Eric Hughes è un matematico, crittografo e programmatore di computer americano. La sua popolarità trova la sua origine nella sua partecipazione alla fondazione del movimento cypherpunk.

TOgni movimento politico, ideologico o sociale ha come punto di partenza uno stimolo scatenante. La preoccupazione per il diritto alla privacy lo ha motivato Eric Hughes essere parte della rosa dei candidati che ha fondato il movimento Cypherpunk.

Tutto è iniziato quando Timothy C.May, John Gilmore e lo stesso Hughes formò un piccolo gruppo per le riunioni mensili. Gli incontri si sono tenuti a San Francisco Bay (CA), precisamente nel Soluzioni Cygnus, Gilmore sul posto di lavoro. Preoccupato per il diritto all'anonimato, il membro Cynthia Dwork ha battezzato il gruppo con a nome di Cypherpunks. Il nome è stato formato da Cifra (codice o crittografia) e Cyberpunk (sottogenere di fantascienza).

Successivamente è apparsa l'ormai popolare mailing list Cypherpunk mailing list. Questo elenco creato da Eric Hughes, T. May e Gilmore è stato il terreno fertile perfetto per lo sviluppo del Cypherpunk. Ed è questo, oltre ad avere inizialmente un gruppo pieno di personalità notevoli, era dove la creazione di Bitcoin. Va detto che Eric Hughes non è stato solo co-creatore, ma ha anche interpretato il ruolo di amministratore tra gli anni 1990 e 2000.

Eric Hughes benvenuto nella Mailing List Cypherpunk

Remailer Cypherpunk o Tipo I.

Uno dei progetti per cui Eric Hughes ricevuto più alto riconoscimento, è stata la creazione di Primer remailer anonimo da Internet. Eric ha creato questo servizio insieme a Hal Finney, in 1992.

Un remailer, è un servizio che riceve e inoltra messaggi di posta elettronica che funge da gateway. il función dei remailer, è quello di rendere anonimo direzione mittente. Per fare ciò, dopo aver ricevuto un'e-mail, il remailer ha prima rimosso le informazioni del mittente. Subito dopo, invece, includeva una serie di dati casuali, dopodiché veniva inoltrato al destinatario finale. In altre parole, il messaggio è stato distribuito e ha anche mantenuto la privacy e l'anonimato del mittente dell'email originale. Questo sviluppo ha segnato la nascita del primo tipo di remailer, il cosiddetto remailer cypherpunk.

La creazione di questo tipo di servizio, fatta pubblicare informazioni sensibili sarebbe meno rischioso. Era appena sufficiente inviarlo tramite e-mail a una mailing list accessibile pubblicamente. Poiché la posta non poteva essere ricondotta al mittente, i remailer erano lo strumento ideale per l'attivismo sociale. Grazie a loro, gli abusi di potere potrebbero essere resi visibili senza timore di rappresaglie. Sono stati utilizzati per dare accesso pubblico ai dati che dovrebbero essere, come rivelare segreti governativi o rivelare segreti dell' Chiesa di Scientology. Senza dubbio, aggirare i meccanismi di censura è fondamentale per preservare diritti come la libertà di espressione e l'accesso alle informazioni.

Sviluppi criptoanarchici

Due anni dopo, nel '92, Hughes ha scritto insieme a Tim May "Il Manifesto Cypherpunk". È stato con la pubblicazione di questo documento che sono state gettate le basi del movimento e la sua visione per il futuro. Questo tipo di attivismo sociale e cyberattivismo si è rivelato piuttosto scomodo per il governo degli Stati Uniti, come era prevedibile.

I Cypherpunk si sono opposti al tentativo del governo di controllare l'uso e l'esportazione di criptovalute attraverso politiche normative. La sua lotta si è concentrata sulla difesa del diritto pubblico su come utilizzare la crittografia come strumento interamente privato. La guerra per la privacy tra cypherpunk e governi continua come succede nel conflitto di Wikileaks . Infatti, Julian Assange fa parte del primo gruppo di attivisti a comparire sulla mailing list cypherpunk.

  • Elenco e-mail del Manifesto Cypherpunk
  • Eric Hughes crypto ribelle
  • Cypherpunk scrive il codice Eric Hughes
  • Eric Hughes crypto ribelle

"La privacy è necessaria per una società aperta nell'era digitale ...Non possiamo aspettarci garanzie sulla privacy da governi, società o altre enormi società senza volto ...Dobbiamo difendere la nostra privacy se speriamo di averne qualcosa ...

I Cypherpunks scrivono il codice.

Sappiamo che qualcuno deve programmare software per difendere la privacy e ... lo scriveremo. "

Eric Hughes - Manifesto Cypherpunk

Cypherpunk nei mass media

Il cypherpunk non solo ha ricevuto l'attenzione delle autorità governative, ma ha anche suscitato l'interesse dei media durante il conflitto:  In 1993, Steven Tributo pubblicato un ampio reportage per la rivista Wired qualificato CRYPTO RIBELLI.

Levy ha riflettuto sulle basi dell'attivismo del movimento cypherpunk e sul suo manifesto dopo aver assistito ad alcuni incontri a Cygnus Solutions. In esso ha citato la famosa frase di Eric Hugues "Cypherpunks scrive codice".

Tre cypherpunk mascherati sono apparsi sulla copertina della rivista, sotto il titolo "Ribelli per una causa: la tua privacy". Gli uomini mascherati erano ovviamente Timothy C. May, John Gilmore e lo stesso Eric Hughes.

Anni dopo, Steven Levy pubblicherebbe il popolare Crypto: Saving Privacy in the Digital Age (2001).

Eric Hughes ha cablato Crypto Rebels

“Il mio obiettivo principale per i cypherpunk è convincere le persone a difendere la propria Privacy, piuttosto che fare affidarsi a qualcun altro per far sí che la fornisca."

Eric Hughes - Cypherpunk Mailing - List 23 marzo 1993