Uno dei miti più sorprendenti per molti nella comunità è legato ai blocchi impossibili di Bitcoin. Si tratta di una serie di blocchi che contengono alcuni dettagli che li rendono unici e addirittura sembrano impossibili da creare senza un qualche tipo di intervento esterno inspiegabile. 

ENel mondo dei Bitcoin e delle criptovalute ce ne sono tantissime Miti e leggende, a partire dal creatore Satoshi Nakamoto di cui non si sa assolutamente nulla. Ma uno dei miti più strani nella comunità ha a che fare con "blocchi impossibili di Bitcoin ", e dietro di loro ci sono un numero enorme di teorie e miti che danno molto di cui parlare.

Alcune di queste teorie sono molto logiche, ma altre sono in qualche modo cospirazione. Tuttavia, tutti cercano di spiegare qualcosa che è certamente sconcertante: come è possibile che questi blocchi esistano? Perché certi pattern si ripetono in certi hash a velocità più o meno regolari? E questo è il motivo per cui abbiamo creato questo nuovo articolo, che ti aiuterà a capire il mistero dietro "Blocchi impossibili di Bitcoin".

Quali sono i blocchi impossibili in Bitcoin?

I blocchi impossibili di Bitcoin, secondo molti bitcoiners, Sono una serie di blocchi il cui ID blocco o hash di blocco sono stati generati in modi alquanto sconosciuti o che condividono uno schema più o meno regolare, in quella che sarebbe una serie di eventi molto improbabili.

Il primo caso, ad esempio, al momento è applicabile solo a blocco di genesi di Bitcoin. Ed è proprio così, la generazione di questo blocco è ancora un mistero per la comunità. Mentre i secondi non dovrebbero porre alcun problema. In altre parole, è un hash casuale e il fatto che una catena appaia come uno schema in diversi blocchi diversi, non dovrebbe sorprenderci secondo le leggi della probabilità.

Tuttavia, quest'ultimo è sorprendente per una cosa molto specifica. La maggior parte di questi blocchi condivide la catena "21E8". Questa è una catena così improbabile da generare che l'apparenza dovrebbe essere un evento una tantum all'anno.

Questo perché questi hash "21E8", sono difficili da trovare, soprattutto perché la costruzione esadecimale (il modo in cui vengono generati gli hash) di quella stringa è complessa e richiede grandi quantità di potenza di calcolo. Certo, la rete Bitcoin ha una potenza molto elevata, infatti, è il supercomputer più potente del pianeta lasciandosi molto alle spalle il I 500 supercomputer più potenti del pianeta. Tuttavia, è un evento piuttosto improbabile e il fatto che si ripeta regolarmente lo rende ancora meno probabile.

Quindi fondamentalmente abbiamo una serie di hash che teoricamente e probabilisticamente non possono esistere, e tuttavia esistono. Abbastanza sorprendente la verità, così sorprendente che la comunità si è rivolta per dare loro un significato. Tuttavia, il mistero dei blocchi impossibili è solo all'inizio. Ed è che la loro storia è stata iniziata dallo stesso Satoshi Nakamoto, e che esamineremo di seguito.

Il primo blocco impossibile: il blocco genesis di Bitcoin

Se chiedi a qualcuno nel mondo delle criptovalute del blocco genesis di Bitcoin, ti diranno che il blocco è un puzzle irrisolto. E hai ragione nella tua risposta, perché il blocco genesis di Bitcoin è un blocco impossibile. 

In realtà, la verità è che il blocco genesis di Bitcoin è un "blocco manipolato". Molti credono che Satoshi Nakamoto, essendo l'unico minatore sulla rete, sia stato in grado di manipolare il software Bitcoin per estrarre questo blocco e crearlo a piacimento. UN ricerca de Daniel Larimer a Bitcointalk ce lo dice; Nakamoto ha sicuramente manipolato il blocco genesi per crearlo in un modo speciale.. La domanda è: cosa ha fatto per renderlo così speciale? Nessuno lo sa, nemmeno Craig Wright che dice di essere Satoshi e che dimostra di non essere quello che dice. 

