Conosci il mondo della finanza decentralizzata o DeFi, un ecosistema rivoluzionario che sta diventando sempre più importante nel mondo finanziario globale e che ha portato alla creazione di nuovi paradigmi finanziari, applicativi e di usabilità blockchain.

DeFi o finanza decentralizzata (Decentralized Finance, in spagnolo) è il nome con cui si indica una grande tendenza che negli ultimi anni ha accompagnato la tecnología blockchain.

La DeFi cerca di sviluppare piccoli pezzi finanziari tradizionali ma con un ulteriore grado di trasparenza e decentramento. Questi piccoli pezzi, come se fossero pezzi Lego, possono essere combinati tra loro, al fine di sviluppare un intero ecosistema di piccole soluzioni che insieme formano un'ottima soluzione per la finanza che invalida la necessità di istituzioni finanziarie finanziarie centralizzate e opache che non un valore aggiunto più lungo.

Questa è l'idea che ha guidato la creazione del termine "DeFi", e quella che ha portato la sua evoluzione fino al punto attuale. In effetti, è impossibile ignorare l'impatto che la DeFi ha oggi sul mondo delle criptovalute. Per questo motivo, apriamo uno spazio per sapere cos'è la DeFi e come quest'idea sta cambiando il mondo finanziario globale.

DeFi, l'idea che sta cambiando il mondo finanziario

Immagina un mondo in cui chiunque possa creare prodotti finanziari trasparenti, equi ed efficienti, facendo passare in secondo piano banche, grandi società finanziarie, istituti di credito e assicurazioni, o meglio ancora, che le renda completamente inutili e e le faccia scomparire; ma anche un mondo in cui chiunque può interagire liberamente con questi prodotti in maniera libera.

Bene, DeFi è questo. In altre parole, vuole convertire le strutture finanziarie centralizzate che abbiamo ora, in strutture decentralizzate, senza terze parti fidate, eseguite su smart contract o contratti intelligenti, all'interno di una blockchain dove si riflette in modo trasparente una registrazione scritta e inalterabile di ogni azione effettuata.

L'impatto di una tendenza come questa è enorme. Siamo solo agli inizi e la creatività della comunità globale sta già dando forma a versioni alternative di quasi tutti i prodotti finanziari esistenti.

Immagina di avere la necessità di ottenere un prestito da investire. Invece di andare in banca, puoi andare su una piattaforma DeFi e richiedere un prestito. Tale prestito ha condizioni (salvo i tecnicismi) abbastanza chiare e trasparenti. Tutto questo grazie al fatto che questo prestito sarà controllato da uno smart contract pubblico e immutabile.

Non solo, tutte le azioni svolte sulle piattaforme sono visibili e registrate immutabilmente anche sulla blockchain. Forse non hai le conoscenze per verificare l'affidabilità del servizio DeFi, ma grazie alla sua caratteristica di trasparenza, migliaia di occhi potranno analizzarlo e interrogarlo, avvertendo in tal caso del suo malfunzionamento. E in futuro, visto l'impatto di questa tecnologia, ai bambini verrà sicuramente insegnato a leggere a scuola. smart contract trasparente.

Grazie a DeFi, non avrai bisogno di fare depositi in banca, non avrai bisogno di portare dozzine di documenti, fare la fila per consegnarli e aspettare settimane per una risposta. Al contrario, potrai fare tutto il processo ricevendo i soldi in tuo possesso con il tuo smartphone, comodamente dal tuo divano.

Tuttavia, DeFi può essere molto di più: può essere il veicolo per l'economia e le finanze di quel mondo sempre più presente e che con l'aiuto della tecnologia Blockchain inizia a decentralizzarsi. Il veicolo che apre le porte agli investimenti internazionali senza tanta burocrazia, costi e tempi e con più alti livelli di fiducia e trasparenza. Uno strumento per le persone senza conti in banca, in modo che possano accedere ai servizi senza le dittature delle banche, avendo le stesse condizioni per evolversi personalmente nel loro sviluppo.

