Il Petro è una valuta digitale, creata dalla Banca centrale del Venezuela, che utilizza la tecnologia blockchain. L'obiettivo principale della sua creazione era quello di consentire una ripresa economica alla nazione sudamericana e allo stesso tempo di affermarsi come avversario nei confronti del dollaro. Scopri di più su questo progetto e perché la comunità ritiene che sia un progetto fallito.

L'arrivo del Bitcoin ha destato la curiosità del mondo, per quanto riguarda la creazione di nuove criptovalute, e una di queste è Petro: la prima criptovaluta lanciata da una banca centrale, in questo caso quella del Venezuela, un percorso che anche molte altre banche centrali stanno seguendo ora con la propria CBDC (Central bank digital currency).

Il Petro è un progetto con cui l'attuale governo venezuelano ha voluto mettere da parte la precaria situazione della sua valuta e riattivare la sua economia, in declino da 10 anni. Per fare ciò, si è cercato di progettare una criptovaluta unica per il paese, che proteggesse la sua economia e aprisse nuove strade agli investimento.

Tuttavia, la realtà del progetto è molto più complessa di quanto si sappia. Per questo motivo, in Bit2Me lo abbiamo analizzato a fondo, per poter spiegare tutti i dettagli e i dati del primo CBDC di una nazione, e come questo progetto si sia evoluto fino ad ora.

Cos'è il Petro?

Il Petro è una valuta del Venezuela. Si tratta di una CBDC, o valuta puramente digitale emessa da una banca centrale, che utilizza alcuni aspetti della tecnologia Blockchain. È stata la pioniera, in questo senso, a livello mondiale, perché la sua creazione ha messo il Venezuela all'epicentro dell'innovazione, per questo tipo di tecnologia. Questa valuta digitale prende il nome dalla più grande ricchezza di questo paese: il petrolio.

In effetti, il governo venezuelano sostiene che il Petro e il suo valore siano supportati non solo dalla sua immensa ricchezza petrolifera, ma anche dalla vasta ricchezza mineraria della nazione. Per fare questo, il Petro nel suo whitepaper , indica che il suo valore sarà stabilizzato da un paniere di commodities o materie prime che la nazione possiede. Queste materie prime includono petrolio, oro, ferro, diamanti, coltan e gas. Tutto questo attraverso una formula matematica che determinerà in ogni momento il prezzo dell'asset crittografico.

Questa teoria è abbastanza diversa da altre CBDC, come per esempio il criptoeuro (EUROChain) o criptovaluta yuan (DCEP) che, pur continuando ad essere una valuta puramente centralizzata basata sulla fiducia, cerca di sostenere il valore in una o più materie prime.

Origini del Petro

Le origini del Petro risalgono al 2009, quando l'allora presidente Hugo Chávez ha alzato il prezzo del petrolio, per alleviare la crisi economica, che stava già colpendo la sua nazione.

In un evento con i paesi dell'OPEC, ha sollevato l'idea di creare una valuta internazionale chiamata Petro. La sua idea era quella di sostenere questa valuta con le riserve di petrolio di alcuni paesi membri dell'OPEC. La valuta, in linea di principio, sarebbe stata una moneta valuta fiat che sarebbe circolata tra i paesi OPEC e tra quelli che l'avrebbero accettata come mezzo di pagamento.

Non è stata la prima volta che Hugo Chávez ha avanzato l'idea di creare valute alternative al dollaro per gli scambi commerciali internazionali, con l'obiettivo di eliminare la capacità degli Stati Uniti di sottomettere altri paesi, per via della supremazia della sua moneta.

Un'altra idea prima del Petro era stata SUCRE (Sistema Unitario di Compensazione Regionale), creato nel XNUMX. Questa valuta e unità di conto è stata adottata dai paesi che facevano parte del Bolivarian Alliance for the Americas (ALBA), più l'Ecuador. Tuttavia, dal XNUMX il sistema è caduto in disuso, al punto che da quell'anno non sono state rilasciate relazioni di gestione. Inoltre, le uniche banche centrali che ancora utilizzano il sistema sono la Banca Centrale di Cuba e la Banca Centrale del Venezuela.

