Il cryptoeuro o EUROChain è un progetto che cerca di trasformare l'attuale euro in una valuta digitale della banca centrale (CBDC), il cui obiettivo è quello di tramutarlo nel denaro del XNUMX° secolo. Scopri di più su questo progetto e sull'impatto che potrebbe avere su tutti i paesi e cittadini dell'Unione.

El boom del Bitcoin ha destato il sospetto delle banche centrali e la banca centrale europea non fa eccezione. Bitcoin, con la sua capacità di liberare le persone dal denaro monopolizzato da pochi, è qualcosa che le banche centrali vogliono fermare. Per questo motivo, hanno iniziato a creare CryptoEuro, una CBDC con sede in Europa.

Sono state molte le voci che si sono elevate a favore e contro questo progetto di sviluppo tecnologico ed economico per l'Europa. E' stato di particolare interesse, infatti, non solo per gli specialisti della comunità crittografica, ma anche per i paesi dell'Unione e per le stesse autorità economiche e finanziarie, rappresentate proprio dalla Banca centrale europea (BCE).

Senza dubbio, si tratta di un enorme progetto di innovazione tecnologica, che porterebbe l'Europa a creare una moneta che potrebbe promuovere, notevolmente, l'automatizzazione dell'uso del denaro, la tracciabilità e l'interazione tra entità diverse.

Ma cosa c'è dietro il cripto euro? fareCome funziona? Cosa possiamo aspettarci in futuro per il cripto euro?

Cos'è il Criptoeuro?

Il criptoeuro è un progetto in fase di studio, con il quale la Banca centrale europea (BCE) cerca di creare una moneta digitale che possa controllare, allo stesso modo in cui lo fa oggi con l'euro. La maggior parte di questi sforzi si concentra, dunque, sull'EUROChain, un sistema di proof of concept, che è stato svelato, proprio a dicembre del 2019, nel rapporto "Esplorare l'anonimato nelle valute digitali della banca centrale".

Con questo documento si studia e si apre la possibilità, per l'appunto, di progettare una moneta digitale, gestita dalla BCE. Qui viene spiegato, infatti, come questa CBDC sarebbe supportata dalla tecnologia DLT e, più specificatamente, dalla tecnologia Corda dell'azienda R3 e da una serie di sistemi, che servirebbero a creare un nuovo sistema di pagamenti e offerta di moneta. Il tutto adattato alle esigenze di privacy e anonimato controllato, che garantiscano il rispetto delle normative, volte soprattutto a combattere il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo (AML / CFT).

La BCE stabilisce, inoltre, che il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) inizia, appunto, con la creazione di una prova di concetto, che serve esattamente per testare questa tecnologia. Alcune di queste prove sono supportate, per esempio, da aziende come Accenture e R3. Tuttavia, in questo rapporto si chiarisce anche che il lavoro svolto non è orientato verso l'implementazione pratica e non implica, neppure, ancora nessuna decisione di procedere con la CBDC. In poche parole, la BCE sta solo esaminando la tecnologia, ma al momento non ha in programma di lanciare un criptoeuro, a meno che non se ne presenti la necessità in futuro.

Cosa ci offre questo studio della BCE?

Possiamo dire che l'EUROChain e il suo criptoeuro ci offrono quanto segue:

  1. Una soluzione digitale per la conformità AML e CFT, che nasconde l'identità dell'utente e la cronologia delle transazioni della banca centrale o effettuate da terzi (a meno che non siano scelte dall'utente).
  2. Limiti affinché le transazioni anonime siano applicabili attraverso l'automatizzazione.
  3. Un sistema di coupon di anonimato, che consente agli utenti di trasferire una certa quantità di fondi su CBDC, in modo anonimo e per un periodo di tempo specificato.

Tenendo conto del fatto che, attualmente, la maggior parte del denaro, utilizzato in Europa, è digitalizzato e viene utilizzato sotto forma di carta di credito, con una società abituata all'uso del denaro digitale, la comparsa di questa CBDC, da parte della Banca Centrale Europea, potrebbe addirittura ridurre i rischi di insolvenza nelle istituzioni e abbassare i costi di utilizzo per i consumatori.

Quello che sappiamo sul proof of concept per criptoeuro ed EUROChain

Nel documento, diffuso dalla BCE, possiamo vedere chiaramente la proposta di proof of concept, che cerca di portare avanti l'EUROChain. Qui si chiarisce, infatti, che l'EUROchain rappresenterebbe una certa dipendenza verso alcuni "intermediari", che poi, in realtà, sarebbero le banche centrali delle nazioni che fanno parte dell'Unione.