Origine della DeFi

Se sei uno di quelli che pensa che la DeFi abbia avuto origine con la nascita del Bitcoin, hai ragione, Bitcoin è sicuramente la prima piattaforma DeFi al mondo. Ma l'origine dell'idea è molto più antica.

Nick Szabo stava indicando, forse inconsapevolmente, la nascita della DeFi quando presentò la sua idea di contratti intelligenti nel 1995. Questo avveniva 13 anni prima della creazione di Bitcoin e senza dubbio fu un'idea pionieristica.  

Tuttavia, fino all'arrivo di Ethereum nel 2014, che è stato un cambiamento radicale a questa idea. Ethereum e i suoi contratti intelligenti hanno permesso agli sviluppatori di creare qualsiasi cosa potessero immaginare su una blockchain. E proprio quello che è iniziato con un esperimento sta ora diventando un movimento a sé stante, in un ecosistema finanziario decentralizzato che gestisce miliardi di dollari ogni mese. 

Un ecosistema che negli anni 2018 e 2019 ha mantenuto uno sviluppo costante, e durante i primi mesi del 2020 ha avuto una crescita senza precedenti. Ha persino raggiunto il punto di rivalutare i progetti blockchain consentendo la creazione di ponti tra la finanza tradizionale e criptovalute

Grazie a questo lavoro, possiamo ora contare su mercati di liquidità, sistemi di prestito e scambi decentralizzati (DEX), tutto questo è solo l'inizio. 

Funzionalità DeFi

Ora che conosciamo il concetto, le sue origini e le differenze tra i modelli finanziari digitali, sappiamo quali sono le caratteristiche della DeFi. 

  1. Funzionano sulla base della tecnologia blockchain e dei contratti intelligentis.
  2. Sono molto sicuri. Questo grazie al fatto che utilizzano potenti tecniche crittografiche per garantire che la piattaforma, l'accesso e il loro utilizzo possano essere effettuati solo da persone autorizzate.
  3. Hanno alti livelli di decentralizzazione. Il più grande potenziale di DeFi è il suo alto livello di decentralizzazione. In altre parole, hanno la capacità di agire senza la necessità di una catena burocratica per imporsi sulle funzioni della piattaforma.
  4. Nessuna fiducia in terze parti , ciò significa che l'azione su una piattaforma è diretta tra l'utente e la piattaforma stessa. Le terze parti fidate non sono necessarie perché tale attività verrà eseguita dalla blockchain. È questa struttura che manterrà il registro di tutto in modo sicuro e immutabile. 
  5. Trasparente. Un'altra grande caratteristica di DeFi è la sua trasparenza. Poiché sono basati su software gratuito, ogni riga di codice sulle piattaforme è verificabile. Inoltre, le mobilitazioni delle risorse sono verificabili, perché avvengono tutte sulla blockchain. 
  6. Senza confini. L'accesso a una piattaforma DeFi è senza confini. Puoi essere in qualsiasi paese del mondo e accedere ai suoi servizi senza inconvenienti.  

Pro e contro della tecnologia

Naturalmente, come tutta la tecnologia, ha i suoi pro e contro e per questo motivo ne esamineremo alcuni. 

Vantaggi

  1. Consente l'accesso ai servizi finanziari per milioni di persone senza banca. Questa è senza dubbio un'occasione d'oro per portare sviluppo e libertà finanziaria a chi per motivi diversi non ha potuto usufruire di questi servizi. 
  2. Rende molto più facile il finanziamento internazionale di aziende e progetti. Le piattaforme DeFi possono essere adattate alle esigenze di un pubblico di destinazione al fine di portare sviluppo e investimenti dove è necessario. E questi investimenti possono provenire da qualsiasi parte del mondo in sicurezza. 
  3. Creare un nuovo punto di diversificazione e sviluppo economico. La DeFi, infatti, può significare un importante punto di sviluppo economico nel medio termine a causa dell'enorme potenziale economico delle criptovalute come Bitcoin. 

