L'identità più enigmatica nel mondo delle criptovalute è quella di Satoshi Nakamoto. Uno pseudonimo senza volto e con nient'altro che una serie di email che hanno lasciato una delle più grandi e importanti creazioni tecnologiche dell'umanità: il bitcoin e la blockchain. Scopri tutto ciò che si sa, fino ad ora, su questo personaggio o gruppo di persone.

Nella storia di Bitcoin c'è una domanda ricorrente a cui fino ad ora è stato impossibile replicare e alla quale si cerca di dare una risposta ad ogni costo. La domanda è: Chi è Satoshi Nakamoto?

Il creatore dell'idea e sviluppatore del software gratuito Bitcoin non ha un volto conosciuto dal momento che il suo nome è, in realtà, uno pseudonimo. Inizialmente si pensava che fosse qualcuno di origine giapponese. Ma con il passare del tempo, e una scomparsa tanto enigmatica quanto la sua apparizione, sono sorte speculazioni di ogni genere.

In tutti questi anni sono venuti fuori alcuni nomi di persone o organizzazioni a cui varie teorie puntano con più o meno forza. Tra le ipotesi sollevate troviamo un po' di tutto, così come ci sono persone che affermano di essere Nakamoto senza fornire alcuna prova. Ci sono persino teorie in cui si parla di complotti e alieni ma, per il momento, lasceremo da parte queste ultime.

La verità è che, al giorno d'oggi, ancora NON si sa chi o cosa sia Satoshi Nakamoto: il creatore di Bitcoin e il germe di un'intera rivoluzione tecnologica chiamata Blockchain che ha stravolto non solo il settore finanziario ma quasi tutti i settori del pianeta alla ricerca di contesti senza intermediari, sicuri, trasparenti e garanti della privacy.

Nella prima parte dell'articolo esporremo una serie di eventi legati a Satoshi Nakamoto per tracciare una linea temporale e indicare gli avvenimenti più rilevanti. Poi vedremo chi sono le persone che si sono maggiormente distinte durante la ricerca di Nakamoto. E, infine, un gruppo di nomi che si ipotizza possano essere lui, ma sembra altamente improbabile che lo siano.

Satoshi Nakamoto presso la P2P Foundation

Profilo di Satoshi Nakamoto nella Fondazione P2P che indica che è un giapponese di 43 anni

Cronologia di Satoshi Nakamoto

In questa prima sezione ci concentreremo sugli interventi più rilevanti di Nakamoto. Passeremo dal suo primo comunicato pubblico fino alla sua scomparsa senza preavviso.

  • Venerdì 31/10/2008: Satoshi Nakamoto parla per la prima volta di Bitcoin su The Cryptography Mailing List del sito Metzdown.com pubblicando il suo White Paper
  • Lunedì 17/11/2008: In uno dei suoi messaggi sulla casella e-mail criptata, Nakamoto risponde a James A. Donald affermando che sta lavorando a Bitcoin da un anno e mezzo.
  • Venerdì 09/01/2009: Satoshi Nakamoto carica la versione 0.1 del software Bitcoin
  • Sabato, 10/01/2009: Hal Finney, il primo utente Bitcoin dopo Satoshi Nakamoto, pubblica il seguente messaggio sul suo account Twitter: "Running Bitcoin"
  • Lunedì 12/01/2009: La prima transazione nella storia di Bitcoin. Hal Finney riceve 10 bitcoin da Satoshi Nakamoto in una prova per testare la rete e verificare che tutto proceda correttamente
  • Domenica, 22/11/2009: Nakamoto pubblica il primo messaggio del famoso forum Bitcointalk, dando il benvenuto agli utenti
  • Lunedì 13/12/2010: Ultimo post di Satoshi Nakamoto su Bitcointalk dove annuncia il rilascio della versione 0.3.19 del software Bitcoin
  • Venerdì 07/03/2014: In occasione del dibattito social apertosi riguardo un possibile Satoshi Nakamoto (Dorian Nakamoto, di cui parleremo più avanti), Satoshi Nakamoto pubblica quello che sarebbe stato il suo ultimo messaggio su Internet dicendo “Non sono Dorian Nakamoto".