Nonostante la spinta costante dell'allora presidente Hugo Chávez e del suo sostituto, Nicolás Maduro, l'idea del Petro ha richiesto tempo per concretizzarsi. E' stato infatti solo a partire dall'XNUMX dicembre XNUMX che il progetto ha preso veramente forma con l'uscita del Decreto XNUMX. Questo decreto ha permesso la creazione della Sovrintendenza delle Attività crittografiche venezuelane e attività correlate (SUNACRIP). La creazione di questa entità ha cercato di regolare le attività minerarie e l'uso delle criptovalute nella nazione sudamericana, diventando il primo paese nella regione con un'entità legale di questo tipo.

Il SUNACRIP, abilitato per questo tipo di attività, ha iniziato a lavorare per sviluppare il Petro. All'inizio si diceva che il Petro sarebbe stato un token basato sulla rete Ethereum. Poi la prospettiva è cambiata e si è parlato del fatto che sarebbe stato basato sulla tecnologia di NEM. Infine, il progetto ha avuto il supporto di elementi della comunità DASH Venezuela, e il Petro sarebbe quindi un derivato di Dash. Questi cambiamenti nelle forme e nelle tecnologie hanno generato molte critiche al progetto, ma finalmente il Petro era una realtà, con un whitepaper identico al Dash, senza una tokenomic chiara e con molti punti oscuri.

Origine economica del Petro

Tuttavia, l'origine del Petro ha anche un punto economico importante. Saprai sicuramente che il Venezuela è il paese con le più grandi riserve di petrolio al mondo. Ciò rende la nazione sudamericana un polo di sviluppo nella regione, con un enorme potenziale, però la realtà del paese è abbastanza diversa.

Dal 2006 il paese ha dovuto affrontare una difficile situazione economica e un forte calo della produttività in tutti i suoi settori. L'impeto di questa situazione, però, non ha travolto la popolazione grazie al boom del petrolio, ad un'economia altamente sovvenzionata e ad uno Stato che dava e stampava grandi quantità di denaro.

La situazione economica del paese, però, è peggiorata negli anni 2008-2009. A quel tempo, Hugo Chávez era alla ricerca di modi per avere un maggiore controllo dei tassi di cambio nella nazione. Il controllo a quel tempo era limitato al dollaro e ad altre valute estere, quindi cercò un modo per creare meccanismi economici internazionali che fossero fuori dal controllo del dollaro.

Il SUCRE e il Petro erano le sue carte vincenti in questo gioco economico internazionale. Tuttavia, lo scarso utilizzo del SUCRE e il fallimento iniziale del Petro hanno portato il governo a respingere queste idee. La morte del presidente Hugo Chávez nel 2013 è stata solo un'altra variabile, che ha completamente affondato l'idea di creare una moneta con queste caratteristiche. Questo nonostante le enormi difficoltà economiche che la nazione stava già attraversando.

Ma dalla morte di Hugo Chávez nel 2013 e fino al 2017, il governo di Nicolás Maduro, nel suo studio sulla ricerca di migliori condizioni economiche per il Paese, avrebbe fatto riprendere il Petro. Una serie di situazioni ha reso, dunque, necessario lavorare sul problema da un'altra prospettiva:

  1. L'inasprimento del tasso di cambio, che ha reso sempre più difficile per le aziende acquisire valuta estera e importare i materiali di cui avevano bisogno per il loro funzionamento.
  2. L'enorme spesa pubblica, con uno Stato che impiega oltre l'80% della popolazione attiva e offre loro grandi aiuti finanziari.
  3. Il soffocante obbligo di riserva bancaria, che scoraggia le banche dal concedere prestiti o concedere crediti.
  4. La grande emissione di denaro da parte della Banca Centrale del Venezuela, arrivando alla situazione in cui i cittadini preferivano utilizzare le banconote per fare artigianato.
  5. Un enorme e crescente debito interno ed estero della nazione a causa dell'aumento dell'inflazione, della bassa produzione economica e dell'incapacità di pagare gli interessi sul debito.
  6. Il calo del prezzo del petrolio, che ha lasciato la nazione senza la sua principale fonte di reddito.
  7. Bassa produzione di petrolio, di cui PDVSA soffre dal 2007 a causa di un errato piano di estrazione che ha portato all'abbandono dei suoi pozzi di petrolio leggero a favore dei suoi pozzi di petrolio pesante.
  8. Il calo della produzione agricola e zootecnica.
  9. I bassi salari della maggior parte della popolazione.
  10. Il massiccio esodo e l'immigrazione interna dei suoi abitanti.
  11. Un calo sostenuto della qualità dei servizi pubblici e privati ​​nella nazione.
  12. L'arrivo delle sanzioni dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea per la violazione dei diritti umani, sostegno al narcotraffico e terrorismo.

Di fronte a tutte queste situazioni, il governo ha scelto di lanciare il Petro ma, con sorpresa di molti, sotto forma di CBDC, con il presupposto che, essendo una valuta digitale, avrebbero potuto mantenerne il controllo, aggirare i blocchi degli Stati Uniti e avere a disposizione un mezzo di pagamento di portata internazionale. Con tutto questo in mente, iniziò la creazione del Petro per poter affrontare tutte le condizioni economiche negative della nazione.

Obiettivi dopo la creazione del Petro

Gli obiettivi che hanno portato alla creazione del Petro sono piuttosto complessi e diversificati. La verità è che ci sono diverse componenti, ma le più importanti sono le seguenti:

Una componente ideologica

Nel bel mezzo di una "Guerra contro l'imperialismo", una la "Lotta contro la guerra economica" e un "Dollaro criminale", il governo del Venezuela ha sollecitato la creazione del Petro, per rovesciare l'egemonia del dollaro e imporre un nuovo modello per i popoli. Nel bel mezzo di quella lotta, c'è la censura di siti come DolarToday (un sito web che mostra il prezzo del dollaro parallelo, prendendo come punto di riferimento il tasso di cambio usato in Colombia), lo stretto controllo dei tassi di cambio e la creazione della Legge sugli scambi illeciti, che ha penalizzato le transazioni in valuta estera. Questa componente ideologica è in linea con le pratiche che il governo ha applicato dal XNUMX ad oggi.

Un ripristino per l'economia

L'economia venezuelana si rispecchia nel tasso di cambio della sua valuta rispetto alle valute estere. Dal 2003, e nonostante il boom del petrolio, l'economia venezuelana è stata in declino ad eccezione dell'industria petrolifera, che ha sostenuto le spese della nazione. Tuttavia, da quel momento, i tassi di cambio del bolivar rispetto al dollaro sono aumentati vertiginosamente, al punto che si sono verificate due riconversioni. Nella prima riconversione (2007), 3 zeri sono stati rimossi dalla valuta e nella seconda (2018) ne sono stati rimossi 5. Nonostante queste misure, e altre che cercavano di fermare la valanga iperinflazionistica che si stava vivendo, la moneta continua a svalutarsi rapidamente, in mezzo a un'emissione incontrollata di denaro, voluta dallo stesso governo.

In questo scenario, la creazione del Petro ha cercato di fermare tutto questo, creando un doppio sistema di contabilità, che avrebbe dovuto frenare l'ascesa del dollaro. Il meccanismo era semplice, il Petro sarebbe stato usato in riferimento al dollaro e quel riferimento sarebbe stato ancorato a una certa quantità di Bs, rendendolo uno stabilizzatore economico. Questo avrebbe dovuto dare all'economia la possibilità di fare un "reboot "migliorato da altri piani del governo.

Evitare le sanzioni

Un altro obiettivo che ha portato alla creazione del Petro è stato quello di creare un meccanismo di scambio internazionale, per evitare sanzioni da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Europea. Secondo l'economista Vladimir Adrianza, l'obiettivo è trasformare il Venezuela in un'economia non dipendente dal dollaro.