Ciascuno di questi intermediari, inoltre, dispone di uno o più nodi e di tutte le infrastrutture necessarie, per far funzionare l'EUROChain nel proprio territorio. Ciò significa che ogni nodo avrebbe accesso ai registri della banca centrale e ai saldi di riserva, per poter fornire opzioni di moneta digitale agli stessi utenti della banca centrale.

Questo, in realtà, è molto simile all'attuale sistema di pagamento interbancario, tranne per il fatto che le informazioni gestite dai nodi sarebbero rappresentate, in tempo reale, in tutti i nodi contemporaneamente. Inoltre, il sistema potrebbe consentire determinati livelli di privacy, come accade con le transazioni di basso valore. Allo stesso tempo, però, le transazioni di valore più elevato sarebbero soggette a controlli di conformità AML / CFT.

Altre funzioni all'interno del sistema della BCE

In questo senso, l'EUROChain e il suo criptoeuro possono svolgere le seguenti funzioni:

  1. In primo luogo, servirebbe per il regolamento delle transazioni in titoli (cioè, accordi commerciali).
  2. In secondo luogo, servirebbe a creare soluzioni di pagamento, affinché le stesse banche centrali membri possano fornirle ai propri utenti.

Il criptoeuro avrebbe, dunque, un funzionamento simile, e persino esteso, dell'attuale fiat, come è successo, per esempio, con altre rappresentazioni della CBDC, in altri paesi. Inoltre, la BCE prevede la creazione di una serie di ulteriori elementi, per il controllo e la distribuzione della valuta, tra i quali possiamo citare:

  1. Un sistema di intermediari a due livelli, molto simile a quello stabilito dal DCEP, la valuta digitale cinese. In questo modo, la BCE dipenderebbe dal fatto che le banche centrali delle nazioni dell'Unione avrebbero accesso, presso la banca centrale, al libro maestro generale e ai saldi di riserva, il che consentirebbe l'uso del CBDC tra gli utenti. Pertanto, gli intermediari elaborano le transazioni per i loro clienti istituzionali, che a loro volta ricevono servizi di custodia da parte della banca centrale.
  2. La BCE manterrebbe il ruolo di emettere unità CBDC o di rimuoverle dalla circolazione.
  3. Un'autorità antiriciclaggio, identificata, elaborerà i controlli di conformità AML / CFT, per transazioni di grandi dimensioni. Inoltre, questa Autorità monitorerà le transazioni, per garantire che gli utenti con limitazioni (ovvero a causa di sanzioni o indagini) non possano inviare o ricevere CBDC.

Insomma, sostanzialmente l'attuale sistema bancario e finanziario non cambierebbe; le istituzioni e i controlli restano e, in alcuni casi, vengono addirittura rafforzati a causa della natura digitale e tracciabile delle valute digitali.

Alcuni commenti aggiuntivi della BCE alle CBDC

  1. Mettere una banca centrale efficiente, sicura e denaro moderno a disposizione di tutti.
  2. Rafforzare la capacità di recupero, disponibilità e contestabilità dei pagamenti al dettaglio.
  3. Migliorare il controllo dei pagamenti illeciti e delle attività di risparmio, riciclaggio di denaro e attività di finanziamento del terrorismo.
  4. Permettere di superare lo ZLB (Zero Lower Bound), visto che a una CBDC possono essere applicati tassi di interesse negativi.
  5. I tassi di interesse sulla CBDC forniscono denaro monetario aggiuntivo, che può essere utilizzato in strumenti politici, indipendentemente dalla ZLB.
  6. Rendere più facile fornire denaro elicottero, o semplicemente, far ottenere denaro agli utenti, in situazioni di emergenza economica.
  7. Migliorare la stabilità finanziaria e ridurre il rischio morale per le banche.

Funzioni previste nel proof of concept del cryptoeuro nell'EUROChain

D'altra parte, il documento della BCE descrive anche alcune delle funzionalità che potremmo vedere nel possibile sviluppo di questo cryptoeuro, tra le quali possiamo evidenziare:

Indirizzi degli utenti

Gli indirizzi di ogni utente vengono creati da una banca intermediaria. In questo modo, ogni banca è responsabile di fornire ai propri clienti una o più identità pseudonime, che possono essere utilizzate come indirizzi per la rete di pagamento della CBDC.

Coupon di anonimato

Una delle funzioni più “interessanti” del cryptoeuro ed EUROChain è l'ideazione dei coupon di anonimato, creati per essere forniti agli utenti con limiti di utilizzo, le cui transazioni non sono attivamente monitorate, e per far rispettare anche le leggi e i regolamenti AML / CTF.

Con questi coupon, fondamentalmente, un utente del cryptoeuro può effettuare trasferimenti di basso valore, con un alto grado di anonimato, ma nel caso in cui i trasferimenti superino un determinato valore, saranno sottoposti a un controllo più approfondito, al fine di far rispettare le suddette normative.

