Craig Wright è uno dei personaggi più controversi nel mondo delle criptovalute. Ciò a causa delle ripetute affermazioni di essere l'identità dietro il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto. Nonostante ciò, la sua storia e le prove che ha presentato a sostegno delle proprie parole gli hanno fatto guadagnare l'ampia sfiducia della comunità e il titolo di "Faketoshi".

UUno dei personaggi più sorprendenti nel mondo delle criptovalute è Craig Steven Wright, uno scienziato informatico e uomo d'affari australiano che afferma di essere la persona dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, senza dimostrare chiaramente che lo è.

Tuttavia, la vita di Craig Wright è piena di eventi con l'obiettivo di essere al centro della scena ovunque desideri. In questo post di Bit2Me Academy, conoscerai un po' su una delle persone più controverse nel mondo delle criptovalute: Craig Wright.

Gli inizi di Craig Wright

La vita di Craig Wright inizia nell'ottobre 1970, nella città di Brisbane, in Australia. Poco si sa sui suoi primi anni di vita. Ciò che si sa è che Wright si è diplomato al liceo nel 1987 al Padua College di Brisbane.

Da quel momento in poi, si sa poco sulla vita di Wright. Tuttavia, nel 2003, alla Charles Sturt University (UCS), Wright ha iniziato a lavorare come accademico aggiunto e ricercatore presso questa università. Fu lì che Wright ottenne due lauree. La prima nel 2006 in "Tecnologia dell'informazione e della comunicazione" e la seconda nel 2009, in "Sicurezza dei sistemi informativi".

Parallelamente, Craig Wright ha frequentato la Northumbria University dal 2005 al 2008. Lì si è laureato in "Giurisprudenza nel commercio internazionale" con lode. Ha anche studiato all'Università di Newcastle dal 2006 al 2009, dove si è laureato in "Statistiche".

I suoi primi lavori

Da quanto è noto pubblicamente, Wright ha lavorato nella tecnologia dell'informazione per diverse società, tra cui OzEmail, K-Mart e della Borsa australiana. Ha anche lavorato come consulente per la sicurezza per Mahindra e Mahindra. È stato anche responsabile dei sistemi informativi per la società di revisione BDO Kendalls.

Tuttavia, nel 2004, Wright è stato condannato per oltraggio dalla Corte Suprema del New South Wales, per un problema lavorale. La condanna è stata di 28 giorni di carcere per aver violato un'ingiunzione che gli ha impedito di avvicinarsi ai clienti di Sistemi di sicurezza informatica DeMorgan, da cui si è dimesso nel 2003. Ciò è dovuto al fatto che Wright perseguitava questi clienti presentando proposte commerciali parallele e disoneste. Tuttavia, la pena è stata sospesa a condizione di svolgere 250 ore di servizio alla comunità. Dopo aver presentato ricorso contro la decisione, la sentenza è stata confermata nel 2005 e riconfermata in un altro appello alla High Court of Australia nel 2006.

Successivamente, Wright è diventato l'amministratore delegato dell'azienda tecnologica. Hotwire Preemptive Intelligence Group (Hotwire PE). Questa azienda voleva lanciare Denariuz Bank, la prima banca bitcoin al mondo, ma trovò difficoltà normative con l' Ufficio delle imposte australiano e ha fallito nel 2014. Wright è il fondatore della società di criptovaluta DeMorgan Ltd., che ha affermato di aver ricevuto 54 milioni di dollari australiani in incentivi fiscali tramite AusIndustry.

2015, l'anno in cui ha annunciato di essere Satoshi Nakamoto

Poco dopo il suo fallimento nel creare la prima banca Bitcoin, la vita di Wright prende una svolta. Nel 2015, dopo diverse indagini alla ricerca dell'identità di Satoshi Nakamoto, squadre di Wired y Gizmodo, suggeriscono che Craig Wright sarebbe l'identità dietro questo pseudonimo. Tuttavia, l'informazione è stata successivamente negata con questi mezzi.

Successivamente, il 2 maggio 2016, il BBC y The Economist articoli pubblicati sostenendo che Wright aveva firmato digitalmente i messaggi utilizzando chiavi crittografiche create durante i primi giorni di sviluppo di Bitcoin. Negli articoli si diceva questo "Le chiavi sono inspiegabilmente legate a blocchi di bitcoin che Satoshi Nakamoto ha creato o estratto". Stranamente quello stesso giorno, un post sul blog sul sito www.drcraigwright.net ha associato Wright a Satoshi e ha pubblicato un messaggio con una firma crittografica allegata.