Il problema è che la generazione di quel blocco richiedeva una potenza di calcolo molto grande a causa della difficoltà del mining attivo in quel momento. Il valore di difficoltà del blocco è così grande che un potente computer dell'epoca dovrebbe impiegare almeno 6 giorni per raggiungerlo con una probabilità del 17%. Un utente Bitcointalk ha deciso di eseguire questi calcoli su una CPU AMD Phenom II X4 2008. La sua conclusione? La generazione di quel blocco utilizzando quel computer avrebbe richiesto 58 giorni. 

Tuttavia, Nakamoto ha impiegato solo 4 minuti per estrarlo, con una potenza di calcolo piuttosto ridotta, come evidenziato dal scriptSig di detto blocco. Nakamoto aveva un computer più potente? È stato fortunato? Non lo sappiamo esattamente. La verità è che tutto sembra indicare che se avesse avuto un computer molto potente, o semplicemente, sarebbe stato troppo fortunato.

Ma il mistero si fa più grande. Il blocco 1 è uscito 6 giorni dopo, con difficoltà simili. Subito dopo è stata accelerata la produzione dei blocchi mantenendo lo stesso livello di difficoltà. Nakamoto aveva una mining pool personale? Non lo sapremo neanche noi, ma ci sono indicazioni che la rete iniziale di Bitcoin fosse molto limitata nella sua genesi, infatti la difficoltà di mining non è cambiata in un lungo periodo di tempo, quindi solo Satoshi Nakamoto è stato colui che ha minato sulla rete. Inoltre, le prime funzionalità per i pool di mining sono arrivate molto più tardi, perché il primo software Bitcoin non aveva questa possibilità. 

Quindi il mistero del blocco genesi è ancora più grande e probabilmente non sapremo mai come il blocco è stato effettivamente generato. Ma d'altra parte, questo apre le porte alle diverse teorie dei blocchi impossibili, specialmente dei blocchi 21E8.

Il mistero dei blocchi con hash 21E8

I blocchi 21E8 hanno caratteristiche molto peculiari e per vederli vi mostriamo uno di questi hash:

00000000000000000021e800c1e8df51b22c1588e5a624bea17e9faa34b2dc4a

Come puoi vedere, la stringa "21e8" si trova subito dopo la stringa "0" dell'hash. Detta catena di 0, indica indirettamente il livello di difficoltà del mining. Ed è che, poiché più "0" vengono aggiunti all'inizio dell'hash, più difficile e complesso è il mining di Bitcoin. Quindi fare in modo che quella stringa (21E8) appaia sempre subito dopo questi "0" ea velocità regolari è un evento piuttosto improbabile.

Tuttavia, è proprio l'improbabile quello che è successo. L'hash sopra, ad esempio, appartiene al blocco 528249, datato 6/19/18. Ma prima di loro c'erano i blocchi 26284, 83434, 187323, 259695, 304822, 349158, 437039, 475118, secondo i dati forniti da Emin Gün Sirer.

Se guardiamo ciascuno di questi blocchi, sono separati da tempi che vanno in media a 393 giorni. Un motivo che non si ripete con altre catene. Tuttavia, come ha detto molto chiaramente Emin Gün Sirer, la generazione di queste catene è possibile e lo ha dimostrato matematicamente. Il fatto che si ripetano periodicamente risponde al fatto che la potenza di Bitcoin e della sua rete è enorme, l'umanità non ha mai generato una macchina potente come questa e ci sono i frutti, rendendo possibile il quasi impossibile.

Tuttavia, ci sono persone a cui piace il mistero, e per questo motivo è stata creata una marea di teorie aggiuntive, di cui ne nomineremo alcune.

Alcune altre teorie generate sui blocchi impossibili

Bitcoin è un dio autogenerato

Bitcoin è l'unicità dell'intelligenza artificiale in un mondo governato da macchine che hanno viaggiato nel tempo fino ai nostri giorni e hanno creato la blockchain per consentire agli uomini di dare molta potenza di calcolo per la propria creazione, Bitcoin è un dio auto-generato.