Questi tagliandi di anonimato saranno rilasciati gratuitamente e non saranno trasferibili tra utenti. Sono semplicemente uno strumento tecnico, utilizzato per limitare la quantità di CBDC, che può essere trasferita in modo anonimo.

Meccanismi di emissione e distribuzione.

Quando un broker riceve una richiesta di emissione di CBDC da parte di un cliente, verifica che il saldo CBDC, posteriore alla transazione del cliente stesso, rimanga al di sotto di qualsiasi limite di portafoglio, impostato in precedenza. In tal caso, il broker richiede unità CBDC, per conto del suo cliente, alla banca centrale.

Ciò significa che la banca centrale emittente non limita l'offerta di CBDC, in modo da portare a un eccesso di domanda da parte dei suoi utenti, poiché i limiti si applicano solo al livello di ogni singolo portafoglio. La conversione da e verso CBDC, dunque, avviene sempre in un rapporto uno a uno, per garantire che la CBDC abbia lo stesso valore di forme alternative della stessa moneta.

La banca centrale addebita il saldo di riserva dell'intermediario e autorizza la creazione di nuove unità CBDC, approvando (quindi “firmando”) la richiesta di emissione tramite il proprio nodo.

Trasferimenti

Nel caso di trasferimenti di saldo tra utenti cryptoeuro su EUROChain, questi vengono effettuati senza alcuna partecipazione da parte della Banca Centrale. L'utente invia semplicemente un'istruzione di trasferimento indicando l'importo, lo pseudonimo del beneficiario (identificativo del conto e identificativo dell'intermediario) e se il pagamento deve essere effettuato o meno in forma anonima.

Pertanto, se è la prima volta che il beneficiario riceve unità CBDC dall'intermediario del pagatore, il trasferimento inizia con una richiesta di ricerca dell'intermediario del pagatore, per ottenere l'indirizzo del beneficiario tramite il suo intermediario.

Vedremo mai il cryptoeuro diventare realtà?

Come abbiamo visto, la BCE ha ben definito alcuni dei pilastri fondamentali di una CBDC applicabile all'Unione Europea. Tuttavia, vedremo mai il cryptoeuro diventare realtà? Al momento, è poco probabile che questo avvenga a medio termine. La verità è che sistemi come l'euro e il suo sistema interbancario agiscono già molto bene per le esigenze dell'Unione. Quindi ci sarebbe una grande rivoluzione nell'uso delle valute legali, affinché l'Europa cambi la sua prospettiva e si arrenda allo sviluppo finale di un cryptoeuro.

La stessa presidente della Bce, Christine Lagarde, ha infatti commentato che:

“La mia personale convinzione è che visti gli eventi che vediamo, non tanto nel segmento del Bitcoin ma nei progetti di criptovalute stabile, ne conosciamo solo uno al momento, ma ce ne sono altri in fase di esplorazione e in arrivo, sarebbe meglio se fossimo in prima linea se ciò accadesse, perché c'è chiaramente una domanda esterna a cui dobbiamo rispondere"

In tal senso, è chiaro che al momento la BCE non vede la necessità di cambiare radicalmente la sua posizione e di lanciarsi nello sviluppo di un cryptoeuro per l'Europa. La posizione che ha assunto è abbastanza simile a quella assunta dalla FED negli Stati Uniti, dove si svolgono studi di fattibilità tecnologica nel caso in cui ritengano necessario agire in tal senso.

Tuttavia, sia la posizione della FED che della BCE è la stessa: se entrambe decidono di scommettere sulla CBDC, lo faranno secondo uno schema in cui il controllo è ancora nelle loro mani. Pertanto, possiamo affermare che non è strana la somiglianza del sistema della BCE con quello del DCEP cinese e di molte altre CBDC nel mondo. In tutti questi casi, il controllo e il potere sono nelle mani delle banche centrali, poiché sono loro che alla fine decidono se una transazione è approvata o meno, in quali condizioni, e questo sarà lo stesso con la tecnologia centralizzata o distribuita.

Resta da vedere, però, come reagirà il mondo con il lancio di progetti come il DCEP. La reazione a questo progetto, infatti, potrebbe accelerare o rallentare i piani per il lancio della CBDC e invadere così il mondo con monete digitali delle banche centrali. Quindi anni come il 2021 e il 2022 saranno fondamentali in questo senso. Molti paesi e banche centrali proseguiranno con i loro studi, i loro sviluppi e le loro ricerche al riguardo, ma tutti staranno attenti ai movimenti del mondo e alla sua reazione, per realizzare così i propri movimenti e approfittare dell'esperienza degli altri, per avere successo nelle proprie imprese.