“L'idea è che questo permetta al Paese di portare beni capitali, in altre parole macchinari, tecnologia, che favoriscano la produzione locale di quante più cose possibili (…) cioè un percorso che fornisca un bypass per cercare altre strade rispetto a quella che è l'economia dipendente dal dollaro USA "

Vladimir Adrianza, Economista dell'Università Centrale del Venezuela (UCV).

Dati tecnici Petro

Dei dati tecnici Petro conosciamo solo quelli che sono stati pubblicati nel suo whitepaper ufficiale. Oltre a ciò, non si sa assolutamente nulla: non ci sono dettagli sulla tecnologia crittografica, utilizzata nelle sue firme digitali, né sulla dimensione della sua blockchain, né su quanti nodi esistano sulla rete.

Chiaramente lo sviluppo del Petro è un segreto nazionale, infatti, al di là dei dati resi pubblici, non si sa nient'altro. Di tutti questi dati possiamo fornirvi un riepilogo nella tabella seguente.

Característica Descrizione
Nome Petro (PTR)
Protocollo di consenso PoS e PoW
Algoritmo di data mining X11
Blockchain privata
Conferma della transazione Blocchi 5
Tempo di emissione del blocco 60 secondi
Creazione di un Masternode 5000 PTR
Block Explorer https://explorador.petro.gob.ve/
Pre-minato 100.000.000 PTR
Ricompensa Masternode 0.001%
RPC Port Riservato
Staking 85 / 15
Misura del blocco  4 MB
Unità minima mPTR (0,000001) = 1 min.

Alla luce di questi dati è chiaro che Petro è basato sul software DASH. Strutture come nodi, minatori e masternodes sono una parte essenziale della rete Petro, ma tutti questi dati sono classificati dal governo e nessuno ha detto nulla di ufficiale al riguardo.

Ciò che è noto è che diversi governi, istituzioni e la Banca Centrale del Venezuela praticano l'estrazione di criptovalute, inclusi Petro e Bitcoin. Ancora una volta, però, i dati pubblici su queste azioni sono sconosciuti, nonostante siano svolti da istituzioni governative. Ed è proprio per questa ragione che dovrebbero essere resi noti pubblicamente.

Dove posso acquistare il Petro?

L'unico modo per acquistare il Petro è visitare il sito web ufficiale del Petro o le agenzie di cambio valuta venezuelane, abilitate per questo compito. L'acquisto può essere effettuato utilizzando direttamente criptovalute come Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Dash, euro, rubli o yuan. È anche possibile acquistare il Petro di persona presso l'unico botteghino nazionale, situato presso la sede SUNACRIP di Caracas.

Tra tutte queste, le agenzie di cambio di valuta più rinomate per l'acquisto di Petro sono:

  1. Italchange
  2. Amberes Coin
  3. Cave Blockchain
  4. Valoralta Brokerage House
  5. Cryptiaexchange
  6. Cryptolake
  7. Cryptoasset Bancar CA

Cercare di acquistare i Petro per altre vie è molto rischioso. Anche se c'è da dire che in queste agenzie si può correre il rischio di perdere i propri soldi, a causa di malfunzionamenti.

Le realtà del Petro: la “criptovaluta” che non è una criptovaluta

Nonostante il Petro sia una buona iniziativa, la verità è che lascia molto a desiderare. In questa sezione esamineremo come la dura realtà abbia portato il Petro ad essere un progetto da cui tutti passano e da cui tutti preferiscono stare alla larga. Prima di tutto c'è da dire che il Petro non è come il Bitcoin, cioè non è una criptovaluta, è un CBDC. Ma oltre a ciò, ci sono altre realtà che discuteremo di seguito:

Nessuno sa chi abbia sviluppato il Petro e non si conosce neppure la roadmap per migliorare la tecnologia

Nella comunità crittografica siamo abituati a sviluppi di criptovaluta con un gruppo di persone chiaramente identificate, anche con pseudonimi o identità digitali che usano per proteggere la loro vera identità. Queste persone hanno una certa responsabilità e hanno ruoli importanti nello sviluppo di queste criptovalute, ma soprattutto hanno accesso al codice sorgente della criptovaluta.