Svantaggi

  1. La sicurezza è ancora un punto da migliorare all'interno delle piattaforme DeFiSebbene la blockchain abbia dimostrato di essere una tecnologia molto sicura, c'è ancora molto da migliorare, soprattutto con il livello di sicurezza e il controllo della sicurezza degli smart contract. Un fallimento in uno smart contract significa un fallimento nella piattaforma, come dimostrato The DAO
  2. Protocolli d'azione di fronte alla volatilità delle criptovalute. Molte piattaforme DeFi hanno creato meccanismi operativi che garantiscono la loro stabilità economica contro la volatilità delle criptovalute; spesso però, questi meccanismi sembrano insufficienti, oppure semplicemente non proteggono completamente l'ecosistema da forti fluttuazioni. Una situazione che porta a perdite milionarie. Un caso di questo tipo è MakerDAO y DAI, le cui fluttuazioni e azioni correttive hanno dimostrato che il decentramento e i protocolli d'azione mal adeguati possono spesso essere un punto debole per queste piattaforme, se non gestiti correttamente. 

DeFi e FinTech Quali sono le loro differenze?

Ebbene, abbiamo nelle nostre mani tre modelli finanziari che in una certa misura hanno un obiettivo comune, che è quello di offrirci potenti strumenti finanziari per aiutarci a rafforzare le nostre finanze e portafogli. Tuttavia, il modo in cui ottengono ciò è completamente diverso in ciascuno di questi modelli; questo dipende se parliamo di finanza tradizionale, il nuovo FinTech e ovviamente DeFi. 

Conosciamo già la finanza tradizionale, il modello centralizzato, fortemente dipendente dalle banche, contorto, complesso e irraggiungibile per la stragrande maggioranza della popolazione mondiale. Parliamo d'un modello che stiamo già vedendo cominciare il suo declino, non solo per la sua incapacità d'innovazione, ma proprio perché le persone che lo supportano hanno iniziato a capire che questi strumenti non funzionano più nel mondo di oggi.

Dai tentativi di rinnovare e migliorare quel vecchio sistema, nasce il nostro secondo modello, il FinTech (Tecnologie finanziarie - Tecnologie finanziarie). Si tratta di un tentativo di creare un sistema di finanza digitale che permetta di raggiungere un numero maggiore di popolazione che sia veloce, efficiente, economico, globale e soprattutto più facile da gestire. Dagli anni '90 e dall'inizio del nuovo millennio, FinTech è diventato l'apice della tecnologia finanziaria e sembrava che sarebbe stato il prossimo salto evolutivo nella finanza globale. 

Tuttavia, questo è stato superato con l'apparizione di Bitcoin, l'arrivo di Ethereum e i primi sistemi DeFi. Il fatto di poter costruire una finanza decentralizzata, più sicura, più universale, senza confini, ha decisamente cambiato le regole del gioco, non solo per il suo funzionamento ma anche per le possibilità della DeFi.  

Possiamo dunque compilare un piccolo elenco che potrà aiutarci a distinguerli: 

  1. Una FinTech è un'entità centralizzata, costruita su software e con ambienti controllati e discutibili. Una DeFi, invece, funziona, distribuisce il suo software su una blockchain decentralizzata.
  2. I contratti FinTech sono contratti che seguono il costrutto legale che tutti conosciamo. Mentre in DeFi questi contratti sono stabiliti allo stesso modo per tutti, il cuore di una DeFi e dei suoi servizi sono i contratti intelligenti in blockchain che possiamo vedere e controllare liberamente. 
  3. L'approvazione di una FinTech è legate ad una catena burocratica, lunga o corta, che si traduce in tempo che come utenti perdiamo in attesa di una risposta alle nostre richieste. In una DeFi, al contrario, la catena si riduce tra te e la persona che ti darà il merito e a volte la catena non esiste nemmeno, perché l'approvazione viene effettuata automaticamente se soddisfi o superi i requisiti che la piattaforma richiede per accedere ai loro servizi.
  4. Una FinTech utilizza le banche e l'intera struttura finanziaria tradizionale per ottenere le risorse che chiedi; questo significa che è indispensabile che tu possegga un conto in banca e che tu sia registrato nel sistema per poter partecipare con determinate garanzie. Significa anche che quel denaro può essere censurato o limitato se lo desiderano. In DeFi, questo non è qualcosa di cui devi preoccuparti, non hai bisogno di un conto bancario, ma solamente di un portafoglio di criptovaluta dove ricevere i tuoi fondi e per il resto hai piena libertà. 