Questi sono i punti di apertura e chiusura più rilevanti della presenza di Nakamoto fino ad oggi. All'interno di questa cronologia sono avvenuti due fatti rilevanti che non sappiamo quanto siano veritieri ma che vogliamo comunque segnalare:

Martedì, 26 / 04 / 2011

Questo giorno Satoshi Nakamoto invia l'ultima mail a Gavin Andresen. Nella lettera Nakamoto chiede ad Andresen di smetterla di parlare di lui 'come una figura misteriosa nell'ombra' e lo esorta a sottolineare il fatto che "il progetto è open source ed è necessario dare maggiore enfasi ai contributi dei collaboratori "

Andresen risponde alla mail e spiega di essere stato contattato da IQT, una società di "investimenti strategici" finanziata dal governo degli Stati Uniti. Ciò allo scopo di tenere una conferenza. Comunica che lo pubblicherà sui forum per evitare di destare il sospetto che "Gavin visiti segretamente la CIA" suscitando molteplici teorie del complotto. Anche se assicura che dire che "Gavin fa visita apertamente alla CIA" farà comunque pensare a varie cospirazioni.

Nakamoto non risponde mai a questa email.

Gavein andresen

Gavin Andresen si gode una giornata libera con un amico

Venerdì, 07 / 03 / 2014

'I am not Dorian Nakamoto' Con questo conciso commento al suo post 'Bitcoin open source implementation of P2P currency' pubblicato l'11 febbraio 2009, confuta completamente le teorie di Newsweek e Gizmodo, che il 6 marzo 2014 hanno sostenuto che Dorian Prentice Satoshi Nakamoto potrebbe essere il creatore di Bitcoin.

Alcuni credono che l'account di Nakamoto all'interno della P2P Foundation possa essere stato hackerato e che non sia stato lui a postare il messaggio. Il presunto responsabile non è mai venuto fuori. Nei giorni successivi, ha dichiarato di avere accesso all'account di posta elettronica di Nakamoto e di essere in possesso della vera identità di Nakamoto, chiedendo 25 bitcoin in cambio delle informazioni. L'identità non è mai stata resa pubblica e non sappiamo se il vero Satoshi Nakamoto abbia pubblicato il messaggio o se sia stato un hacker.

Satoshi Nakamoto nega di essere Dorian Nakamoto

Messaggio di Satoshi Nakamoto nel 2014 in cui nega di essere Dorian Nakamoto

Principali sospettati di essere Satoshi Nakamoto

Prima di parlare della lista delle possibili persone che stanno dietro la figura di Nakamoto, bisogna sottolineare che è molto probabile che non sia un individuo solo, ma che veramente sia un gruppo di persone legate al mondo dell'informatica, la crittografia e il movimento cypherpunk.

Hal Finney

Senza approfondire la sua carriera professionale o personale, Finney (attualmente deceduto) è forse il candidato maggiormente sospettato di essere Nakamoto a causa di alcuni dei suoi testi pubblicati. Fu strettamente relazionato con l'origine dei Cypherpunk a San Francisco e appassionato di crittografia e sicurezza informatica. Prima di essere associato al bitcoin, ha pubblicato i seguenti lavori:

Possiamo notare che alcuni di questi lavori, specialmente quello pubblicato nel 2004, hanno molto a che fare con le basi di Bitcoin. E c'è di più: RPoW (che proponeva miglioramenti per i sistemi che implementavano PoW, come HashCash) potrebbe essere perfettamente la base della prova di lavoro usata oggi su Bitcoin.

Hall Finney e Fran Finney

Hal Finney con sua moglie Fran prima di una gara

Forse il dato più rilevante è il tweet pubblicato il 10 gennaio 2009, poche ore dopo che Nakamoto pubblicasse la versione 0.1 del software Bitcoin. Il 10 gennaio Finney ha scritto sul suo account Twitter: "Running bitcoin" facendo riferimento al fatto che stesse già utilizzando il software.

Finney scrive su Twitter che usa già Bitcoin

Hal Finney scrive su Twitter che ha eseguito il software Bitcoin poche ore dopo che Nakamoto lo ha pubblicato.

Il 12 gennaio 2009, solo due giorni dopo, riceve 10 bitcoin da Nakamoto per testare l'invio di criptovalute. Questo è stato il primo trasferimento di bitcoin registrato.

Proprio nel miglior momento della sua vita e della sua carriera professionale, Finney riceve la peggiore notizia possibile. Nell'agosto 2009 gli viene diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una malattia che danneggia le cellule del sistema nervoso, rallentandone gradualmente la funzione fino alla morte. Nonostante tutto, continua a lavorare, comunicando ciò che programma, ma che il lavoro gli pesa circa 50 volte di più rispetto a prima.

