I token sono una delle creazioni più essenziali della tecnologia blockchain e delle criptovalute, racchiudono caratteristiche uniche e aprono le porte ad applicazioni che dobbiamo ancora scoprire.

EIl concetto di token è forse uno dei concetti più comunemente visti nella letteratura di criptovalute. Questo perché questi elementi spiegano molte delle sfaccettature della natura intrinseca delle criptovalute e allo stesso tempo descrivono in dettaglio le loro enormi possibilità. Una definizione semplice e approssimativa di cos'è un token voluto:

I gettoni sono oggetti simili alle monete ma non hanno corso legale. Ciò è dovuto al fatto che i token sono emessi da un soggetto privato per un uso specifico e la loro elaborazione normalmente utilizza materiali di scarso valore.

Questi ci dicono due cose sui token: la loro creazione nasce nel mezzo di un'esigenza privata e hanno poco valore. Tuttavia, il valore dei token può essere molto alto all'interno della comunità che li utilizza, dove tutti sono d'accordo con il loro utilizzo. Questo è esattamente ciò che accade nelle criptovalute, dove i token come Bitcoin sono ampiamente accettati e rappresentano un valore elevato. In effetti, il lancio e la presentazione dei token è diventato molto popolare, essendo un elemento elementare del Offerta iniziale di monete (ICO).

Ma oltre a ciò, i token hanno la capacità di cambiare il mondo come lo conosciamo. Le sue proprietà ci permettono di sfruttare una serie di possibilità inimmaginabili e da qui l'importanza di conoscere ogni aspetto di questo concetto poco conosciuto.

Origine dei gettoni

Storicamente, i token erano token, pseudo-valute o voucher che venivano usati in sostituzione del denaro fiat.. Questi avevano un certo valore all'interno di un certo ecosistema in cui tutti erano d'accordo con il loro uso e scambio. Alcuni esempi di gettoni oggi sono le fiches del casinò. Un altro buon esempio sono state le monete che sono state date ai minatori alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo. Questa pratica era molto comune negli Stati Uniti in quanto consentiva ai minatori di acquistare articoli presso il commissario dell'azienda.

Tuttavia, quei vecchi gettoni erano facilmente contraffatti e controllati da un'entità che poteva trasmetterne quanti ne voleva. Ciò significa che questi primi token non erano molto trasparenti ed equi. Praticamente la tecnologia dei token è rimasta invariata fino all'arrivo della tecnologia blockchain. Questo grazie al fatto che un token basato su tecnologia blockchain eredita alcune delle caratteristiche delle criptovalute. Questi includono la tracciabilità, la sicurezza e l'impossibilità di falsificazione.

Ciò ha aperto la possibilità di creare token altamente sicuri e affidabili, consentendo ad aziende e privati ​​di generarli per usi diversi. Al momento, la generazione di token crittografici o token blockchain è in piena espansione, tutto grazie alla sicurezza e alla flessibilità che forniscono.

Token crittografici

Una particolarità di questi token crittografici è che sono tutti basati su blockchain di terze parti. I primi crypto token furono sviluppati sulla blockchain di Bitcoin e furono chiamati Monete colorate. Essendo una delle piattaforme di creazione più conosciute Counterparty.

Ma oggi ci sono molte blockchain che ti permettono di creare token. Per esempio Onde, TRON, NEM, Omni... ma senza alcun dubbio Ethereum è la piattaforma per eccellenza. Questo perché permette di sviluppare a Smart Contract per creare un token rapidamente e facilmente. Ethereum è forse la blockchain più prolifica per il numero di token che si trovano su di essa. Ha più di 180mila Gettoni ERC-20 diverso e più di 1300 Gettoni ERC-721.

Questa situazione è stata determinata dalla creazione degli standard ERC-20 e ERC-721. Entrambi consentono la rapida creazione di token sulla blockchain di Ethereum associando smart contract ad essa.

Quanto sai, Cryptonuta?

I token crittografici possono esistere senza la necessità della blockchain?

FALSO!

Un token crittografico ha la sua esistenza esclusivamente su una blockchain, poiché senza questa tecnologia sarebbe impossibile rispettare le necessarie proprietà di sicurezza, tracciabilità e trasparenza.

Tipi di token crittografici

All'interno della categoria generale "token", possiamo trovare 3 sottotipi basato su le sue proprietà e usi:

  1. Security Token. Si tratta di token crittografici simili a qualsiasi altro token noto ma legati alla sicurezza tradizionale e alle sue caratteristiche.
  2. Token di utilità. I token di utilità sono token dell'applicazione o token utente. Consentono l'accesso futuro a prodotti o servizi offerti da un'azienda. Pertanto, i token di utilità non vengono creati per essere un investimento.
  3. Token azionario. I token di equità sono un tipo di token molto speciale strettamente correlato ai token di sicurezza. Funzionano come un asset azionario tradizionale. Rappresentano la proprietà di un bene o di una società terza. Inoltre, il suo valore è associato al successo o al fallimento di quella proprietà.

Le tre tipologie di token sopra citate consentono a chi li utilizza una serie di strumenti di finanziamento su misura per le proprie esigenze. Infatti, grazie a questa flessibilità e alla sua elevata integrazione con la tecnologia blockchain, alcuni progetti scelgono di lanciare token per il finanziamento per poi trasformarli nella propria blockchain. Questo sarebbe il caso di Ethereum, NEM o TRON.

Ovviamente devi stare molto attento. La facilità di lancio dei token ha significato anche la comparsa di molti token senza alcun tipo di valore o con il solo scopo di truffare. Come le criptovalute, i token crittografici possono essere scambiati in borsa. Quindi il suo prezzo può aumentare o diminuire a seconda della domanda e dell'offerta. Il che ovviamente è influenzato dalle aspettative e dalla reale evoluzione del progetto a cui è legato il token.

Questo articolo fa parte di tokenizzazione del corso gratuito, NFT e ICO.

Accedi al corso, acquisisci una conoscenza approfondita dei token e ottieni il tuo Diploma certificato di Bit2Me.