Attivista per i diritti civili, femminista e hacker, Jude Milhon è un'altra delle donne che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell'informatica in tutto il mondo. Jude era un mito di vita, al punto da essere conosciuta come "Sta. Jude, la protettrice degli hacker ”.

Conosciuta come "La santa protettrice degli hacker" o St. Jude, Jude Milhon è nata il 12 marzo 1939 a Washington DC. Era una rinomata programmatrice, attivista e sostenitrice dei diritti alla privacy sul web. È stata una delle prime donne a farsi conoscere nel mondo del cyberspazio.

La maggior parte della sua infanzia e adolescenza è stata trascorsa ad Anderson, nell'Indiana. Lì, Milhon avrebbe mosso i suoi primi passi come combattente e attivista per i diritti civili, per poi diventare una prolifica hacker e attivista per i diritti digitali.

Inizio del suo attivismo

Fin dalla sua adolescenza, Milhon è stata strettamente associata all'attivismo per i diritti civili. Circostanze che l'hanno portato a diversi arresti da parte della polizia. Tuttavia, questo non ha fermato le sue azioni, che hanno iniziato ad avere maggiore rilevanza durante il periodo dei Movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti.

A quel tempo, lo spirito combattivo di Milhon era molto impetuoso, quindi è entrata direttamente come partecipante al movimento. Così, nel 1960, Milhon è stata l'organizzatrice della marcia da Selma a Montgomery in Alabama. Successivamente ha partecipato alla protesta di Jackson, Mississippi, dove è stata nuovamente arrestata per disobbedienza civile.

Dopo aver lasciato la prigione, Milhon ha mantenuto il suo atteggiamento da attivista, ma si è anche interessata allo sviluppo tecnologico. Questo l'avrebbe poi portata a trasferire tutto il suo carattere di difensora dei diritti civili sul piano digitale, che stava cominciando a nascere nella società.

Programmazione e attivismo digitale

Nel 1967 Milhon ha iniziato i suoi primi passi come programmatore. Milhon, completamente autodidatta, ha imparato a programmare in linguaggio Fortran. Tutto questo grazie a un libro intitolato "Teach Yourself Fortran". A quel tempo, Milhon era una delle poche donne con capacità di programmazione. La prima volta che ha applicato le sue conoscenze, è stato sulla programmazione dei distributori automatici Horn e Hardart.

Tuttavia, Milhon avrebbe osservato che il mondo dei computer era molto ermetico. Gestito principalmente da centri militari e accademici, l'informatica era un mondo sconosciuto. Detto questo, Milhon iniziò ad organizzarsi insieme a Lee Felsenstein, Efrem lipkin, Ken colstad e Mark Szpakowski, la prima comunità digitale al mondo, Community Memory.

Community Memory divenne il primo sistema pubblico di bacheche informatizzate, nel 1973. Questo sarebbe poi diventato un sistema di condivisione di informazioni digitali senza precedenti per l'intera comunità di utenti che vi accedevano.

Con il progresso della tecnologia informatica, i contributi di Milhon sono diventati sempre più rilevanti. Dopo la partenza dei primi sistemi BSD nel 1977 Milhon era uno dei codificatrici referenti nello sviluppo comunitario degli stessi. Il lavoro di Milhon alla Community Memory le ha fornito le competenze necessarie per programmare per BSD.

Nel 1982, Jude Milhon si è unito al Professionisti informatici per la responsabilità sociale - CPSR. Lì ha svolto un ruolo importante come attivista, sostenendo l'apertura della conoscenza dei computer e delle reti del cyberspazio. Le partecipazioni di Milhon in questo gruppo erano concentrate sui progetti Privaterra y CFP.

Scritti, cypherpunk e opere importanti

Già negli anni '90 Milhon ha osservato come il mondo globalizzato si stava avvicinando sempre di più. Internet era una realtà con molte possibilità, e per sfruttarla al massimo Milhon si è dedicata alla scrittura. Per firmare come autrice delle sue opere, Jude Milhon ha utilizzato l'alias “St. Jude ", lo stesso nick con cui era conosciuta nella comunità degli hacker.

Fu in questo periodo, intorno ai primi anni '90, che Milhon coniò il termine Cypherpunk, per citare il movimento che ha riunito i difensori della privacy digitale. Il concetto di cyberpunk, era un gioco di parole che Milhon ha inventato mescolando il concetto di cyberpunk (che lei amava così tanto) e il concetto di 'cifrario' (chiave di crittografia)

En 1994 pubblica uno dei suoi primi libri è stato Hacking the Wetware: The NerdGirl's Pillow Book (Hacking the wet web: The young nerd bedside book) Era una guida che cercava di trasformare le donne in hacker felici demistificando il funzionamento del corpo e del cervello.

“Questo libro utilizza temi sessuali per sedurti, mentre ti prepara sottilmente a pensare come un hacker. Pensi, quindi hackerare ... è una guida alla trasformazione personale "

Jude Milhon

Nel XNUMX pubblica il libro Cyberpunk Handbook: The Real Cyberpunk Fakebook , (Il falso manuale cyberpunk) un'autentica falsa guida per cyberpunk, scritta con umorismo, ironia e una vicinanza e profondità che trascende i lavori precedenti su questo genere.

Nel XNUMX publica How to Mutate & Take Over the World: an Exploded Post-Novel (Come mutare e conquistare il mondo) Questo libro è scritto insieme a RUSirius (con il quale ha anche scritto il Cyberpunk Handbook) e come nel precedente, l'ironia e l'umorismo si percepiscono dalla sinossi e dal prologo.

Insieme a Sirius ha fondato e curato la rivista di cultura tecnologica e anarchica Mondo 2000. Durante questo periodo, Milhon divenne anche un'esperta programmatrice web.

Tutti questi lavori gli valsero varie interviste e spazi dove presentare le sue idee. Nel 1995 in un'intervista condotta da Wired, Milhon avrebbe detto una delle frasi che avrebbero definito più chiaramente il suo pensiero: "Le ragazze hanno bisogno di modem".

Le tue ultime note e azioni di hacking

Durante gli ultimi anni della sua vita, Jude Milhon si è dedicata alla protezione della privacy e alla promozione dell'hacking in tutto il mondo. Per questo ha mantenuto la rivista de Mondo XNUMX fino alla sua morte nel XNUMX e ha anche partecipato alla rivista Boing Boing e Wired.

La vita di Milhon finirebbe nel 2003 a causa di cancro. La sua partenza ha causato una profonda risposta da parte della comunità di hacker in tutto il mondo.

Dopo la sua morte, Wired ha dedicato il seguente titolo nella sua rivista: "Gli hacker hanno perso la loro santa protettrice". Una santa unica fuori dal comune: una grande hacker, femminista e attivista per i diritti cibernetici, un'eccezione in uno spazio ancora dominato dagli uomini.