro del prezzo del bitcoin

Non è un compito semplice ed è di scarsa utilità analizzare il prezzo attuale e quello storico, se non si intende osservare una tendenza nel corso della sua storia.

Sebbene Bitcoin utilizzi una tecnologia superiore a quella utilizzata da governi e banche, nessuno sa cosa potrebbe accadere in futuro. Non sappiamo come si evolverà la tecnologia, il consumo di energia, ecc.

3 bitcoin su 4 di quelli che esisteranno sono già sul mercato. Qui puoi vedere un grafico reale di come sono stati emessi e quanti bitcoin ci sono in circolazione.

E di questi 3, le stime indicano che 3 bitcoin su 4 vengono già utilizzati come risparmio o come riserva di valore. Senza considerare, inoltre, che molti sono rimasti bloccati per sempre, a causa della perdita di chiavi private. Pertanto, i bitcoin reali, che possono essere utilizzati quotidianamente, sono ancora più limitati.

Mentre alcuni prevedono un fallimento di Bitcoin, altri pensano esattamente il contrario. Tra loro c'è Rickard Falkvinge, leader e fondatore del Partito Pirata, il quale sostiene che tra il 2020 e il 2025 il suo prezzo potrebbe essere compreso tra 100.000 e 1.000.000 di euro. Altri più ottimisti stimano, invece, che nei prossimi decenni il valore di ogni bitcoin sarà di 47 milioni di euro.

Dopo la fase di crescita del prezzo, prevedono anche una sua stabilità.

Gli oppositori di Bitcoin sostengono, invece, che è qualcosa che potrebbe scomparire in qualsiasi momento. Ma come puoi far sparire magicamente qualcosa di cui sono in possesso milioni di persone e che, ogni mese, vede aggiungersi nuovi utenti in modo esponenziale? Un sistema aperto, trasparente, con alcune delle migliori menti del pianeta che ci lavorano, molte per piacere, come pensi di fermarlo?

Se analizzato attentamente, si può notare come Bitcoin sembra essere per l'utente molto più forte, più equo e più potente della moneta fiat di un Paese.

Ricordiamo che un bitcoin è divisibile e che ha 100 milioni di satoshi (la sua unità più piccola). E chi ci dice che in futuro 1 satoshi non potrà essere equiparato, per esempio, a 1 centesimo di euro e valere un milione di euro, così come abbiamo menzionato sopra. Attenzione! Bitcoin funziona, però, per consenso. La quantità di decimali potrebbe aumentare se fosse necessario e se la maggior parte dei nodi fosse d'accordo.

Keep calm and relax

Ad ogni modo, il prezzo del BTC varrà quello che le persone sono disposte a pagare per averlo. Come abbiamo già detto, Bitcoin è determinato dalla fiducia dei suoi utenti, ma anche dalla domanda e dall'offerta nei mercati valutari.

Attualmente centinaia di negozi accettano Bitcoin come mezzo di pagamento. Qui di seguito puoi vedere alcuni dei più importanti.

Dove usare Bitcoin

Credi che un sistema in grado di gestire la contabilità economica mondiale, in un modo molto più ottimale, trasparente, decentralizzato ed economico di quello tradizionale, e al quale si uniscono milioni di utenti ogni anno, potrà scomparire? E se non scompare, quanto pensi che arriverà a valere un singolo BTC?

Se non hai ancora acquistato i tuoi primi bitcoin, impara come comprare bitcoin qui.

E, come sempre, non dimenticare di condividere questo capitolo sui social media. È nato un nuovo sistema finanziario più giusto, più economico ed equo. Insieme lo faremo conoscere a più persone.

Apri il tuo account utente Bit2Me. Seguendo questo link riceverai 5 € totalmente gratuiti sul tuo primo acquisto: https://bit2me.com/?r=EM9-7SU-JUG