Il 19 marzo 2013 Finney pubblica sul forum Bitcointalk una lettera chiamata "Bitcoin and me" in cui parla dell'intera storia tra la criptovaluta e lui. Nella lettera afferma "Penso di essere stato, dopo Satoshi, la prima persona a eseguire il client Bitcoin "

"Oggi la vera identità di Satoshi è diventata un mistero, ma all'epoca pensavo che avesse a che fare con un giovane di origine giapponese che era straordinariamente intelligente e sincero".

Non solo, Finney garantisce che: "Mi considero incredibilmente fortunato ad esserci stato fin dall'inizio"

Un anno dopo, il 25 marzo 2014, Andy Greenberg, il giornalista di Forbes, fa una visita a Finney, ormai completamente paralizzato dalla SLA, per parlare della possibilità che lui fosse Nakamoto. Durante la conversazione discutono su argomenti come le sue email con Nakamoto e la storia del suo portafoglio Bitcoin. Durante l'intervista, Finney ha ripetutamente negato di essere Nakamoto e Greenberg crede che Finney stesse dicendo la verità.

Hal Finney poco prima di morire dalla SLA

Hal Finney, prostrato dalla SLA, assistito dalla moglie Fran la quale non lo ha mai lasciato solo

Greenberg ha anche chiesto alla società di consulenza per l'analisi grafologica (analisi della scrittura), Juola & Associates, di confrontare i testi di Finney con quelli di Nakamoto, scoprendo un'importante somiglianza.

Robin Hanson, amico, ex-compagno e talvolta co-blogger di Finney ha evidenziato che "C'è almeno il 15% di possibilità che Hal fosse più coinvolto di quanto dichiarato"

Il 28 agosto 2014 Hal Finney muore di SLA. Attualmente è criogenizzato ad Alcor, Arizona (Stati Uniti)

Forse l'ultimo pezzo del puzzle è Dorian Nakamoto, di cui parliamo di seguito, un fisico che ha studiato alla Cal Poly University di Pomona e che ha lavorato per il dipartimento della difesa statunitense e come ingegnere informatico per compagnie tecnologiche e finanziarie. A quanto pare Finney e Nakamoto vivevano molto vicini ed è probabile si conoscessero, facendo sì che Hal Finney adottasse il nome di questo fisico per giocare al depistaggio.

Che Hal Finney potesse essere la persona (o una delle persone) che ha creato Bitcoin, è solo una supposizione. Ciò che è certo e provato sono i suoi importanti contributi al codice fin dai primi momenti della nascita di Bitcoin.

E non sarà l'unico ...

Nick Szabo

Un altro candidato è Nick Szabo, un importante scienziato informatico, giurista e crittografo che inconsapevolmente ha gettato le basi per Bitcoin. È stato lui a sviluppare un meccanismo teorico di valuta digitale decentralizzata chiamata "Bit Gold", che non è mai stato materializzato, e ha anche sviluppato il concetto di "Smart Contract"

Nick Szabo, creatore dell'idea di Smart Contracts

Nick Szabo è stato colui che ha gettato le basi teoriche degli Smart Contract

Come abbiamo già spiegato in dettaglio nel capitolo sugli Smart Contract, questi sono stati pensati nel 1994 come un'evoluzione del diritto contrattuale di base in cui non ci sono intermediari, documenti fisici o burocrazia che rallenta le procedure e le rende costose. L'idea era un software che veniva eseguito in automatico e si estingueva quando le condizioni dello stesso erano soddisfatte, liberando così i beni o i fondi in esse integrati.

Va sottolineato che nel 2018 il Senato degli Stati Uniti disse:

"Anche se gli Smart Contract possono sembrare nuovi, il concetto si basa sul diritto contrattuale di base. In generale, il sistema giudiziario risolve le controversie contrattuali e fa rispettare i termini, ma è anche comune avere un altro metodo di arbitrato, soprattutto per le transazioni internazionali. Con gli Smart Contracts, un programma fa rispettare il contratto incorporato nel codice "

Era il 1998 quando Szabo presentava "Bit Gold", una valuta digitale che richiedeva che il partecipante utilizzasse la potenza del computer per risolvere enigmi crittografici. La risoluzione degli enigmi sarebbe stata inviata a un registro chiamato Byzantine Fault Tolerant (Tolleranza ai Guasti Bizantini) e al risolutore sarebbe stata assegnata una chiave pubblica. Ogni soluzione diventava parte della prova successiva generando una catena di proprietà crescente. Ciò permetteva alla rete di verificare e generare una marca temporale nelle nuove valute digitali, in cui la maggioranza delle parti doveva accettare le soluzioni o non sarebbe stato possibile avviare l'enigma successivo.