Tuttavia, per quanto riguarda il Petro non abbiamo niente di tutto ciò. L'unica cosa che si sa è che il Petro è stato creato da SUNACRIP, non ci sono nomi, non esiste un repository software e non si sa assolutamente nulla del suo reale funzionamento.

Il Petro è una valuta digitale completamente centralizzata, il cui sviluppo è completamente chiuso. Detto questo, vale anche la pena chiarire che, essendo il Petro uno sviluppo chiuso, viola la legge venezuelana, dato che gli sviluppi digitali della nazione devono essere a software libero, secondo proprio quanto stabilito dalla Legge sull'informazione governativa, nel suo articolo # XNUMX . Tuttavia, in SUNACRIP ignorano questo dettaglio e si rifiutano di fornire informazioni al riguardo.

Al momento non sono presenti interfacce aperte, né API con cui creare applicazioni da parte di terzi, che permettano di utilizzare il Petro. L'unica API attiva è un sistema di query sui prezzi e non si può dire che sia qualcosa di aperto o trasparente.

Dati falsi della prevendita e della sua ICO

Un fatto curioso sul Petro è legato alla prevendita e al Petro ICO. Nel caso della prevendita, questa apparentemente è iniziata il 20 febbraio 2018 alle 08:30 del mattino. In questa prevendita sono stati venduti un totale di 38.400.000 token disponibili con un valore di riferimento di 60 dollari ciascuno. In totale la prevendita ha raggiunto i 2,3 miliardi di dollari. Tuttavia, questi dati della prevendita non possono essere verificati in alcun modo e non ci sono prove che tali acquisti siano stati effettuati in qualche momento.

Il 20 marzo XNUMX, è stata effettuata l'offerta iniziale di monete di un token su Ethereum. A quel tempo, XNUMX petro furono offerti in vendita con un prezzo di vendita di riferimento di XNUMX dollari. Eppure non ci sono prove di questa vendita.

In assenza di prove sia per quanto riguarda i personaggi che ne dichiarano l'acquisto, sia per quanto riguarda i trasferimenti off-chain e on-chain, la comunità ha preso questi dati come un mero atto di propaganda per la valuta, niente di nuovo nelle ICO di criptovaluta.

Il Petro è uno Stablecoin?

Un altro punto curioso del Petro è se siamo di fronte a uno stablecoin o meno. Questa domanda trova risposta osservando il whitepaper della criptovaluta, dove viene stabilito il modo in cui viene fissato il prezzo della criptovaluta stessa.

Nel whitepaper possiamo vedere la seguente formula per calcolarne il prezzo:

La formula di Petro

La formula ci mostra come il prezzo del Petro reagisce ai prezzi delle materie prime che lo supportano, cioè il prezzo del petrolio, dell'oro, dei diamanti, del gas, del ferro e del coltan, che incidono sul suo vero valore.

Tuttavia, la realtà è molto diversa. Il presidente Nicolás Maduro ha modificato, a suo piacimento, il prezzo della criptovaluta, il suo metodo di calcolo e persino le politiche di ancoraggio ed emissione.

Una criptovaluta che non può essere estratta, anche se il suo whitepaper dice di sì

D'altra parte, il Petro è stato creato per consentire l'estrazione e lo staking di criptovaluta, che è chiaramente stabilito nel suo whitepaper. Tuttavia, tutti questi fattori sono cambiati a causa di un annuncio del presidente venezuelano Nicolás Maduro. Nell'annuncio, afferma che la moneta non può essere minata e che manterrà un prezzo stabile di 60 dollari a token, evitando così speculazioni sul prezzo della criptovaluta. Inoltre l'emissione sarà controllata direttamente dal gabinetto economico della nazione.

Un'unità di conto, due prezzi diversi e un approdo non raggiunto

Uno dei fatti più curiosi sul Petro è che cerca di diventare la valuta di uso quotidiano nel paese. In altre parole, il Petro è stato progettato per sostituire o coesistere con il bolivar come moneta a corso legale e unità di conto. Tuttavia, la valuta presenta seri problemi di usabilità, soprattutto a causa del prezzo della stessa, poiché in linea di principio ci sono due prezzi: un valore fisso e un valore libero.