Successivamente, il ricercatore di sicurezza Dan Kaminsky, lo sviluppatore di bitcoin Jeff Garzik, Jordan Pearson e Lorenzo Franceschi-Bicchierai testimoniano che Wright era una semplice messa in scena. Nella denuncia chiariscono che Craig Wright ha semplicemente riutilizzato una vecchia firma di un transazione bitcoin realizzato nel XNUMX da Satoshi.

A seguito di questi eventi, le promesse di Wright di"Mostrare prove straordinarie" caddero nell'oblio. In tutte le occasioni successive, Wright ha rifiutato (e rifiuta ancora) di mostrare chiaramente che lui è davvero Satoshi Nakamoto. E per raggiungere la sua missione, creerebbe il più grande cerchio di bugie noto al mondo delle criptovalute.

A questo punto sarebbe iniziata la lotta tra i fatti reali e quelli di fantasia creati da Craig Wright. Una lotta che lo lascerebbe chiaramente agli occhi della comunità, per quello che è, una frode. Tuttavia, Craig Wright avrebbe scritto nella sua storia altri eventi che avrebbero segnato il mondo delle criptovalute.

Craig Wright e il suo ruolo nella creazione di Bitcoin Cash

La presenza di Craig Wright in Bitcoin è disapprovata. I suoi tentativi di proclamarsi il creatore di Bitcoin non sono stati né sono ben accolti dalla comunità. Ciò ha generato avversione alla sua presenza in molti spazi. Tuttavia, un piccolo gruppo di persone ha creduto la sua storia. Questo ha permesso a Wright di costruire un piccolo esercito di persone che lo hanno seguito con fedeltà e attivismo.

Non sono stati pochi gli eventi che hanno creato attriti tra la comunità Bitcoin contro Wright e i suoi seguaci. Ma i più importanti sono stati gli eventi di consultazione per trovare soluzioni di scalabilità in Bitcoin. Tra l'idea di aumentare o meno la dimensione del blocco di Bitcoin, è stata generata una controversia in Bitcoin che Wright e il suo entourage hanno gestito a loro favore.

A seguito di quelle controversie tra cui l'applicazione di SegWit, la modifica della dimensione del blocco e Sostituzione con tariffa (RBF) , la comunità Bitcoin si è divisa. Progetti come Bitcoin Unlimited e Bitcoin XT, erano il riflesso di quella separazione, che alla fine si è conclusa con il Forchetta dura di Bitcoin e la creazione di Bitcoin Cash (BCH).

Rapidamente, Craig Wright si schierò con Bitcoin Cash e iniziò ad attirare masse facendo la stessa affermazione non dimostrata. "Craig Wright è Satoshi Nakamoto e Satoshi Nakamoto usa Bitcoin Cash, il vero Bitcoin". Insieme a lui, personaggi importanti del settore come Roger Ver, Calvin Ayre, Jihan Wu, il programmatore di computer John McAfee e persino lui stesso Gavin Andresen si unirono a questo pensiero.

La nascita di Bitcoin Cash

Con la nascita di Bitcoin Cash l'obiettivo era chiaro: distruggere lo sviluppo di Bitcoin. Per fare ciò, avrebbero fatto sembrare che Satoshi Nakamoto (sostenendo che Craig Wright fosse Satoshi) avesse rifiutato il percorso intrapreso da Bitcoin. Così, il 1 agosto, Bitcoin è stato diviso, è nato Bitcoin Cash, una nuova criptovaluta con una propria blockchain.

La strategia si è dimostrata funzionale e Wright ha potuto vedere l'enorme potere che le sue parole avevano in quel momento. Quindi, insieme a Calvin Ayre, ha mantenuto l'idea di essere davvero Satoshi Nakamoto, qualcosa da cui personaggi come Roger Ver volevano disimpegnarsi rapidamente. Il germe di separazione che ha portato Wright al suo altro evento di impatto nel mondo delle criptovalute sarebbe quindi nato.