Dinanzi a questa visione, è abbastanza chiaro che una FinTech è un'entità finanziaria digitalizzata. Alcuni progetti FinTech ben riconosciuti a livello globale sono Coinbase, Revolut o Paypal, per citarne solo alcuni. 

Differenze tra finanza tradizionale, fintech e DeFi

Potenziali utilizzi di DeFi

Dunque, a che serve oggi la DeFi? Per cosa possiamo utilizzarla? Bene, prima di tutto, DeFi funge da ponte finanziario tra la ricchezza dei detentori di criptovaluta e un mondo di servizi finanziari che possono essere concessi utilizzando tale ricchezza per generare più ricchezza con essa. 

Detto questo, tra i potenziali casi d'uso della DeFi possiamo citare:

  1. Sistemi di prestito decentralizzati: che in effetti è uno degli utilizzi principali della DeFi oggi. Il sistema è semplice: se una persona vuole un prestito e vuole utilizzare le proprie criptovalute come collaterale o garanzia, può farlo senza problemi. Il sistema funziona in modo molto simile alle FinTech o alla finanza tradizionale; ma la DeFi tende a offrire condizioni di interesse migliori e i prestiti vengono generalmente approvati quasi istantaneamente. Sono finite le ore in banca, l'invio di documenti digitali e i giorni d'attesa per una risposta, con DeFi non resta che interagire con DApp, effettuare il deposito cauzionale richiesto e avrai in tuo possesso i soldi che hai richiesto in prestito, e tutto in pochi minuti. 
  2. Mercati decentralizzati : un altro impiego di DeFi sono i mercati decentralizzati. Creazioni come scambi decentralizzati (DEX), pool di investimenti, derivati ​​finanziari, sistemi di staking, mercati di previsione e altro sono possibili grazie a DeFi. 
  3. Sistemi di pagamento : DeFi può anche essere utilizzata come sistema di pagamento. Le caratteristiche di queste piattaforme consentono loro di essere un ponte affidabile per elaborare pagamenti da diverse blockchain facendo uso di un'infrastruttura esterna, decentralizzata e autonoma. 
  4. Servizi bancari e assicurativi : un altro utilizzo della DeFi è quello di offrire servizi di tipo "bancario" senza essere esattamente una banca. Ad esempio, esistono protocolli DeFi che consentono ai propri utenti d'effettuare un certo investimento. Dopo un po', tuttavia, puoi ricevere questo investimento con un margine di profitto e tutto grazie all'interesse che ha generato; ma non solo, esistono anche sistemi che consentono l'emissione di stablecoin, oltre a sistemi d'identificazione digitale e assicurazione finanziaria. 

A questo punto è chiaro che il potenziale della DeFi per offrire servizi e soluzioni è multiforme, tanto quanto l'inventiva delle persone che sviluppano tali sistemi. 

Rischi del mondo DeFi da tenere presente

Dunque, in DeFi non tutto è perfetto. In effetti, la verità è che ci sono dei rischi che è bene conoscere prima di entrare in questo mondo con leggerezza. Tra questi rischi possiamo citare: 

Contratti e piattaforme complessi da comprendere e utilizzare

Prima di tutto, la DeFi non è per tutti, non importa quanto si voglia mostrare il contrario. Se entri in una DeFi DApp e provi ad eseguire un'operazione, vedrai sicuramente che in mezzo a tutto ci sono concetti che per la persona media possono sembrare strani. Non solo, i contratti DeFi e le spiegazioni web delle app, così come il contratto intelligente di tali app, possono sembrare una lingua sconosciuta alla maggior parte delle persone. 

Detto questo, è bene che tu sia consapevole che sebbene la DeFi offra enormi possibilità, devi prima sapere in cosa stai partecipando e in cosa stai investendo, e ciò accade imparando e comprendendo cos'è cosa fa la piattaforma, come lo fa e quali strumenti sono a tua disposizione. Tutto questo per evitare situazioni dolorose come la perdita del proprio investimento. 