In primo luogo, il valore gratuito del Petro aveva un valore iniziale di 3.600 bolívares nel novembre 2018. Questo valore in Bs è stato utilizzato come riferimento interno per i venezuelani e, a quel tempo, 3.600 Bs erano $ 60. Ma per agosto 2019, quel prezzo era di 700.000 bolivar, una svalutazione di oltre il 19.400% in valore in meno di un anno. E attualmente, nell'agosto 2020, il prezzo del Petro si trova a 17.988.193,92 bolivar, una svalutazione di oltre il 499.600% in meno di due anni. Questo è un chiaro segno che il prezzo a valore libero continua a segnare il profondo deprezzamento del B nei confronti di altre valute internazionali come l'euro, lo yuan, il rublo e persino contro lo stesso Petro.

Da parte sua, il prezzo fisso è stato eliminato nel 2020. Questo prezzo fisso era quello che definiva i pagamenti delle tasse e dei salari della nazione. Eliminando questa unità di conto, i salari dei lavoratori vengono lasciati in un limbo, perché non esiste un sistema di tabelle salariali chiaro per definire i salari. Ciò, tuttavia, ha influito solo sui salari, poiché le tasse e altri servizi statali vengono raccolti utilizzando il prezzo gratuito del Petro. Da qui l'enorme differenza di prezzo tra i servizi forniti dal Governo e lo stipendio della maggioranza dei lavoratori del Paese. In effetti, lo stipendio mensile medio di un lavoratore in Venezuela è di circa 8 dollari.

Un block explorer che non funziona

Il block explorer del Petro è stato un altro punto debole per la "criptovaluta". Dal 1970 tutto è possibile nell'explorer del Petro: errori costanti nel suo funzionamento, limitazioni di accesso, transazioni che non appaiono e transazioni fantasma che non hanno senso.

Blackout di Petro e bug nel browser e blockchain

Purtroppo l'evidenza di questo problema è stata soppiantata da un avvenimento peggiore, che spiegheremo di seguito.

Una criptovaluta che riavvia la sua blockchain

Quando parliamo di blockchain parliamo di una tecnologia altamente sicura, che ci dà la certezza che ogni transazione resisterà anche alla peggiore delle catastrofi, grazie alla sua decentralizzazione e al modo in cui questa tecnologia è stata progettata. Tuttavia, questa è una fantasia irraggiungibile con il Petro.

Alla fine di aprile del 2020, all'interno della piattaforma PetroApp è iniziata una serie di problemi, che hanno finito per influenzare il funzionamento della stessa e di tutti gli scambi. I problemi sono stati risolti nella prima settimana di maggio, ma molti utenti della valuta Petro (soprattutto quelli che avevano trasferito i loro saldi a PetroApp e alla Banca del Venezuela) hanno riferito che i loro saldi erano completamente scomparsi e che le loro transazioni non comparivano nella blockchain.

La comunità cripto venezuelana ha indagato sul fatto e ha scoperto cosa è successo: la blockchain Petro è stata resettata da 0. Qualsiasi transazione avvenuta prima del 6 maggio 2020 semplicemente non esiste. In effetti, tutti quei blocchi non sono mai esistiti, perché il nuovo blocco genesi della criptovaluta è del 5 maggio 2020. A causa di un singolo strano evento sono stati cancellati quasi due anni di storia della blockchain e nessuno ha segnalato quanto accaduto. Puoi accedere al blocco genesi Petro da qui, ma puoi farlo solo tramite una VPN con IP del Venezuela, perché questo sito web blocca l'accesso internazionale.

Petro explorer, prova del riavvio della blockchain

Il fatto è estremamente delicato, poiché molte di quelle colpite erano imprese che accettavano il Petro come forma di pagamento, proprio attraverso la Banca del Venezuela. E dopo questo fatto, la cronologia delle transazioni è stata cancellata, lasciando i commercianti senza il pagamento equivalente per la loro merce.

