Il bitcoin (BTC) è la prima criptovaluta ad essere stata creata e anche la prima e unica applicazione basata sulla tecnologia blockchain che funziona XNUMX ore su XNUMX, XNUMX giorni su XNUMX, XNUMX giorni all'anno dal XNUMX.

Bitcoin è un software, un protocollo e una moneta.

Queste tre caratteristiche fanno sì che uno degli impieghi di Bitcoin sia quello di costituire una rete di pagamenti globale, trasparente, open source e con una moneta unica.

La moneta venne ideata come un sistema economico decentralizzato e aperto a tutti, che proponeva ai suoi utenti un sistema monetario e di scambio di valore migliore dell' attuale sistema monetario fiat. Il valore di questa valuta dipende dalla fiducia degli utenti e non è controllato o regolato da alcuna banca, motivo per cui il suo valore è così volatile. Una delle grandi peculiarità di Bitcoin è che il suo creatore è sconosciuto.

Il 31 ottobre 2008 appare una proposta di denaro peer-2-peer (da utente a utente) basata sulla crittografia e in qualcosa chiamato blockchain.

Un'altra grande particolarità di Bitcoin è che per la prima volta nella storia esiste una forma di denaro che viene creata, distribuita e salvaguardata attraverso una rete di computer di cui chiunque può entrare a farne parte e attualmente tutti loro costituiscono insieme il computer con la maggiore potenza di calcolo del pianeta.

Il ritmo della creazione di monete bitcoin è costante e ben noto a causa della natura aperta del codice del suo software. Grazie a questi dati, è possibile stimare che nel 2140 verrà minato l'ultimo bitcoin esistente, che aumenterà la difficoltà per la creazione di bitcoin e allo stesso tempo la ricompensa per la creazione di bitcoin si ridurrà ogni 210.000 blocchi estratti.

Secondo il White Paper di Bitcoin, ogni blocco di questa criptovaluta viene creato ogni dieci minuti e contiene tutte le transazioni effettuate durante quel periodo di tempo. Dal momento che è la prima criptovaluta sviluppata sul mercato, è quella che viene utilizzata come valore di riferimento.

Tutte le criptomonete sul mercato possono essere cambiate in bitcoin, poiché è la prima criptovaluta sviluppata con utilità dimostrata e si è affermata come il token di riferimento. A sua volta, il bitcoin può essere cambiato in qualsiasi valuta di uso comune, sebbene venga solitamente utilizzato il dollaro come riferimento, seguito dall'euro.

La base del bitcoin è lo scambio diretto tra gli utenti. La convalida delle transazioni che essi realizzano viene effettuata minando questa criptovaluta utilizzando un algoritmo chiamato Proof-of-Work (PoW).

Ci sono molti negozi, sia fisici che digitali, che accettano il pagamento in BTC, poiché è stata stabilita come valuta principale per i pagamenti. Il primo pagamento noto per un bene o servizio nella storia è stato realizzato il 22 maggio 2010, quando un programmatore ha pagato un totale di 10.000 BTC per due pizze, che a quel tempo erano circa $ 80, ma che oggi sarebbero equivalenti a circa $ 80 milioni.

PER LEGGERE IL SECONDO CAPITOLO, CLICCA QUI

A causa di tutto ciò, è ovvio che Bitcoin abbia suscitato ogni tipo di reazione tra le élite finanziarie e bancarie, che non vedevano di buon occhio il bitcoin e le altre criptomonete poiché toglierebbero parte del loro potere e distruggerebbero il monopolio della creazione di denaro.

Attualmente gli stati e le organizzazioni economiche governative dibattono sullo sviluppo di un quadro normativo che consenta l'uso e il controllo delle criptovalute.