Una decentralizzazione incompleta

In secondo luogo, anche sele applicazioni DeFi si eseguono durante l'esecuzione su una blockchain come Bitcoin, Ethereum, EOS o TRON non significa che siano completamente decentralizzate. I protocolli e le applicazioni DeFi generalmente hanno un punto di centralizzazione che consente loro d'avere un certo grado di controllo per le situazioni in cui è garantito un intervento immediato. Un esempio di questo è MakerDAO e la sua stablecoin DAI. 

Sebbene MakerDAO funzioni come un'entità decentralizzata, le figure dietro lo sviluppo del protocollo hanno quello che potrebbe essere chiamato un "pulsante d'emergenza" chiamato "Emergency Shutdown". Questa funzionalità del protocollo permette di chiudere tutte le operazioni di MakerDAO e DAI per evitare che gli investitori subiscano gravi perdite dovute a qualche problema nella collateralizzazione del protocollo. Puoi immaginare che proprio come ci sono funzioni come queste in MakerDAO, anche il resto dei progetti avrà una funzione simile e persino maggiore. 

Ma perché questo è un rischio? Se ci pensi, funzioni come queste possono essere sfruttate da malintenzionati all'interno e all'esterno del protocollo per causare danni al suo interno. Inoltre, è anche un rischio perché molte DeFi vengono vendute come panacea per il decentramento, quando la realtà è molto diversa. Un problema che si aggrava se aggiungiamo la comparsa di protocolli DeFi che non sono altro che una truffa di copione. 

Insomma, conosci bene il progetto a cui partecipi, conosci le sue funzioni, ma soprattutto conosci la community che lo sostiene. Una community trasparente non nasconde nulla, come nel caso di MakerDAO che ha reso pubbliche le informazioni su “Emergency Shutdown” e le ragioni della sua creazione. Se sospetti qualcosa del genere, sii particolarmente vigile con progetti nuovi e poco conosciuti. 

La sicurezza non è infallibile

Se è vero che la sicurezza blockchain è eccellente, è anche vero che non è infallibile. Il miglior esempio di questo lo vediamo nei vari progetti DeFi che hanno sofferto di problemi di sicurezza legati ai loro smart contract e che hanno portato a rapine milionarie delle loro piattaforme. Piattaforme come dForce, Uniswap, Balancer, Bancor, bZx e Synthetix, sono solo alcune delle vittime dei più famigerati hack in questo settore. 

Il problema è ancora più grave, perché la sicurezza degli smart contract dipende da due fattori. Prima di tutto, dipende dalla buona codifica e costruzione della stessa da parte degli sviluppatori del protocollo DeFi. Quindi un buon progetto, codifica, rivede e controlla costantemente i suoi contratti intelligenti. In questo modo, se rilevi un errore, puoi correggerlo rapidamente senza indugi. 

In secondo luogo, la sicurezza dipende anche dalla buona programmazione delle funzioni che rendono possibile il loro funzionamento diretto nella blockchain. Ad esempio, un problema di sicurezza in una funzione di EVM che influisce su questi contratti intelligenti fa si che automaticamente la loro sicurezza sia a rischio. Il problema con quest'ultimo punto è che la sicurezza non dipende più così tanto dallo sviluppatore del protocollo DeFi. Spetta invece agli sviluppatori blockchain e nel caso in cui non possa essere mitigato correttamente, avrai un serio problema di sicurezza. 

Sì, suona come una racconto dell'orrore e che una tecnologia che si presume essere ultra sicura possa avere questi problemi è sorprendente. Tuttavia, sono problemi reali, infatti la funzione DELEGATECALL di EVM, è stata la causa di un attacco avvenuto ai portafogli Parity nel 2017. 

Il pericolo delle truffe

Se sei stato nel mondo delle criptovalute abbastanza a lungo, ricorderai sicuramente il boom dell'ICO del 2017 e del 2018 e saprai anche cosa ha significato per molti: perdite milionarie e truffe ovunque. A questo punto, DeFi sta iniziando a seguire lo stesso processo. In effetti ci sono centinaia di progetti mascherati da DeFi per truffare coloro che cadono nella trappola di fare soldi facili e veloci.