Con questi precedenti nel dicembre 2013 il blogger Skye Gray ha messo in relazione Szabo con il White Paper di Bitcoin utilizzando un'analisi stilometrica. Sappiamo anche che Szabo già aveva utilizzato altri pseudonimi negli anni '90. Nel maggio 2011 Szabo ha pubblicato un messaggio sulla possibile identità di Nakamoto, dicendo testualmente:

“Wei Dai, Hal Finney ed io eravamo le uniche persone che conosco a cui l'idea è piaciuta così tanto da seguire Nakamoto (dando per scontato che Nakamoto non sia né Finney né Dai). Solo Finney (RPOW) e Nakamoto erano sufficientemente motivati ​​da implementare tale schema "

Dominic Frisby è un autore finanziario che ha condotto un'importante ricerca sulla possibilità che Szabo fosse Nakamoto concludendo che non ci sono prove concrete di ciò, ma solo tracce circostanziali. Frisby durante un'intervista a Kaiser Report su RT ha precisato: "Sono giunto alla conclusione che c'è solo una persona al mondo che possiede la cultura e la conoscenza necessarie ed è proprio questo tipo ..."

Nel luglio 2014, Szabo ha scritto a Frisby per dire: "Grazie per avermi avvertito. Temo che tu abbia sbagliato segnalandomi come Satoshi, ma ci sono abituato "

Il giornalista del New York Times, Nathaniel Popper stabilì che "la prova più convincente indicava un uomo americano solitario di origine ungherese di nome Nick Szabo "

I personaggi che hanno gettato le basi di Bitcoin

Anche se è improbabile che i due personaggi che menzioneremo di seguito siano Satoshi Nakamoto, i loro lavori servono come base per lo sviluppo di Bitcoin e non è escluso che abbiano un ruolo più rilevante di quanto si possa palesemente immaginare o vedere nello sviluppo di Bitcoin.

Adam Back

Adam Back è un crittografo britannico che si autodefinisce "Cypherpunk". Ha sviluppato le basi della prova di lavoro: HashCash.

Questa soluzione, concepita come un sistema per prevenire lo spam, è una componente teorica chiave della "Prova di Lavoro (PoW)", l'algoritmo alla ricerca del consenso su Bitcoin.

HashCash consisteva sostanzialmente in un sistema che obbligava chi volesse inviare una mail, pubblicare in un blog o in un forum, ad effettuare un piccolo calcolo informatico (lavoro); in questo modo, nella mail o nel commento veniva lasciato un segno (prova) che indicava che non si trattava di posta indesiderata (spam)

Adam Back ha proposto la soluzione Hashcash contro lo spam

Adam Back ha ideato Hashcash per combattere lo spam e anni dopo Satoshi Nakamoto l'ha adattato per la sua valuta digitale decentralizzata

Questo lavoro richiedeva potenza del processore e un tempo che era di appena pochi secondi, ma impediva agli spammer di inviare migliaia di e-mail al minuto, consentendo l'invio di solo una frazione di quelle e-mail e rendendo il loro lavoro insignificante.

Sebbene non sia considerato il creatore di Bitcoin, il suo lavoro è stato essenziale per stabilire il sistema della prova di lavoro su cui si basa questa criptovaluta. Back è anche il CEO di Blockstream, una società la cui missione è lo sviluppo di Bitcoin e tecnologia blockchain.

Wei Dai

Poco si sa di Wei Dai, ingegnere informatico e Cypherpunk, oltre ad essere il creatore di B-money e sviluppatore della libreria Crypto ++. Non ama molto le apparizioni in pubblico e si sa poco di lui.

Wei Dai ha sviluppato b-money, la prima valuta digitale della storia.

Wei Dai nel suo ufficio nel 2004. Una delle poche immagini di lui esistenti.