Questa è una delle teorie avanzate sul fatto di come Bitcoin abbia funzionato sin dal suo inizio. Ed è che molte persone pensano che Bitcoin sia una tecnologia portata dal futuro da Satoshi Nakamoto e che la sua scomparsa sia dovuta al fatto che è stato catturato per aver utilizzato un portale temporaneo illegale.

Un'ipotesi abbastanza creativa ma questa teoria è totalmente fuori da sé, perché la verità è che tutte le basi di Bitcoin sono state create durante gli ultimi 100 anni, quindi questa teoria cade a causa dell'enorme peso storico e delle prove contro di essa. Un'altra cosa è che "Bitcoin è un dio auto-generato", qualcosa che è stato preso in modo divertente dalla comunità.

Bitcoin ha applicazioni oltre quelle immaginate

Un'altra teoria molto comune per spiegare questo genere di cose è che Bitcoin, il suo enorme potere computazionale, la generazione di hash per tutto, ha un uso oltre ciò che possiamo vedere e che Satoshi Nakamoto sta raccogliendo tutte queste informazioni per raggiungere il suo obiettivo. finale, che è sconosciuto.

L'idea è anche alimentata da qualcosa che molti chiedono regolarmente Tanta potenza di calcolo e consumo energetico solo per generare hash la cui unica funzione è mantenere in funzione una criptovaluta? Sicuramente a molti sembra uno spreco di potenza ed energia di calcolo. Anche se è anche vero che Bitcoin come rete e forma di denaro vale questo e molto di più.

Nonostante ciò, molte persone hanno utilizzato questa teoria e l'hanno utilizzata per generare variazioni, alcune più eclatanti di altre, e di cui commenteremo alcune:

  1. Bitcoin e la sua rete sono in realtà la base per costruire una rete computazionale per aumentare artificialmente l'intelligenza degli esseri umani. La domanda è come sarebbe fatto? Nessuno conosce la risposta ed è improbabile che sia vera.
  2. Bitcoin è l'elemento costitutivo di una rete molto più ampia di conoscenza ed economia. Come ad esempio quello ideato da Progetto Xanadúdi Ted Nelson. Quest'uomo è un visionario a cui dobbiamo la creazione di Internet ipertestuale come lo conosciamo ora. Per chi non conosceva il Progetto Xanadú, era un progetto di rete di scambio e informazione molto simile a Internet, ma di gran lunga molto migliore e soprattutto decentralizzato. Il progetto è nato nel 1960 e ancora oggi Ted continua a sviluppare la sua idea. Questa idea è del tutto possibile, perché Bitcoin potrebbe certamente essere la base per costruire una rete del genere.
  3. L'aspetto degli hash "21E8" ha un significato cosmico che cerca di svelare la teoria del tutto in fisica. Forse la teoria più folle a questo punto, ed è supportata, in quanto "21" si riferisce al limite di emissione di Bitcoin. Mentre "E8" fa riferimento al gruppo di Lie, un insieme algebrico con cui si studiano le simmetrie e che è l'origine di una delle Teorie del Tutto con cui si cerca di creare un'unica equazione che spieghi tutto nell'Universo.

Conclusioni

Come vedi l'idea di "Blocchi impossibili di Bitcoin", non è così realistico come molti cercano di far sembrare. La comparsa di schemi come "21E8" non significa che ci sia una mano invisibile che manipola Bitcoin dall'ombra e viola tutte le leggi del mondo fisico. O se…. 😛

D'altra parte, la generazione del blocco genesi risponde maggiormente a un indovinello lasciato da Satoshi Nakamoto. Un indovinello che forse può darci una risposta su chi è veramente, ed è lì in attesa che qualcuno lo capisca. O Forse l'enigma non dice chi sia, ma se hai accesso alle chiavi private di Nakamoto e che potrebbero farti possedere una fortuna ... inizia a sognare ... 🙂

Nel mondo di forse, molte cose possono essere, ma la verità è che logicamente, i blocchi impossibili di Bitcoin sono solo il terreno fertile di leggende, come molte altre che sono state generate nella comunità e fanno parte della sua ricca storia. e cultura.