Una copia completa di DASH

D'altra parte, il Petro è, secondo il suo whitepaper, una copia di DASH, a tal punto che funzioni come X11 mining, InstantSend e Masternodes e il modello di staking seguono lo stesso sistema di lavoro DASH.

Nonostante ciò, le transazioni effettuate dalla PetroApp, l'unico portafoglio o portamonete del Petro, non utilizza InstantSend per eseguire operazioni istantanee tra le sue parti. Infatti, le operazioni petrolifere richiedono in genere una media di 5-10 minuti per diventare pienamente efficaci.

Exchange e spread di prezzo

Gli exchange sono un'altra bandiera rossa all'interno dell'ecosistema Petro. Esistono diverse agenzie di cambio di valuta che scambiano Petro con criptovalute come Bitcoin, Dash, Bitcoin Cash, Ethereum o anche valute legali come l'euro. Tra queste agenzie ci sono anche Criptolago (del governo di Zulia), Amberes Coin, Cryptia Exchange, Bancar e Cave Blockchain.

Tra questi uffici di cambio, l'unico che non presenta problemi nel suo funzionamento è Amberes Coin, dove si può prelevare la somma di denaro che si desidera e dove si può trovare anche un po' di liquidità. Ad ogni modo, il prezzo del Petro qui non supera i 4 milioni di bs, rispetto ai 13 milioni di cui parla il governo, per quanto riguarda il suo valore. Agenzie di cambio come Criptolago offrono invece prezzi di cambio migliori, ma limitano i prelievi a soli 300mila bs al giorno, che al momento equivalgono a poco più di 1 euro.

La valuta sanzionata

Il Petro è sicuramente la prima criptovaluta di una nazione, ed è anche la prima criptovaluta sanzionata al mondo. Il 19 marzo 2018 il governo degli Stati Uniti ha emesso una sanzione contro il Petro, stabilendo il divieto di operare con la suddetta criptovaluta.

La sanzione del governo degli Stati Uniti è stata rapidamente accompagnata da una reazione della comunità di scambio che l'ha rapidamente descritta come una truffa, a causa delle false informazioni che erano state fornite sulla sua prevendita e ICO. Tutto ciò ha fatto sì che la criptovaluta non venisse presa in considerazione per essere quotata nelle agenzie di cambio di valuta internazionali come Bit2Me.

La moneta incostituzionale e fuori legge

Un problema serio, che ha impedito ad altri uffici di cambio internazionali di prendere in considerazione la criptovaluta, è l'immenso vuoto normativo e il quadro giuridico incerto in cui viene gestito il Petro.

In primo luogo, l'esistenza del Petro è illegale perché la Costituzione venezuelana vieta l'uso delle risorse naturali della nazione come riserva passata, presente o futura dell'emissione di una valuta o unità di conto. Vale a dire che, il Petro non può essere sostenuto con emissioni di obbligazioni petrolifere come ha fatto il governo di Nicolás Maduro, perché è illegale nella nazione. Non solo, il processo con cui il Governo ha portato a termine tutte queste azioni infrange tutte le leggi della nazione ed è piuttosto un quadro giuridico parallelo, con vizi e zone d'ombra aperte all'interpretazione da parte dello Stato.

Questa è una situazione in cui nessun ufficio di cambio vuole trovarsi, perché si presta ad azioni che potrebbero ledere i suoi interessi economici nel caso in cui lo Stato intraprenda un'azione contro di essi.

Gli obiettivi della sua creazione non sono mai stati raggiunti

Forse il problema peggiore con il Petro come progetto è il fatto che nessuno degli obiettivi che hanno portato alla sua creazione è stato raggiunto.