Si è laureato in Ingegneria Informatica presso l'Università di Washington. Viene comunemente descritto come un "ingegnere informatico intensamente riservato". Il suo profilo come membro del comitato consultivo di VoteHere.net (sito web non più esistente) indicava:

“Il signor Dai ha lavorato nel Gruppo di Ricerca Crittografica della Microsoft Corporation a Redmond, Washington. Mentre era in Microsoft, è stato coinvolto nello studio, progettazione e implementazione di sistemi crittografici per applicazioni specializzate. Prima di entrare in Microsoft, il signor Dai era un programmatore presso TerraSciences di Acton, Massachusetts. Il signor Dai ha una Laurea in Informatica conseguita presso l'Università di Washington, con una specializzazione in Matematica. "

Era il 1998 quando pubblicò "b-money, un sistema di contanti elettronico distribuito e anonimo" che gettava le basi dell'odierna criptoeconomia. All'interno viene descritta la base delle moderne criptovalute: "Uno schema affinché un gruppo di pseudonimi digitali non rintracciabili paghino con denaro e facciano rispettare i contratti stipulati tra di loro senza un aiuto esterno"

L'idea di b-money di Wei Dai appare citata nel White Paper originale di Bitcoin, rappresentando la base del progetto. Anche se Dai mette in dubbio l'influenza di b-money su Bitcoin: 'Deduco che il creatore di Bitcoin, conosciuto come Satoshi Nakamoto, non abbia nemmeno letto il mio articolo prima di reinventare lui stesso l'idea. Lo ha scoperto solo più tardi e mi ha citato nel suo documento. Quindi la mia relazione con il progetto è piuttosto limitata. '

Come curiosità, va notato che la più piccola unità di Ether, la criptovaluta della rete Ethereum si chiama wei in onore di Wei Dai.

L'ipotesi Dorian?

Sulla figura di Satoshi Nakamoto ci sono poche dichiarazioni chiare. Ma forse la più clamorosa è il fatto che Dorian Prentice Satoshi Nakamoto non è in realtà lo stesso Satoshi Nakamoto, creatore di Bitcoin.

La giornalista Leah McGrath Goodman della rivista Newsweek il 6 marzo 2014 ha pubblicato un articolo in cui si parla della scoperta di un uomo di origine giapponese residente in California che si chiama Dorian Prentice Satoshi Nakamoto, anche se il suo nome di nascita è Satoshi Nakamoto.

Dorian Nakamoto con la rivista Newsweek

Dorian Nakamoto posa con la rivista Newsweek nella quale si dice che è lui quello dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto

Goodman espone una serie di elementi che hanno portato a pensare che fosse lui il creatore di Bitcoin. Dorian (lo chiameremo così per distinguerlo da Satoshi Nakamoto, creatore di Bitcoin) si è laureato in fisica alla Cal Poly University di Pomona. Ha anche lavorato come ingegnere di sistema in progetti di difesa classificati e come ingegnere informatico per compagnie tecnologiche e di informazione finanziaria.

Dorian è stato licenziato in varie occasioni negli anni '90 ed è diventato un libertario. Ha persino incoraggiato sua figlia ad avviare un'attività in proprio "non sotto il controllo del governo".

In una intervista, Goodman si rivolge a Dorian facendo direttamente domande sulla creazione di Bitcoin e Dorian sembra rispondere in maniera affermativa ma anche ambigua sul fatto che sia il creatore della criptovaluta:

“Non ne sono più coinvolto e non posso discuterne. È stato dato ad altre persone. Adesso sono loro a occuparsene. Non ho più alcun legame. "

L'articolo ha destato l'interesse della stampa, attraendo centinaia di giornalisti davanti la sua porta di casa, che lo hanno inseguito addirittura anche mentre guidava. Per risolvere la questione Dorian ha rilasciato in seguito un'intervista abbastanza lunga in cui ha negato un legame con Bitcoin e ha affermato di non averne mai sentito parlare e di aver interpretato male la domanda della Goodman, che pensava si riferisse al suo lavoro come collaboratore militare.

Dorian Nakamoto molestato dalla stampa alla porta di casa sua

Dorian Nakamoto molestato dalla stampa fuori casa dopo che Newsweek ha erroneamente sottolineato che era la persona che si nascondeva dietro il nome di Satoshi Nakamoto

Successivamente, in una puntata di 'ask-me-anything'(chiedimi qualsiasi cosa) su Reddit ha detto che pensava che la domanda della Goodman riguardasse il suo lavoro alla Citibank.