La creazione di Bitcoin Cash Satoshi Vision (BSV)

Poco dopo la creazione di Bitcoin Cash iniziano i problemi interni. Craig Wright ha cercato di rilevare il progetto imponendo che lui, essendo Satoshi Nakamoto, fosse il più adatto a dirigerlo. Questo, tuttavia, non piaceva a personaggi come Roger Ver, che lo chiamò subito "frode".

La lotta interna è continuata su Bitcoin Cash e non ci è voluto molto perché Wright applicasse la stessa strategia che aveva usato su Bitcoin, dividendo Bitcoin Cash in due. Entro il 15 novembre 2018, Bitcoin Cash si divide, dando vita a Bitcoin Cash ABC (BCH) e Bitcoin Cash SV (BSV). La nascita di Bitcoin Cash SV è stata uno sforzo di figure come Calvin Ayre, Craig Wright, Ryan X Charles, che hanno messo tutti i loro sforzi nella realizzazione del progetto di cui Wright era entusiasta da quasi un anno.

Da allora, Craig Wright ha raggiunto il suo primo obiettivo: avere una criptovaluta sotto il suo controllo. Tuttavia, ciò non eclissa il resto della sua storia, anzi, lo ha reso un personaggio pubblico oggettivo.

Primi segni di frode e prove che Craig Wright non è Satoshi Nakamoto

Dire che Craig Wright non è Satoshi Nakamoto non è qualcosa da prendere alla leggera. Infatti, affermando che è fatto sulla base della vasta ricerca che la comunità ha fatto su questo personaggio.

Fatti che vengono alla luce grazie alla fama acquisita da Craig Wright, che ha portato l'attenzione degli investigatori privati ​​e della comunità. Fu allora che i primi segni di frode iniziarono ad apparire durante la carriera di Wright. In questo senso, ti daremo una visione abbastanza completa delle cose che Craig Wright ha fatto e che distruggono tutto ciò che dice.

Adulterazione del suo blog per far credere che inventò Bitcoin

Una delle prove che Craig Wright sostiene per difendere la sua paternità di Bitcoin, è supportata dai suoi post sul suo blog personale. Tuttavia, è dimostrato che Wright ha manipolato il suo blog personale per far credere questo.

Una visita al Web Archive ci mostra che Craig Wright ha modificato il contenuto del suo blog in data Maggio XNUMX XNUMX . Più specificamente, ha modificato un articolo del XNUMX agosto XNUMX, denominato "Stasera" . Lo stesso Web Archive, ha uno screenshot del fileGiugno XNUMX XNUMX , dove non vengono mostrate le modifiche in cui viene attribuito a Wright un'opera "sulle criptovalute". Ciò dimostra che Wright non stava lavorando su questo tipo di tecnologia in quel momento e che le informazioni che offre sono false.

Falsificazione e manipolazione delle firme digitali

Molti potrebbero pensare che falsificare una firma digitale sia impossibile, e in una certa misura lo è. Tenendo conto di ciò, Craig Wright voleva sfruttare i punti deboli noti delle firme digitali per falsificare due volte le firme digitali e quindi far credere alle persone che fosse Satoshi Nakamoto.

Entrambe le volte ha usato un metodo piuttosto povero per farlo. Questo metodo consiste nel modificare la data e l'ora del computer per generare una firma digitale valida risalente all'anno 2008, quando Satoshi Nakamoto stava sviluppando il suo lavoro. È semplice, se si modifica la data del computer nell'anno 2008 e si genera una firma digitale PGP (o GPG), la firma prenderà la data falsa e la utilizzerà per generare una firma valida per quella data falsa. Quando Craig ha presentato le sue false firme ai giornalisti della BBC, Wired e Gizmodo, essi sono rimasti sbalorditi. Tuttavia, ci sono sempre tracce lasciate, così come parti che semplicemente non possono essere falsificate a causa della loro relazione crittografica.

Uno scienziato informatico con lo pseudonimo di Milburn ha smascherato tutto questo. Milburn prese la firma presentata da Craig Wright, segmentò i suoi dati e trovò qualcosa di molto curioso. La versione di PGP incorporata nei dati della firma era una versione che non esisteva nel 2008, ma era più recente. Anzi, c'erano prove inconfutabili di manipolazione binaria nelle firme. Inoltre, le firme che Craig Wright assicura sono del 2008, utilizzano algoritmi che a quella data non esistevano nel software OpenPGP. Ciò mostra chiaramente che Craig Wright ha manipolato le firme digitali in quelle occasioni falsificando i dati.