Infatti, nel bel mezzo del boom della DeFi, che va di moda, non è raro vedere piattaforme che cercano il modo più semplice per sviluppare le proprie idee. Un esempio di questo è visto in dForce, che ha semplicemente copiato il protocollo da Compound (versione 1) per avviare la tua piattaforma. Di conseguenza, la piattaforma dForce è stata vittima di un problema di sicurezza che non ha rilevato e ha subito pesanti perdite.

C'è la possibilità che si verifichino molti altri casi simili a quello sopracitato: copiare un contratto intelligente, cambiare alcune cose e avviare un servizio con l'unico scopo di truffare chi cade nella trappola; è qualcosa che accade più spesso di quanto potresti pensare ed uno dei motivi per cui devi essere molto vigile quando entri nel mondo DeFi.

Quanto sai, Cryptonuta?

La DeFi può davvero essere il ponte per accedere ai servizi finanziari per la popolazione che non vi ha accesso?

Certo!

Una delle cose più sorprendenti della DeFi è la sua capacità di "effettuare operazioni bancarie" e fornire accesso a strumenti finanziari a più persone in tutto il mondo. Questa è una situazione che darà sicuramente impulso all'economia dei piccoli paesi in cui l'accesso ai servizi bancari e finanziari è estremamente complesso e dove la DeFi può svolgere un ruolo fondamentale nel consentire l'accesso a questi strumenti. Ciò potrebbe significare l'accesso al credito e al risparmio, che consentirebbe a queste persone di migliorare la loro qualità di vita. Tuttavia, ciò richiede molto lavoro all'interno di queste piattaforme.

Le piattaforme DeFi oggi

Attualmente, lo sviluppo delle piattaforme DeFi è gigantesco. Bitcoin ed Ethereum raccolgono le più grandi e le più importanti. Solo tra questi due progetti è già controllato il 70% della capitalizzazione delle criptovalute, cioè quasi 200 miliardi di dollari.

Questo ha spinto molte aziende a iniziare ad esplorare la creazione di strumenti, DeFi, alcuni con più successo di altri, ma tra questi possiamo menzionare:

  1. Bisq, un protocollo di scambio P2P costruito appositamente per Bitcoin e completamente decentralizzato.
  2. RSK, un protocollo e una serie di servizi identificati come RIF OS, una piattaforma di sviluppo completa che include smart contract, identità digitale, archiviazione decentralizzata, pagamenti istantanei, ponti cross-chain, sistema di pagamento integrato, comunicazioni decentralizzate e generazione di mercati decentralizzati.
  3. 0x, un protocollo per la creazione di scambi P2P decentralizzati che funziona su Ethereum. 
  4. Bancor è un sistema di scambio di token basato su Ethereum.
  5. Compound, è un protocollo di pool di investimenti con opzioni di prestito, rendimento agricoltura, mining di liquidità che è diventato molto importante nel corso del 2020 al punto da sostituire MakerDAO per due settimane come la DeFi con il valore più alto.
  6. Kyber, un protocollo di swap per l'integrazione delle funzionalità di scambio in applicazioni con operazioni cross-chain.
  7. MakerDAO e DAI, uno DAO e una stablecoin progettata per facilitare la creazione di applicazioni finanziarie basate su Ethereum.
  8. Augur, un protocollo per la creazione di mercati di previsione.
  9. Curva, un DEX di stablecoin.

Questo è un piccolo elenco di alcune delle più importanti applicazioni DeFi esistenti oggi. Nominarli tutti sarebbe un compito arduo a causa della varietà di strumenti esistente oggi; ma quelli qui menzionati si sono guadagnati un posto d'onore per la loro serietà, impegno e sviluppo attivo.

Detto questo, non c'è dubbio che la DeFi e le sue diverse applicazioni in futuro diventeranno sempre più importanti. Dopotutto, stiamo solo esplorando questi strumenti e riconoscendone la portata.