Differenze con Bitcoin

Ora che hai appena letto il racconto horror del cryptoeuro e della sua EUROChain, lascia che ti diciamo quanto segue: senza dubbio una CBDC assomiglia al Bitcoin tanto quanto un sito porno assomiglia al sito web del Vaticano. Se entrambi sono siti web, entrambi hanno immagini, contenuti, ma sicuramente non sono la stessa cosa.

Sebbene sia vero che un euro puramente digitale migliorerebbe, notevolmente, la performance disastrosa dell'euro attuale, c'è sempre qualcosa che non migliorerà mai, ovvero darci la libertà. Al contrario, ci toglierà la libertà. In sostanza, quello che cercano di fare è di nascondere la mancanza di libertà, rendendo un po' più grande il luogo in cui ci rinchiudono. È come se vivessimo in una prigione dove vogliono ricompensarci dandoci libertà, la libertà di scegliere il colore delle sbarre. Ma è pur sempre una prigione.

Un cripto un euro ben progettato potrebbe dare trasparenza alle istituzioni, rendere possibile la creazione smart contract eliminare gli intermediari. E allo stesso tempo, automatizzare i processi in tempi di Internet of Things (IoT) scambio di valore tra macchine,…. Un momento. Abbiamo già questo! È Bitcoin. Allora perché non viene utilizzato Bitcoin se esiste già? La risposta è molto semplice. Poiché Bitcoin non è controllato da loro, non controllerebbero il denaro, che è ciò che consente loro di arricchirsi.

Ciò che il Cryptoeuro non è (e non lo sarà mai)

In compenso ci propongono un surrogato, camuffato con cose che potrebbero piacerci, per poi svegliarci il giorno dopo con qualcosa che non abbiamo capito come avremmo potuto accettare. Tra quelle caratteristiche in cui ci collocano “un gatto per una lepre” possiamo annoverare:

  1. Non è un file blockchain aperto, solo pochi lo controllano, in realtà le banche di una vita sono quelle che controllano tutto. E sappiamo già che hanno tutti gli stessi interessi e sono soggetti a pressioni legali da parte di un'istituzione affinché faccia ciò che chiede. Bitcoin e criptovalute sono nate per allontanarci dalle banche, quindi perché accettare di cadere nelle loro mani con un CBDC da loro controllato?
  2. Deve autorizzarti un intermediario, ma può anche non farlo. Ad esempio, a noi di Bit2Me viene negato un conto bancario per supportare le criptovalute. In questi casi è chiaro chi è realmente il nemico della tua libertà.
  3. Gli euro sono euro, indipendentemente dalla loro forma. “Anche se vestono di seta la scimmia, la scimmia resta”. Questi euro, anche se li vogliono recuperare criptovaluta, che non hanno nulla a che vedere con Bitcoin, sono euro controllati da un ente pseudo-privato, un monopolio denaro con cui ci obbligano a giocare ma decidono come emetterlo, a chi distribuirlo, chi favorire o chi affondare . Diamo loro il potere di controllare ciò che dà potere e accesso a tutto, denaro, e con esso ci controlliamo tutti, sottomessi senza capire come e quando.
  4. Il meccanismo della "privacy del coupon" è uno scherzo. Che una terza parte debba decidere quando hai la privacy o meno, significa solo una cosa: non hai privacy, non possiedi la tua privacy, perché ora la controllano e "te la danno" a loro piacimento.
  5. Se, qualche volta, hai temuto quello che succede in altri paesi dove il denaro dei suoi abitanti è semplicemente congelato da un semplice ordine, immagina cosa succederebbe con una CBDC. Soprattutto con lo schema che la BCE intende imporre con il cryptoeuro. Basterebbe loro premere letteralmente un pulsante per congelare i soldi di una persona, di un paese dell'Unione o dell'intera Unione.
  6. La questione dell'"Helicopter Money" è un altro punto di terrore in tutto questo sistema, soprattutto per ciò che provoca: inflazione. L"Helicopter Money" o "Quantitative Easing", tutto ciò si riduce, semplicemente e in parole povere, a stampare denaro fittizio, denaro del monopoly che ci invade e fa perdere valore alla moneta. Infatti, maggiore è l'offerta di moneta in circolazione, minore è il valore della moneta e ci rende tutti più poveri.

Il Cryptoeuro può essere un buono strumento. Può anche essere realizzato con le migliori intenzioni del mondo, cercando di risolvere i problemi che ci affliggono in materia economica e finanziaria, ma l'idea va presa con le pinze. Qualcosa di particolarmente vero quando sappiamo chi sono i promotori di queste misure e come agiscono. Dicono che la strada per l'inferno sia lastricata di buone intenzioni. Ora cosa ne pensi di questo? Pensi che in qualche modo le CBDC come il Cryptoeuro siano migliori delle criptovalute come il Bitcoin? Puoi commentare e generare un dibattito su questo interessante argomento con noi e con coloro che ci visitano.