Sembra che tutto si risolva quando viene riattivato il profilo di Nakamoto su P2P Foundation e viene pubblicato: "I am not Dorian Nakamoto." Alcuni sostengono che l'account sia stato hackerato; c'è anche chi afferma di essere l'hacker, ma di ciò non esiste alcuna prova.

Mentre Dorian fornisce due interpretazioni della risposta alla domanda della Goodman, non possiamo fare a meno di chiederci se stia cercando di coprire Hal Finney. Dobbiamo sottolineare che Finney e Dorian vivevano a pochi chilometri di distanza ed è possibile che si siano incontrati più di una volta durante delle presentazioni, conferenze o simposi. Dorian era diventato un libertario e Finney era un noto Cypherpunk. Questo apre la possibilità di un filo conduttore molto interessante tra i due.

Il satellite Wright

A questo punto dobbiamo dire che all'epoca Hal Finney, Nick Szabo e Dorian Nakamoto erano residenti negli Stati Uniti e avrebbero potuto incontrarsi in qualsiasi momento. Wei Dai era ed è anche americano, per quanto ne sappiamo. L'unico non americano è Adam Back, sebbene Dai e Back non siano mai stati fortemente considerati come potenziali Satoshi Nakamoto.

Craig S. Wright nel suo ufficio

Craig S. Wright nel suo ufficio

Abbiamo soprannominato Craig Steven Wright come "satellite" perché è uno dei candidati ritenuti tra i più legittimi a ricoprire il ruolo di Satoshi Nakamoto. Questo da quando Wired e Gizmodo lo hanno segnalato l'8 dicembre 2015. A ciò si aggiunge il fatto che egli non risiede né ha mai vissuto negli Stati Uniti (in base a quanto documentato) in modo permanente o per lungo tempo.

Wright è uno scienziato informatico e uomo d'affari australiano che è stato indicato per la prima volta come Satoshi Nakamoto l'8 dicembre 2015 nella rivista Wired, che dichiara 'ha inventato il bitcoin o è un brillante truffatore che vuole farci credere che lo ha fatto'

Dopo quella pubblicazione, né Wright né quella che allora era sua moglie, pubblicarono qualcosa sui loro account Twitter al riguardo. Quello stesso giorno Gizmodo pubblica una storia in cui un hacker avrebbe avuto accesso agli account di posta elettronica di Wright, sostenendo che lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto era stato utilizzato da Wright e dall'analista forense di computer Dave Kleiman, morto nel 2013.

Wright è stato indicato e confermato come Satoshi Nakamoto da Jon Matonis, che era un direttore della Bitcoin Foundation, dall'esperto di crittografia Ian Grigg e dallo sviluppatore di software Bitcoin, Gavin Andresen.

Successivamente, sono stati pubblicati rapporti che affermano che le prove sono in realtà un montaggio elaborato e la stessa rivista Wired ha riconosciuto di "avere dei dubbi" sul fatto che Wright fosse veramente Nakamoto.

Peter Todd, sviluppatore di Bitcoin, ha dichiarato che il post nel blog di Wright, che sembrava avesse prove crittografiche, in realtà non le conteneva.

Bitcoin Core, il principale gruppo di sviluppo software Bitcoin, ha pubblicato un messaggio su Twitter che diceva: "Al momento non ci sono prove crittografiche pubblicamente disponibili che dimostrino chi sia il creatore di Bitcoin "

Bitcoin Core nega Craig Wright su Twitter

Bitcoin Core, che gestisce lo sviluppo del software Bitcoin, smentisce Craig S. Wright

Jeff Garzik, lo sviluppatore di Bitcoin ha detto che la prova di Wright in realtà non dimostra nulla e il ricercatore di sicurezza Dan Kaminsky conclude che è solo una trovata di Wright per attirare l'attenzione e "uno scherzo internazionale".

Charlie Lee , creatore di Litecoin (LTC), o Vitalik Buterin , creatore di Etehreum (ETH), sono stati alcuni tra quelli che hanno negato sui loro account Twitter che Wright fosse davvero Nakamoto.