In primo luogo, la sua componente ideologica è stata dimenticata. La lotta contro il "dollaro criminale" è arrivata al punto in cui il governo stesso chiede che le operazioni vengano eseguite con i dollari, come il pagamento della benzina nelle stazioni di servizio. Non solo, la maggior parte delle società pubbliche in qualsiasi loro forma, ora svolge operazioni di cambio in dollari, euro, bitcoin, petros e bolivar. Anche un'altra lotta ideologica contro i marcatori di prezzo paralleli, come DolarToday, è caduta nel dimenticatoio, soprattutto perché la stessa Banca Centrale del Venezuela ha stabilito, in diverse occasioni, un prezzo più alto di quel sito web per il dollaro ufficiale.

D'altra parte, la ripresa economica non è mai avvenuta. I piani del governo (chiamati motori economici) non hanno mai funzionato e la situazione economica del paese è diventata sempre più precaria. La stabilizzazione cercata con il Petro è stata mantenuta per un tempo prudente, ma gli aggiustamenti dei tassi di interesse e gli obblighi di riserva bancaria hanno gettato tutto a terra. Inoltre, gli alleati economici del Venezuela come Russia, Cina e India hanno rifiutato categoricamente di utilizzare il Petro per le loro transazioni, lasciando il Venezuela con milioni di valute che nessuno voleva usare. E si ricorda che se il Bitcoin ha successo è a causa dell'effetto rete che ottiene, dove milioni di persone accettano di usarlo. Questa è la cosa più importante.

Infine, evitare le sanzioni degli Stati Uniti e dell'Unione Europea si applicano solo a figure del Governo e di varie istituzioni che lo rappresentano, come il SEBIN, il CICPC e l'Esercito. In ogni caso, la maggior parte dei cittadini del paese ha la capacità di effettuare acquisti a livello internazionale, cosa che ha fatto e mantenuto, nonostante la ridotta economia, a causa del calo del prezzo del petrolio e della bassa produzione.

Enorme potenziale con cattiva direzione

Nonostante il grande potenziale del progetto e le intenzioni sulla carta, l'attuazione e il risultato sono stati un completo disastro. Un punto su cui molti attivisti nella comunità crittografica venezuelana sono stati molto enfatici è che il Petro aveva il potenziale per aiutare notevolmente la ripresa economica del paese.

Creare una criptovaluta con un modello economico ben definito, con uno sviluppo più aperto e una chiara roadmap evolutiva, aiuterebbe, senza dubbio, la criptovaluta a migliorare la sua presenza a livello nazionale e internazionale.

Inoltre, la creazione di un sistema aperto richiederebbe agli sviluppatori della comunità di affrontare i problemi di utilizzo di massa, costruendo una piattaforma finanziaria aperta e gratuita, che faciliti l'uso della criptovaluta. Un altro punto importante è che promuoverebbe l'innovazione tecnologica, creando strumenti e nuovi scambi.

Infine, un quadro giuridico chiaro, senza aree grigie, aiuterebbe altre borse estere e gli investitori a sentirsi sicuri di investire in piattaforme e servizi crittografici nella nazione.

Questi sono solo alcuni dei potenziali benefici che la community ha evidenziato, ciononostante la leadership dietro il Petro ha preso decisioni nella direzione opposta. Non solo hanno applicato più controlli, ma ne hanno lasciati molti nelle mani di organizzazioni di dubbio status giuridico. Ad esempio, SUNACRIP ha poteri legali giudiziali, che può utilizzare a sua discrezione senza che ci si possa appellare a tali decisioni.

In tal senso, il depistaggio e la gestione di una risorsa come una CBDC come Petro, con un potenziale di 30 milioni di utenti, avviene completamente via terra.

Gli Stati Uniti, il grande signore della guerra, con il monopolio del dollaro e buona parte dell'innovazione tecnologica mondiale, con la capacità di dire chi bloccare e chi no, portano molti paesi ad essere sottomessi o a mostrarsi. Chi si rivela ne paga le conseguenze. Questo è qualcosa noto a tutti e il Bitcoin offre una soluzione a tutto ciò. Petro, Dollaro, Euro,... tutto fa parte della stessa cosa: valute legali. Nonostante tutto, milioni di persone hanno lasciato il posto al Bitcoin, un denaro equo e trasparente, dove i politici non giocano con le nostre vite.