Oltre a questo, è disponibile una guida passo passo replicabile realizzata da Hoaxchain, per smascherare questo fatto.

E-mail false, molte e-mail false

Un altro punto che Craig Wright utilizza per supportare la sua affermazione sono le e-mail in cui presumibilmente comunica con Hal Finney, Dave Kleiman e altre personalità che lavorano su Bitcoin.

Tuttavia, tutte queste e-mail sono state riviste e la maggior parte di esse sono false. Dalle e-mail inviate al passato, e-mail inviate a domini inesistenti, alterazioni temporali e vari e-mail con altri segni di manipolazione dei dati. Ti chiederai sicuramente Come possono manipolare un'e-mail? Ebbene, la realtà è che è abbastanza semplice, da lì che l'e-mail non è un mezzo sicuro per condividere le informazioni poiché è facilmente manipolabile, e quindi suggeriscono di utilizzare le e-mail con sistemi come PGP.

Transazioni Bitcoin che non sono tue

Craig Wright sostiene che dato che è Satoshi Nakamoto, ha sotto il suo controllo circa 1 milione di Bitcoin. Per dimostrare ciò ha dichiarato che indirizzi come:

  1. 1933phfhK3ZgFQNLGSDXvqCn32k2buXY8a (~ 110 mila BTC)
  2. 12hRmmSda9qSSEH656zBaKEbeisH6ZhdTm (~ 335 mila BTC)
  3. 12C9c9VQLMrLi4Ffzq2wDvwrKnUPaAaNFp (250 mila BTC)

sono davvero indirizzi sotto il suo controllo.

Tutto ciò è stato negato da WizSec , un team di sicurezza informatica blockchain specializzato in Bitcoin. L'indagine del team ha smentito tutte queste affermazioni mostrando che quegli indirizzi, e altri che ha menzionato, non sono di Craig Wright. Anzi, questi indirizzi provengono da Mt Gox , dal suo fondatore Jed McCaleb e dal suo ultimo proprietario, Mark Karpeles.

Viste le ricerche e i dati forniti, Craig Wright, ha evitato di continuare a parlare su quegli indirizzi. Un altro esempio più recente è stato riportato in questo Tweet:

Stranamente la nuova storia degli avvocati di Craig Wright rompe la storia secondo cui i fondi di Craig Wright, come Satoshi, sono bloccati nel Tulip Trust, e non sotto il suo controllo. Ma non solo, il documento presentato dai suoi avvocati lo colloca nel mirino della Rapina al Monte Gox, poiché l'indirizzo rivendicato è l'indirizzo utilizzato dall'hacker per eseguire questa azione.

Nessuna capacità tecnica

La comunità crittografica è consapevole che Satoshi Nakamoto, se è una persona sola, è qualcuno con molte conoscenze. Se è un gruppo, è allora un gruppo molto ben preparato sia in crittografia, come in economia e teoria dei giochi. Tuttavia, Craig Wright non ha mai mostrato tali talenti. In effetti, nemmeno chi Craig Wright indica come la mano esecutrice Bitcoin, Dave Kleiman, soddisfa del tutto quel profilo.

Tra le principali mancanze di competenze di Craig Wright ci sono:

  1. Non è mai stato visto criptare. In nessun momento Craig Wright ha preso appunti su codice, e nei momenti in cui ne ha parlato, non è stato in grado di spiegare le cose basilari della programmazione (come la differenza tra unsigned/signed integer). Questo può essere visto in un video che nChain (la società di Wright) ha pubblicato su Internet e dove viene mostrata la sua scarsa conoscenza nell'area.
  2. Oltre a questo, Craig Wright non ha Github, né ha mai dato un singolo contributo al codice Bitcoin, Bitcoin Cash o Bitcoin Cash SV. Un'altra dimostrazione è data dalle modifiche che "ordina" di effettuare in BSV, dove anzi, alcune mettono a rischio il funzionamento della blockchaine sono chiuse per questo.
  3. Craig Wright afferma di aver programmato Bitcoin su un Mac, ma Satoshi Nakamoto è noto per utilizzare Windows per la programmazione. Infatti, lo stesso Satoshi Nakamoto ha chiesto a Lazlo Hanyecz (l'uomo che ringraziamo per il Pizza Day) di programmare il cliente per MacOS. Questo perché lui (Satoshi) non aveva un Mac e non sapeva come programmare per quel sistema. Da qui la risposta che le librerie di programmazione Bitcoin originali erano per Windows e il suo cliente supportava questo sistema sin dall'inizio. Sì, Bitcoin è nato dalle viscere di un sistema operativo privativo, almeno ironico.
  4. Craig Wright non ha mai spiegato come avrebbe potuto realizzare l'impresa di minare il blocco Genesis. Né ha spiegato perché ci sono voluti sei giorni per minare il secondo blocco, né ha spiegato il file "Motivo Patoshi" di tutti i suoi blocchi minati insieme ai contrassegni speciali del nonces in quei blocchi. Questo è importante perché il puzzle di quei blocchi non è stato spiegato da nessuno in più di 10 anni. Voglio dire, è qualcosa che Satoshi e solo Satoshi può spiegare.
  5. Craig Wright ha affermato in diverse occasioni che Bitcoin Script è Full Turing, quando non lo è. In effetti, il documento ha diversi errori di codifica di base.
  6. Gli sviluppi di NChain in Bitcoin Cash sono stati realizzati da una società sotto contratto, chiamata FloweeTheHub. Infatti, lo stesso team di nChain ha detto che Wright non ha conoscenze di base in tecnologia blockchain né in matematica.
  7. Craig Wright ha dimostrato di avere un livello di matematica molto scarso. Ciò era evidente in un'analisi di un articolo su SegWit, che è stato fatto a pezzi da Paul Sztorc, in alcuni messaggi ancora disponibili in Twitter. Questo è rilevante perché il sostentamento di tokenomics e la crittografia che supporta Bitcoin sin dal suo inizio si basa sulla matematica di questo livello.
  8. Wright ha mostrato poca comprensione del codice Bitcoin, codice che secondo lui ha scritto lui stesso. Ciò era evidente in un evento di domande e risposte su Slack, in cui il log della conversazione fu condiviso su Pastebin.
  9. Così come non capisce il codice Bitcoin, non sa come funzionano le firme digitali, la crittografia asimmetrica. Questo fu evidente in un confronto su Reddit, dove ha semplicemente rifiutato di rispondere o ha semplicemente riconosciuto il suo errore.
  10. È stato colto in flagrante nel plagio di vari documenti tecnici. Uno di questi documenti è del creatore del file wallet o portafoglio Exodus, chi ha denunciato il fatto pubblicamente. Ha persino plagiato per fare la sua tesi e altri documenti.

Caso contro Ira Kleiman

L'evento più contro Craig Wright e la sua pretesa di essere Satoshi Nakamoto, è il caso legale contro Ira Kleiman, fratello dell'ormai defunto Dave Kleiman, che secondo Craig Wright, lo ha aiutato in una certa misura a creare Bitcoin. Con questo caso, Ira Kleiman cerca di rivendicare la fortuna di circa 500mila BTC e i diritti intellettuali di suo fratello, che sarebbero nelle mani di Craig Wright.

Questo caso, che ora ha due anni (iniziato a febbraio 2018), ha messo Craig Wright contro il muro più volte. In un primo momento, Wright non è stato in grado di dimostrare al Giudice di essere davvero Satoshi Nakamoto. Inoltre, l'indagine degli avvocati di Ira Kleiman ha rivelato che Craig Wright ha praticamente falsificato tutti i documenti che ha presentato.

In linea di principio, Craig Wright aveva contraffatto un presunto contratto che Dave Kleiman aveva firmato in cui ha dato tutto a Craig Wright. Le indagini del tribunale e degli avvocati hanno chiarito che i documenti erano stati falsificati nella loro interezza, in gran parte perché le firme note di Dave Kleiman non avevano nulla a che fare con le firme mostrate sui documenti di Wright. Questa offesa ha portato il Giudice a decidere che Craig Wright avrebbe dovuto consegnare i 500mila BTC a Ira Kleiman, se fossero stati in suo possesso.