Charlie Lee sulla possibilità che Craig S. Wright sia Satoshi Nakamoto

Charlie Lee, creatore di Litecoin, ironizza su Twitter sul fatto che Craig S. Wright dica di essere Satoshi Nakamoto

Vitalik Buterin non pensa che Craig S. Wright sia Satoshi Nakamoto

Vitalik Buterin non pensa che Craig S. Wright sia Satoshi Nakamoto

Serie di messaggi su Twitter di Vitalik Buterin, creatore di Ethereum, che spiega perché Craig S. Wright non può essere Satoshi Nakamoto

Emir Gün Sirer, professore e collaboratore durante lo sviluppo di Bitcoin, inveisce contro Wright, evidenziando che quest'ultimo abbia realizzato qualcosa di inaudito, ossia mettere d'accordo gli sviluppatori di Bitcoin, Ethereum e Zcash per ridicolizzare 'il balbettio tecnologico di Craig Wright'

Emir Gün Siren dice chiaramente che Craig Wirght non è Satoshi Nakamoto

Anche il professore e sviluppatore di Bitcoin Emin Gün Sirer non riscontra prove che dimostrino che Craig S. Wright possa essere Satoshi Nakamoto

Altri possibili candidati che potrebbero essere Satoshi Nakamoto

Oltre a questi possibili candidati, ci sono altri nomi che sono stati menzionati occasionalmente da terzi, i quali sono stati smentiti dai diretti interessati. A livello teorico questi sarebbero i meno probabili, anche se in alcuni casi e in una certa misura potrebbero esserlo dal momento che hanno contribuito allo sviluppo e alla divulgazione di Bitcoin come criptovaluta. Questo li converte tutti in Nakamoto, almeno in parte.

  • The New Yorker: 2011: il giornalista Joshua Davis afferma che Nakamoto è il sociologo economico finlandese Dr. Vili Lehdonvirta e lo studente irlandese Michael Clear, che successivamente si è laureato in crittografia al Trinity College di Dublino. Entrambi hanno negato di essere Nakamoto
  • Fast Company: Ottobre 2011: Il giornalista e ricercatore Adam Peneberg in una testimonianza circostanziale ha trovato dei dati che dimostrano che Neal kink, Vladimir Oksman y Charles bry potrebbero essere Nakamoto. Questa affermazione si basa su una domanda di brevetto congiunta che include la frase "computazionalmente impraticabile per poter investire" nel 2008 che appare nel White Paper di Nakamoto. Il dominio bitcoin.org viene registrato tre giorni dopo il deposito del brevetto. Tutti e tre hanno negato di essere Nakamoto.
  • Wired: Novembre 2011: si nota che Laszlo Haynecz, l'ex sviluppatore di Bitcoin Core, fa presente in una delle sue e-mail a Nakamoto che il codice era troppo ben progettato per essere stato fatto da una sola persona.

Laszlo acquista nuovamente 2 pizze con Bitcoin, ma in questo caso utilizza la rete Lightning

  • Ted Nelson. Maggio 2013: ha ipotizzato che potrebbe essere il Matematico giapponese Shinichi Mochizuki. Successivamente il giornalista ha pubblicato su The Age che Mochizuki nega l'ipotesi senza fornire fonti o ulteriori dati
  • Vice. 2013: viene dichiarato in un articolo che Gavin Andresen, Jed McCaled e persino un'agenzia governativa degli Stati Uniti (cospirazione insensata) erano sospettati di essere Nakamoto. È stato anche suggerito che poteva essere il ricercatore di sicurezza Dustin D. Trammel, il quale ha categoricamente smentito
  • Dorit Ron e Adi Shamir. 2013: questi due matematici israeliani hanno pubblicato un documento che affermava che c'erano collegamenti tra Nakamoto e Ross William Ulbritch. Il sospetto dei matematici si basa sullo studio delle transazioni sulla rete Bitcoin. In seguito hanno ritirato queste informazioni
  • The Guardian. Aprile 2013: si ipotizza che Nakamoto possa essere Dan Kaminsky, un ricercatore di sicurezza che ha letto il codice Bitcoin e che ha affermato che Nakamoto potrebbe essere un "gruppo di persone" o un "genio"
  • Sahil Gupta. 2017: ex lavoratore di SpaceX ha dichiarato su Hackernoon che c'era la possibilità che il CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk, fosse in realtà Nakamoto, evidenziando l'esperienza tecnica di Musk con il software finanziario (è uno dei fondatori di PayPal) e la sua cronologia di pubblicazione del Whitepaper. Il 28 novembre, Musk ha pubblicato una serie di tweet dicendo che quanto detto era falso.
Elon Musk potrebbe essere Satoshi Nakamoto

Sahil Gupta e altri pensano che Satoshi Nakamoto potrebbe essere Elon Musk, cosa che ha rapidamente negato per evitare problemi