Mt.Gox è stato lo scambio più grande e importante al mondo di criptovalute, qui ti invitiamo a conoscere la sua storia di ascesa e caduta.

ENel 2010, il exchange scambio di criptovaluta Mt Gox, la cui sede era nella regione speciale di Shibuya, nella città di Tokyo, in Giappone. Dopo 4 anni dal suo lancio, Mt Gox si è affermata come una delle più grandi piattaforme di scambio di bitcoin al mondo. In effetti, è riuscito a gestire circa il 70% di tutte le transazioni effettuate in questa criptovaluta.

Ma a febbraio 2014, la società ha iniziato a riscontrare problemi e ha interrotto il commercio con criptovalute, affermando che più di 850.000 bitcoin sono stati violati dai loro account. Una somma che, ormai, rappresentava in media circa 470 milioni di dollari. Pertanto, più tardi nel mese di aprile, Mt Gox è stata costretta ad avviare il processo di liquidazione.

Ma cosa rendeva il Monte Gox così eccezionale? Perché la sua caduta in disgrazia? Tutto questo e molto altro lo saprai in questo nuovo articolo di Bit2Me Academy.

Gli inizi del più grande scambio di Bitcoin

Mt Gox è stata inizialmente fondata nel 2007 da un programmatore Jed McCaleb. A quel tempo funzionava come un portale online per lo scambio di lettere del noto gioco Magic: The Gatering. In effetti, il nome Mt Gox era un acronimo di "Magic: The Gathering Online eXchange."

Ma l'uso e lo scopo del sito inizierebbero a cambiare. Nel luglio 2010, McCaleb ne ha letto Bitcoin su Slashdot. Dopo aver appreso della criptovaluta, ha deciso che la comunità di bitcoin aveva bisogno di uno scambio. Questo in modo che i suoi utenti possano scambiare bitcoin e altre valute regolari. Pertanto, il 18 luglio, McCaleb ha lanciato il suo servizio di scambio e quotazione dei prezzi distribuendolo con il nome di dominio mtgox.com.

Tuttavia, entro marzo 2011, McCaleb ha venduto il Monte Gox al programmatore francese e appassionato di Bitcoin, Mark Karpeles. Fu Karpeles a servire come CEO di Mt Gox, diventandone il maggiore azionista.

Il periodo di massimo splendore del Monte Gox

Durante il suo periodo di massimo splendore, lo scambio Mt Gox ha portato il maggior volume di tutte le transazioni effettuate in bitcoin. Tant'è che ha avuto una grande influenza sulle decisioni e sul destino di questa criptovaluta, con oltre 127mila utenti attivi in ​​tutto il mondo.

Ma nel 2011, Mt Gox ha iniziato a presentare diverse vulnerabilità e gravi falle di sicurezza durante le sue operazioni. Questo lo ha reso un obiettivo chiave di vari hacker e hacker. Gli hacker hanno visto un'opportunità nello scambio per trasferire e rubare bitcoin attraverso l'uso di credenziali fraudolente. Ciò ha causato la perdita di centinaia di bitcoin durante quell'anno. Oltre a un forte calo dei prezzi dei Bitcoin all'interno della piattaforma, passando da $ 17 USD a pochi centesimi sul dollaro.

Anche se questo è stato senza dubbio un duro colpo per questo scambio, è stato solo nel 2014 che è caduto in una vera catastrofe. Allora 850.000 bitcoin sono stati hackerati e rubati dai loro account. Un fatto che ha completamente disturbato e destabilizzato il mercato Bitcoin come mai prima nella sua storia.

Un duro colpo

La chiave privata dello scambio Mt Gox è stata compromessa dal primo hack avvenuto nel 2011. In questo primo hack sono state utilizzate le credenziali di un auditor Mt Gox e il fatto ha interessato gli utenti per un totale di quasi 8,75 milioni di dollari. DOLLARO STATUNITENSE. Successivamente, nel 2013, sono state implementate nuove misure di protezione e sicurezza. Ciò ha reso la piattaforma ancora più popolare e ha aperto le porte a migliaia di nuovi utenti. Tuttavia, nulla di tutto ciò impedirebbe la scomparsa di oltre 2014 bitcoin nel febbraio 850.000.

Senza dubbio, questo è stato il momento peggiore nella storia per Bitcoin. Il più grande hack dell'exchange Mt Gox ha lasciato centinaia di migliaia di utenti senza un singolo satoshi disponibile. Fu in questo momento che il CEO Mark Karpeles ha dichiarato ai suoi utenti che c'era la possibilità che i bitcoin fossero stati rubati dalla piattaforma. E sebbene in seguito sia stato in grado di recuperare un totale di 200.000 bitcoin, gli oltre 20 utenti interessati di Mt Gox erano ancora pieni di incertezza, paura, sfiducia e rabbia per i restanti 650.000 bitcoin.

Prima che la società rendesse ufficiale la massiccia perdita di bitcoin, gli utenti dell'exchange hanno iniziato a presentare reclami sulla lentezza della piattaforma quando effettuavano i loro prelievi. Il che ha portato i tecnici a paralizzare tutte le transazioni e i movimenti all'interno della piattaforma. I tecnici hanno effettuato una valutazione che ha permesso loro di rilevare i guasti tecnici che hanno causato questo ritardo. Pertanto, in seguito, hanno indicato che questo ritardo era stato causato da a problema di malleabilità nelle transazioni fatto di Bitcoin. Implementazione di un piano di soluzione immediata per risolvere questo problema.

Ma pochi giorni dopo, la piattaforma di scambio Mt Gox ha sospeso tutte le sue operazioni e ha chiuso lo scambio. Allo stesso tempo che il suo CEO, il programmatore Mark Karpeles, si è dimesso dalla sua posizione di membro della Bitcoin Foundation e ha chiuso il suo account Twitter, cancellando tutti i suoi messaggi.

Il monte Gox e la sua truffa hanno portato molte persone a protestare per riavere i loro soldi

Il crollo e le sue conseguenze

Sia l'exchange Mt Gox, in qualità di CEO che più di 20mila utenti e clienti, sono stati gravemente colpiti da questo hack. Mark Karpeles è stato accusato di appropriazione indebita e manipolazione dei dati dalla giustizia giapponese. I tribunali giapponesi hanno chiesto che il CEO fosse condannato a 10 anni di carcere. Anche se dopo 11 mesi è riuscito a uscire su cauzione ed era in attesa di processo. Dove è stato successivamente dichiarato innocente di tutte le accuse contro di lui.

Ad oggi, c'è una grande controversia intorno al Monte Gox e molti ricordano ancora questo brutto periodo. La maggioranza in attesa del rimborso dei propri beni persi e del chiarimento del caso Mt Gox, in cui sono stati coinvolti altri attori, come il russo Alexander Vinnik, gestore della casa di cambio BTC-e (piattaforma chiusa dalla Polizia).