La nascita e la morte del Tulip Trust

Craig Wright ha affermato davanti all'ordine del Giudice che ciò sarebbe stato impossibile, perché le chiavi private non erano sotto il suo controllo. Invece, tutto era in un crypto trust chiamato Tulip Trust. Questo trust è protetto da uno schema multi-firma del tipo di schema Shamir, e poiché Dave Kleiman ha perso le sue chiavi alla morte, "Non è stato possibile recuperare la sua parte di denaro". Questo mostra la profonda ignoranza di Wright su come funziona lo schema Shamir, poiché se una qualsiasi delle chiavi viene persa, lo schema non può mai essere aperto, con la totale perdita di informazioni al suo interno.

Prima della sua nuova creazione, Craig Wright ha presentato innumerevoli documenti sul Tulip Trust, il trust protetto da uno schema di chiavi Shamir, con tre chiavi condivise. In un primo momento, Craig Wright ha difeso e affermato l'esistenza di questa fiducia, affermando anche l'esistenza di tre di loro, insieme ai documenti che ha presentato in Tribunale. Tuttavia, lo stesso Craig Wright ha commentato che tutto ciò era falso e che il Tulip Trust non era mai esistito e che le chiavi di Bitcoin sarebbero state in suo possesso a gennaio 2020.

Tuttavia, nulla di tutto ciò è accaduto e Craig Wright non è stato ancora in grado di dimostrare se ha il controllo delle chiavi private, mentre Ira Kleiman continua a premere per i 500mila BTC di suo fratello che presumibilmente ha il controllo di Wright. .

Il contrario delle indicazioni di Satoshi Nakamoto

Recentemente Craig Wright ha presentato una serie di 20mila indirizzi Bitcoin che rivendica come propri, indirizzi che vanno dal primo a ricevere il primo coinbase di Bitcoin, fino all'ultima volta che Craig Wright afferma di aver estratto Bitcoin come Satoshi Nakamoto.

Tuttavia, molti di questi indirizzi non sono effettivamente sotto il suo controllo (come Mt Gox). E le cose stanno peggiorando per Wright, da poco tempo uno degli indirizzi che rivendica come propri ha spostato i 50 BTC che aveva trattenuto. Successivamente, Wright ha assicurato che questo indirizzo non è il suo, negando così i documenti che aveva inviato al Tribunale nel caso contro Ira Kleiman, documenti in cui lui ei suoi Avvocati hanno aggiunto detto indirizzo come loro proprietà. Un'altra nuova ed epica zasca che, per la community, è solo un motivo in più per definirla una frode.

Le cose sono peggiorate ancora, quando un totale di 145 indirizzi Bitcoin hanno firmato digitalmente un messaggio congiunto utilizzando 145 indirizzi che Craig Wright afferma come propri. Il messaggio è ancora attivo in un file "Paste" della piattaforma Debiane che può essere verificato liberamente.

Questa è senza dubbio la prova che più evidenza che Craig Wright falsifica i dati e fa affermazioni non supportate. La fine di questo caso non è vicina, ma la sua fine sicuramente mostrerà a tutti noi chi è veramente Craig Wright.

Altre accuse

Colpevole di plagio per il suo lavoro di dottorato

Qualcosa che Craig non si sarebbe mai aspettato è che la sua vita sarebbe stata analizzata in dettaglio. A causa di ciò, sono state scoperte frodi del suo passato. È il caso dell'evento che ruota attorno al suo lavoro di dottorato "La quantificazione del rischio dei sistemi informativi" o "Quantificazione dei rischi nei sistemi informativi". Ulteriori indagini su questo lavoro hanno scoperto che Craig lo aveva plagiato.

L'evento ha portato l'Università a ignorare il lavoro. Il link di rilievo per la pubblicazione sul sito web dell'Università era rimosso. Tuttavia, un collegamento archiviato è ancora conservato all'interno Web Archive.

Il denunciante di queste affermazioni era l'utente @Paintedfrog, che ha reso pubbliche le sue scoperte e prove inconfutabili su Twitter e il suo blog su Medium. Medium, essendo uno spazio noto per censurare le informazioni, ha lasciato questo argomento libero a causa della qualità delle indagini e della quantità di prove mostrate contro Craig Wright.

Tutto ciò rende qualcosa di molto chiaro, Craig Wright non è una persona affidabile. In più e ripetute occasioni ha dimostrato di aver semplicemente cercato l'attenzione del mondo delle criptovalute per i propri interessi indipendentemente da qualsiasi altra cosa.